37 Commenti

Vigili costretti a fare solo multe, con Perri addio 'urban police'

Vigili

Dove sono finiti i vigili urbani? Dov’è il corpo di Polizia locale che ha fatto corsi di judo e karate, quello che con l’ex assessore leghista Zagni faceva posti di blocco, multava i clienti delle prostitute, presidiava la città, metteve a segno operazioni di polizia a tutti gli effetti? Ridimensionato, quasi sparito. Tutto preso a far multe per divieti di sosta o a gestire autovelox per garantire quei 3 milioni e 200mila euro che l’assessore al bilancio Roberto Nolli ha messo a bilancio per il 2012. La delega alla sicurezza e alla vigilanza adesso è del sindaco Oreste Perri  (un disastro in questo settore) e ogni giorno riceve schiaffi morali e politici dall’iperattivismo dei carabinieri che, in mancanza della vigilanza urbana, si sono attivati negli ultimi giorni in blitz nei parchi e nei giardini cittadini con diversi risultati sul fronte stupefacenti: davanti alla stazione, al parco del Vecchio Passeggio, al parco Sartori, al Trebbia. E si sono mossi nella stessa direzione anche dalla questura. Un’operazione di surroga di compiti altrui che sta facendo montare il malumore tra gli stessi vigili urbani, un tempo veri “urban police” ed oggi semplici custodi del traffico (col supporto dei varchi fabbrica multe), delle soste e degli eventuali incidenti stradali. E il presidio del territorio? E i vigili di quartiere? E la sorveglianza ecologica, un tempo sbandierata anche con corsi ad hoc? Basta fermarsi a parlare con qualche vigile e la lamentela è costante: “Dobbiamo fare solo cose che ci rendono antipatici ai cittadini, i meriti vanno agli altri”. Il malumore cresce. Nei prossimi giorni anche le organizzazioni sindacali della Polizia locale faranno sentire la loro voce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gennaro

    Se questa è la strada seguita del sindaco Perri, allora 20 vigili in meno e 20 carabinieri in più.

    • W:PERRI.

      MAGARI!!!!!!!!!

      • giorgio

        già fatto..nel 2010 erano 17 in più…tutti via in mobilità in oosequio ai tagli di Brunetta….e vogliamo che i servizi non ne risentano?

        • Michele

          Brunetta? E cosa c’entra con la mobilità dei 20 vigili.
          Si è preferrito non rimpiazzarli per altri motivi, preferendo inserire altre figure nell’organico Comunale anzichè vigili.

  • io lo so dove sono i vigili..in zona Po a multare le auto con targa italiana quando passa la spazzatice..dico solo quelle italiane,perchè ormai quelle con targa rumena,bulgara o albanese manco le multano piu,visto che i proprietari scendono,la tolgono e la stracciano.questa è l italia ed i nostri vigili urbani!provate a chiamarli x far spostare un auto dal passo carraio..la risposta è”non abbiamo pattuglie disponibili,aspetti che torni il proprietario!!!”
    amen!

    • fabrizio

      a Roby27: spesso concordo con le tue idee, a volte non le condivido. E’ normale. Ma in questo caso sei in mala fede o bugiardo; mai e poi mai ti sarà stata data la risposta “..aspetta che torni….”. Vero è che forse non è possibile evadere tutte le richieste, ma perchè allora non chiami il 113 o il 112 ? Sei in mala fede o bugiardo? Amen.

  • jimmy

    a sto punto il problema non sono i vigili..ma chi sta un bel po’ piu’ in alto

    • Pierre Robes

      Proprio così, dopo il lungo periodo dei compagni che ha caratterizzato in particolare l’ultimo decennio, (ricordo a tutti che proprio 6 mesi prima delle ultime elezioni comunali la città era quasi militarizzata dalla presenzxa della polizia locale), l’avvicendamento non è stato proprio di quelli indovinati.

