3 Commenti

Scippa una disabile, arrestato romeno di Castel Gabbiano

polizia

Un romeno di 29 anni, residente a Castel Gabbiano, in provincia di Cremona, e un albanese di 21anni domiciliato a Romano di Lombardia, nel bergamasco, sono stati arrestati dalla polizia di Bergamo dopo una breve fuga durata solo 500 metri. I due avevano appena commesso uno scippo ai danni di una 54enne disabile, accompagnata dalla madre di 82 anni. Le due sono state derubate lunedì sera verso le 22.30 in via Bonomelli. La coppia di malviventi era a bordo di una Hyundai e si è allontanata in direzione della stazione. In via Bono, all’incrocio con via Tommaseo, la macchina è stata intercettata e bloccata da una volante della questura inviata sul posto dopo la segnalazione giunta al 113 da parte delle due vittime. Sia il romeno che l’albanese sono sospettati di aver messo a segno altri colpi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gennario Baldesio

    Ormai ci si abitua a tutto . I piu’ neanche se ne accorgono. qualcuno se ne accorge ma per finta umanita’ volge lo sguardo da altra parte.
    Un Romeno e un Albanese, il romeno cremonese, non hanno niente di meglio da fare che scippare un’invalida (non piego le parole alla finta comprensione) e la madre ottantenne.
    Il gesto e’ di un uomo di merda, se gli uomini sono due che possono parlare, rendersi conto di quello che stano per compiere la cosa e’ decisamente preoccupante.
    Quale cosa?
    Due individui scippano un’invalida che chissa’ che vita ha avuto e la madre 82enne che probabilmente e’ li a tirare la carretta proprio per la figlia. e si sa che gli portano via due lire, non di piu’ ne hanno, che a loro servono… ma la cosa brutta e’ che i miserabili, senza possibilita’ di riscatto, portano via alle due donne qualcosa di piu’ prezioso del denaro con cui i deboli contabilizzano tutto. Portano via alle due la tranquillita’ di una passeggiata serale nella loro citta’, magari unico atto di serenita’ in una vita non facile.
    Chi?
    Potevano essere italiani.
    Si certo. Ma se erano italiani qualche ramo della loro famiglia, zii, nonni, un parente lontano avrebbe provato grande vergogna per il loro atto: avrebbe pagato in termini di onorabilita’. E tra l’altro avrebbe anche contriibuito al mantenimento nelle patrie galere delle quali so che tanto sono i due tapini non proveranno il vitto.
    Invece no. i due dopo aver fatto quello che hanno fatto sarano liberi iin attesa di un processo che la madre probabilmente no vedra’, magari la figlia non capira’ e quasi sicuro non si celebrera’. E semplicemente, nomadi dell’onore, andranno da qualche altra parte come predoni nel terreno di caccia.
    E magari saranno mantenuti dalla collettivita’ che disprezzano e sfruttano perche’ di certo, di fame non muoiono.

    Cosa abbiamo fatto di un patrimonio che si chiamaVA Italia!
    Che fine ingloriosa!
    che vergogna!

    All’uscita del Sacrario di Redipuglia e’ scritto:
    “O viventi che uscite, se per voi non duri e non cresca la gloria della Patria noi saremo morti invano”

    Riposate in Pace, almeno Voi. A noi il tormento del tradimento.

    • amelia

      Gli interventi sono tutti uguali. L’unica curiosità è sapere quale sarà il prossimo Baldesio ad esternare. Dopo Giovanni, Giuseppe, Giacomo, Gianluigi e Gennario (e qui ci si potrebbe anche aspettare che i prossimi siano Febbrario, Marzio, Aprilio, ecc…) il Baldesio ci stupirà o continuerà ad essere prevedibile? Se è a corto di nomi gliene consiglio qualcuno:
      Gabriele, Gaetano, Gaio, Galeazzo, Galileo, Gaspare, Gastone, Gaudenzio, Gavino, Gedeone, Genesio, Gerardo, Geremia, Germano, Gerolamo, Geronimo, Gervasio, Gesualdo, Gherardo, Giacinto, Giacobbe, Giambattista, Gianbattista, Giancarlo, Giandomenico, Gianfranco, Gianluca,
      Gianmarco, Gianmaria, Gianmario, Gianpaolo, Gianpiero, Gilberto, Gildo, Gillo, Gioacchino, Giobbe, Giocondo, Gioele, Giona, Gionata, Giordano, Giorgio, Giosuè, Giotto, Girolamo, Giuliano, Giustiniano, Glauco, Goffredo, Golia, Gottardo, Graziano, Gregorio, , Gualberto, Gualtiero, Guelfo, Guerrino, Guglielmo, Guido, Gustavo.
      Ce ne sarebbero anche altri ma non dovrò suggerire tutto io!

      N.B.: certi reati sono disgustosi come disgustose sono le persone che li compiono, però la loro nazionalità non c’entra niente.

  • Paolo

    Colonnello della Guardia di Finanza, dopo 5 anni di indagini, scopre frode fiscale di 98 miliardi di Euro ai danni dello Stato Italiano e il conseguente pagamento di 2,5 miliardi di euro,anziché promuoverlo lo fanno dimettere. Anche questa è Italia!