2 Commenti

Rincari, i sindacati non si fermano: "Giunta incapace di tutelare le famiglie" Chiesti incontri con le forze politiche

Comune

Sopra, Palazzo comunale

AGGIORNAMENTO – I sindacati non si fermano. Dopo essere passati all’attacco della Giunta nelle scorse ore con una nota durissima sulle recenti mosse dell’amministrazione fra Imu, innumerevoli rincari e tavoli di confronto praticamente insoddisfacenti (leggi l’articolo), le tre sigle lanciano ulteriori strali. Nel nuovo comunicato di Cgil, Cisl e Uil si legge: “Le segreterie sindacali provinciali intendono proseguire nell’azione di rivendicazione nei confronti della Giunta comunale di Cremona”.

Si pretende il rispetto degli accordi sottoscritti “che prevedono un confronto democratico e trasparente con le forze sociali”. Il protocollo di gennaio, seguito ad un incontro del 6 dicembre tra l’assessore al Bilancio Nolli, le segreterie confederali e dei pensionati, è stato firmato anche dal sindaco Perri. In esso si fa riferimento alla “situazione difficilissima in cui versa il Paese” e alla necessità di “tutelare le situazioni di fragilità e di supportare i redditi da lavoro e da pensione”; e tra quanto previsto nel documento, un “confronto sindacale da continuare in modo puntuale e periodico durante la predisposizione del bilancio comunale 2012”, l’approfondimento di “tutti i capitoli di spesa i cui effetti ricadono sulle persone e sulle famiglie” e l’estensione del confronto “attraverso il metodo della concertazione a tutte le tematiche che il Comune di Cremona intende affrontare e che rispondono al criterio di cui sopra”.

La nuova nota dei sindacati “stigmatizzata l’incapacità di questa amministrazione comunale di trovare soluzioni che tutelino le famiglie normali che combattono quotidianamente con le difficoltà in costante aumento”, e che “continuano ad essere dissanguate da prelievi che assottigliano le loro già poche risorse economiche”.

Si parte con un percorso “per dare concretezza e visibilità alla propria azione”, “nella consapevolezza che esiste un’alternativa”.

Dai sindacati la richiesta di incontrare il presidente del Consiglio comunale e i capigruppo di tutte le forze politiche in Consiglio. Sottolineata, inoltre, la propria presenza in commissione bilancio il prossimo 14 giugno.

LA NOTA COMPLETA

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • danilo

    Questa amministrazione è piu’ o meno al livello di tante amministrazioni di centrosinistra: potrebbe tranquillamente terminare il suo mandato senza infamia e senza lode . Un aurea mediocrita’ che può trovare mille giustificazioni nei limiti al bilancio imposti dall’ amministrazione centrale dello stato. Come infatti ogni amministrazione di centrosinistra tranquillamente rivendica.
    Il problema di Perri e c. non è tanto di essere di centrodestra , quanto di aver instaurato dal loro insediamento una relazione ambigua e ammiccante con i sindacati, con il personale del comune , con singoli personaggi del centrosinistra.
    Pochi esponenti della giunta , secondo me, si salvano da questo ” cinque in condotta “.E d’altronde , fino a stamattina, criticare Perri, nel centrodestra, era delitto di lesa maesta’. Lo si poteva fare, ma in gran segreto, da cospiratori, da apprendisti eversori.
    Da un po’ di tempo invece il re è nudo , e i sindacati e la minoranza gli presentano il conto.Salatissimo.
    Da oggi Perri deve fare i conti con meno strette di mano e meno sorrisi quando incontra la gente per strada. Chissà , qualcuno, aizzato dai sinistri e dai sindacati, potrebbe perfino arrivare all’insulto.
    Ma questa è la poltica, caro Perri. Quella che tu, in questi tre anni, non hai mai voluto capire. E , come te, alcuni tuoi colleghi di giunta.

  • SENZA QUARTIERE

    Degno fratello della Provincia, http://www.cremonaonline.it ingigantisce:
    “Il Comune rilancia la lotta agli evasori”
    dove penseresti che stia inseguendo gli ex concittadini che, stufi delle tasse, siano fuggiti in un Comune più amico.
    Ma quando leggi che l’obiettivo è recuperare 180mila euro per la Tarsu, 150mila per la Cosap e 550mila per la vecchia Ici, e l’ha messo nero su bianco nella relazione unita al bilancio, capisci di non aver capito o che qualcuno ha capito ancor meno….

    Cremona 09 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info