  • genna

    Zagni utilizzava i vigili per fare sicurezza, da quando non c’è più sono sparite le pattuglie in mountain bike ed il presidio dei parchi, così è aumentata l’insicurezza dei cremonesi che frequentano i parchi e i furti in zona colonie padane sono diventati all’ordine del giorno…. grazie Perri!

    • Pierre Robes

      Ma che sicurezza, ma dai…non facciamoci ridere dietro….

  • Spartaco

    “La delega alla sicurezza e alla vigilanza adesso è del sindaco Oreste Perri (un disastro in questo settore) e ogni giorno riceve schiaffi morali e politici dall’iperattivismo dei carabinieri”: deontologia professionale vorrebbe che giudizi così articolati e politicamente complessi portassero una firma, una sigla, una faccia.
    Se anche la sicurezza dei cittadini diventa spunto di polemica puerile, la vedo malissimo per i cremonesi…
    p.s.
    il sottoscritto non è un professionista

  • Vi Veri Veniversum Vivus Vici

    …aggiungerei che per chi viene in città in macchina e non può farne a meno la vita è veramente dura… ztl,disco orario e tutti parcheggi a pagamento,in una giornata di lavoro uno dovrebbe correre a cambiare oradio 8 volte,pagherebbe circa 5-8 euro al giorno di parchimetro (considerando il valore di una giornata lavorativa si passa al comune dal 4 al 8% del guadagno oppure rischia e si becca una multa. Di certo ad inquinare ci sono anche le macchine,ma le fabbriche (arvedi etcc) i riscaldamenti no? perchè non si creano incentivi ai condomini e a privati per termosolare e elettrosolare??? dove vanno a finire i soldi delle tasse e anche quelle delle multe… diranno che il comune non ha soldi,è vero,ma possibile che non ci sia proprio nessuno in comune che ha privilegi? mandate pure a fare le multe,resterete sempre dei disonesti,intellettualmente e forse anche non intellettualmente.

    • W:PERRI.

      hai mai provato a girarne altre in auto?……provaci e non ti lamenterai piu’ di Cremona……

      • Pierre Robes

        Bravo, condivido

  • NO ABC

    Finalmente della sana informazione, queste sono le notizie che gli organi di informazione dovrebbero riportare. Bravi!

  • Dario Antoniazzi

    Da tempo sto alla larga dal dibattito politico locale. Ma su questo tema non posso tacere. Nel 2008-2009 mi è capitato di partecipare a duri confronti on line – su facebook e su altri social – sulle vicende comunali. La rete era piena di pasdaran del centrodestra e di Oreste Perri. Attaccavano a testa bassa Corada e la sua giunta. Utilizzavano due temi di fondo: le multe ed il traffico, da una parte, la sicurezza dall’altra. Io parteggiavo per il sindaco Corada e cercavo di portare le discussioni sui dati. Ma non c’era niente da fare: Corada veniva spacciato come un “dracula” che dissanguava i cremonesi con le multe oppure veniva dipinto come alleato dei più biechi e violenti extracomunitari.
    Ora leggo che sul tema della sicurezza e delle multe Perri sembra fare proprio ciò che i “destri” cremonesi imputavano, con molta fantasia e con molte bugie, a Corada.
    Ed io non riesco a trattenermi: avete voluto la bicicletta ?? ….. Adesso: PEDALAREEE!!!!!

    • Spartaco

      sono d’accordo; in ogni caso, vedi alla voce “democrazia”.

    • W:PERRI.

      Con la giunta Corada i vigili o erano impegnati a far multe o erano a coordinarsi in tutti i bar compresi quelli periferici.Scusa ma la giunta Corada non ci sentiamo di rimpiangerla…..

      • VIA PERRI DA CREMONA

        Allora non è cambiato niente da Corada a Perri, solo più multe.

        • Pierre Robes

          Già, lo stesso identico errore commesso dalla precedente amministrazione, proposto da qualche furbone dell’apparato che in Comune imperterrito ancora comanda e che qualche fessacchiotto dell’attuale ha pensato bene di fare suo……senza considerare che le elezioni comunali avranno luogo tra meno di due anni. Così facendo questi signori si mettano il cuore in pace sin da adesso, dopo le prossime elezioni si troveranno a ciò che forse sanno fare bene: cioè l’opposizione.

