10 Commenti

Spaccio di eroina, gruppo di indiani smantellato dall'Arma

Della vicenda si stanno occupando ora i carabinieri

Gruppo di indiani dedito allo spaccio di eroina smantellato dai carabinieri di Solarolo Rainerio e Casalmaggiore. L’indagine dell’Arma ha fatto scattare l’arresto per tre persone, sgominando un fiorente giro di droga tra le province di Cremona e Mantova, soprattutto nell’area di San Giovanni in Croce (proprio di San Giovanni in Croce uno degli indiani bloccati, gli altri due sono di Rivarolo Mantovano e Calvatone). L’attività investigativa, portata avanti con metodi tradizionali, ha preso il via negli ultimi mesi del 2010. Una decina i clienti identificati e segnalati. Un etto di sostanza stupefacente sotto sequestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gianluigi Baldesio

    Che notizia buffa. Ribalta tutti i luoghi comuni.
    1. Gli stranieri fanno quei mestieri che gli italiani non vogliono piu’ fare.
    Beh, se il mestiere che gli italiani non vogliono piu’ fare e’ lo spacciatore di eroina non mi sembra una grande prospettiva. Anche perche’ purtroppo gli italinai che non hanno piu’ niente da sognare si rifugiano nei sogni artificiali e sintetici.
    2. Gli indiani sono gente pacifica e corretta.
    Sono anche molto devoti: prima il tempio in quel di Pessina, poi la festa con lo sperpero0 di acqua che c’e’ gente che muore di sete e loro ci puliscono una strada pulita, poi un altro tempio per il santo, poi litigheranno i capimandamento, turbante arancione contro turbante lilla di GreyPey e ale’, altri tempi da erigeri con o senza le cupole d’oro. Se i soldi per le costruzioni li prendono da quattro disperati eroinamani che a loro volta li rubano in caso o alla collettivita’ qualcosa mi dice che si paga ancora noi. I cari indiani pagherrano con atto di contrizione il male fatto dai loro/nostri fratelli?
    3. I bergamini guadagnano bene.
    I bergamini guadagnano abbastanza bene, appena meno di un Povero cristo come il compagno Pizzetti che pero’ lavora molto ma molto di piu’, ma evidentemente come il compagno hanno bisogno di arrotondare. il compagno riempie gli spazi sui giornali in cerca di pezzi per rimpolpare le pagine cosicche’ da aumentare gli spazi pubblicitari, i bergamini spacciano. Al compagno la campagna elettorale, specie se e’ gia cominciata costa e ai bergamini l’acqua di colonia costa un botto.
    4. La campagna investigativa ha preso avvio negli ultimi mesi del 2010. DEL 2010.
    Era meglio lasciar perdere. Se ci vuol un anno e mezzo per arrestare tre che per un anno e mezzo han distribuito eroina, niente meno, adesso sono agli arresti domiciliari, ma son ottimista: questi non li vedono piu’, si riciclano come sciacalli a Modena e magari riescono ad avere una tenda vitto e alloggio compresi e’ meglio dedicarsi ad altre attivita’ che so, un autovelox che tra infrazione e pagamento passano una trentina di giorni. quonto e’ costata un’indagine di tal ampiezza e per che cosa? si possono scambiare con due Maro’, almeno?

    • amelia

      Oh…ecco finalmente una notizia che piace tanto alla famiglia Baldesio…(Giovanni, Giacomo, Giuseppe, Gianluigi,…)
      Premetto subito che NON è mia intenzione difendere i delinquenti, di qualsiasi etnia siano: chi compie reati deve fare i conti con la giustizia e pagare il suo debito con la società.
      Mi fa “schifo” però la banale generalizzazione che i Baldesio continuano a voler sottolineare. Allora, secondo il luogo comune del Baldesio di turno, noi italiani dovremmo essere considerati tutti mafiosi? Se il Baldesio, invece di attaccarsi in maniera pretestuosa a notizie di cronaca varia per esprimere soltanto i suoi soliti punti di vista (dalle manifestazioni pacifiche dei Sikh, al concorso dei corti,ecc…)dichiarasse una volta per tutte di essere solo “un pochino razzista e un pochino anticomunista” sarebbe tutto più semplice per lui e potrebbe evitare continui interventi sugli stessi temi. Per noi poco cambierebbe, con chi abbiamo a che fare l’abbiamo già capito da un pezzo.

  • condivido in pieno ciò che scrive gianluigi.
    si vede che questi indiani si sono integrati bene col lavoro che svolgono molti rumeni,albanesi,bulgari,rom,e chi più ne ha più ne metta.gente cosi ben integrata che ha rubato il lavoro agli italiani nello..spaccio,nella prostituzione,nei furti,ecc ecc.
    in effetti questa”inadagine tradizionale”su cosa si basa?se ci son voluti quasi 2 anni x finire le indagini di sti indiani che spacciavano,avranno usato il metodo del 1945!ahahaahhah..mah!no comment!

  • ipos

    ma come si fa a fare certi commenti? pseudotrattati di sociologia basati su un paio di arresti..vi manderei a fare i bergamini per una settimana!!

  • jacks

    certi commenti si commentano proprip da soli,comunque un grazie ai Carabinieri per il lavoro che hanno fatto

  • chiara

    sempre più spesso arresti , denunce , sequestri con di mezzo l’eroina. Non mi piace questa cosa visto quanti danni ha fatto questa droga in passato!

    • jacks

      e la cocaina?ne gira a fiumi caz. che gli arrestino tutti

      • chiara

        c’è anche quella piaga effettivamente…

  • malebene

    in carcere per vent’anni, altro che condoni, proroghe, condizionali, permessi, indulti ecc. Vedi poi come passa la voglia spacciare

  • Astolfo

    … quanti investigatori, professori e dotti che leggono e commentano. Ci sarebbe da riempire un bilico di intelligenza. Gli uomini dell’arma, sottopagati e al di fuori del loro orario di lavoro si fanno un culo così per arrestare tre spacciatori e qualcuno ha pure da dire. Vi meritereste che spacciassero a vostra sorella ma non per un anno, per dieci di fila. C’è pure chi si chiede quanto è costata un’operazione del genere. Penso meno – comunque – che a far studiare tanti di voi professori. Con risultati certamente minori che l’operazione dei carabinieri…