        • Pierre Robes

          Aggiungo, i compagni comunque ringraziano vivamente per l’ottima opera sin qui portata avanti.

      • W:PERRI.

        noooooo!piu’ multe,meno cultura e senza ombra di dubbio maggior attenzione e buon senso.se a te par poco……….

  • buongiorno fabrizio!
    non sono nè in malafade nè bugiardo!sei un vigile urbano?
    no,perchè allora hai un pò di coda di paglia dicendo ste cose.
    è una risposta ricevuta dal sottoscritto per far spostare un auto(col carro attrezzi)che era davanti al mio cancello d ingresso.te lo ripeto,risposta:non abbiamo a disposizione il mezzo per intervenire!
    e dovrei chiamare polizia,carabinieri,esercito,vigili del fuoco,finanza,per un intervento del genere?penso abbiano cose piu importanti da fare che spostare un auto..cosa che invece la polizia munipipale è “obbigata”a fare..
    buona domenica

  • ALZIAMO LA TESTA

    La Provincia, quotidiano unico di Cremona per adesso, mette in evidenza un lettore, il millesimo, che protesta contro i politici che solo oggi decidono di pagare i pass come i cittadini. Addirittura lo sostiene, mentre tace sulla seconda nota: “taluni politici arrivano pure a chiedere l’annullamento di alcune multe o sanzioni.”
    Ora, io spero sia solo uno sfogo rabbioso, ma ci pensino, i politici, una politica che abbia riguardo per i loro supposti diritti, e se ne infischi dei cittadini, porta inevitabilmente a ingrossare le schiere del Grillo di turno…..

    Cremona 17 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • Pierre Robes

      Beh, se fosse vera (e qui non me la sentirei di mettere la mano sul fuoco senza paura di scottarmi) la notizia delle multe prese dai politici e poi annullate senza motivo, sarebbe poi interessante sapere a chi appartiene la manina che ha osato tanto, alla faccia di tutti i cittadini che le multe le pagano. Credo che non deve essere molto difficile…..

  • TELEGRAFICHE VOCI SOTT’ACQUA

    Perché Carabinieri e Questura, improvvisamente, fanno azioni dimostrative, effetti speciali direi (per stroncare davvero comportamenti se non criminali, vicini assai, ci vuole tempo), applaudite dai cittadini stufi e in attesa di soluzioni, mentre i Vigili sembrano consegnati in caserma con libera uscita solo per multa selvaggia, anche questo sottolineato con rilievo della Provincia, quotidiano unico di Cremona per adesso, con nota del suo direttore?
    Per caso, solo per caso, succede sempre per caso, tra un po’, trascorso il periodo di decenza, il Comandante dei Vigili verrà sostituito da un angioletto salvatore?
    Per caso, http://www.cremonaoggi.it, che dedica all’argomento un corposo articolo, ha captato voci del genere e voluto dare un avviso forte: fate ciò che riuscite, ma noi non siamo fessi?

    Cremona 17 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • W:PERRI.

      certo è che chi non vede piu’in la’ del proprio naso non nota che i vigili sono finalmente tornati alle loro competenze…..vede, o meglio,vuole vedere solo le multe.In quanto a Zagni lasciamolo riposare in pace con tutti i suoi”compari”.E’meglio x tutti ma soprattutto x la nostra citta’

      • Michele

        Vuole vedere solo le multe?!
        Passare da 1800000 euro di multe dell’Amministrazione Corada, ai 4000000 euro di Perri non è da tutti (mi ricordo le sparate di Malvezzi e Demicheli quando all’opposizione attaccavano Corada x l’incremento delle sanzioni…). W PERRI, W LE MULTE, W LE TASSE, W LE COOPERATIVE!

        • W:PERRI.

          ti devo proprio rispondere o lo fai da solo?

          • filippo

            ma tu chi sei ? il nipote avvocato del sindaco?

  • giorgio

    “..i carabinieri e la questura che in mancanza dlla polizia urbana si sono attivati…” ma stiamo scherzando? E’ il loro lavoro l’ordine pubblico e l’identificazione degli stranieri, hanno terminali nazionali dedicati, banche dati e tutti gli strumenti per lavorare.Forse era prima che la Polizia Locale faceva il loro lavoro senza averne le strutture, ma su questo nessuna critica. Chissà perchè. Sulle multe si può anche discutere, ma sulle competenze che il poco illuminato Zagni aveva voluto arbitrariamente conferire alla Polizia Locale meno male che è arrivato un bello stop.
    Credo che ognuno debba fare il proprio lavoro. Quello dei vigili non è certamente la lotta ai reati.

  • F.Gentili

    Perri tocca e per magia tutto si distrugge! ebbravo il sindaco della gente manco i vigili sa coordinare !!! avanti così !!! applausi

  • UFFA CHE PIANTAGRANE

    Le solite due del Pd cremonese che non lasciano mai lavorare in pace il Pivetti, chiuso nel suo studio (dio mio che m’è sfuggito!) a ricevere i consigli degli amici: adesso gli chiedono in via ufficiale dei blitz dei Carabinieri, quasi a voler sospettare la vicina sostituzione del Comandante dei vigili; così, povero Pivetti, gli tocca farsene inventare un’altra dagli amici. Quelli veri, da cui è attorniato.

    Cremona 18 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • SCALDASEDIE

    “Mentre la polizia municipale e quella provinciale erano impegnate a fare cassa in strada con l’autovelox o a scaldare sedie in ufficio”
    Questa è la definizione, illibata, che Catone il Censore, alias Zanolli Vittoriano, direttore della Provincia, quotidiano unico di Cremona per adesso, ha dato dei nostri Vigili. Sul Punto di domenica 10 giugno.
    Illibata, perché nessuno dei signori che, se non per legge, almeno per senso delle Istituzioni, buon gusto, semplice decoro, aveva l’obbligo di ribatterla, s’è permesso ad oggi, dopo otto giorni, di sfiorarla: l’ha scritta Lui!
    Proviamo a pensare, cari lettori, se un semplice cittadino come noi si permettesse di scrivere e diffondere che i Vigili, un terzo caso per Catone non si dà, sono esclusivamente multaroli o scaldasedie!
    Il sindaco Pivetti, che ha appena finito di festeggiare con loro il 152° dalla fondazione, riempiendoli di elogi, sinceri (Pivetti non racconta mai balle, se non l’indispensabile per la sua professione), o non si è accorto di cosa ha scritto Catone (che non l’abbia letto è impossibile, l’Immenso gli fa provare la lezione tutti i giorni), o non si è reso ben conto delle conseguenze pratiche: non ha senso negarlo, esiste una conflittualità abbastanza chiara tra un tipo di cittadino convinto che la strada sia sua, e il vigile che deve spiegarglielo a suon di multe (perché la carezza: questa volta passi, ma non farlo più, non serve a nulla), che è gravissimo aumentare con dichiarazioni ampiamente diffamatorie, e approvate di fatto col silenzio da chi invece ha l’obbligo di contestarle.
    Ve l’immaginate il pilota beccato a parcheggiare in piazza Duomo: come si permette lei di multarmi, lavativo multarolo come ben sostengono Zanolli e Pivetti!
    Corollario. Comune di Cremona e sindacati, con spruzzatina di Rsu, hanno ripreso di buon animo le trattative sulla sistemazione del mondo: non una parola, nemmeno di Salami Giorgio, quello che salta su di scatto se gli critichi il vicino di stanza, a difesa dei cento colleghi vigili. Il silenzio a volte comunica ben più delle parole. Anche per Rsu e sindacati Catone il Censore ha scritto il vero.

    Cremona 19 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • PER CASO O PER AMORE

    Ha senso negare l’evidenza? Quando un giornale, anche un giornaletto di provincia come la Provincia, quotidiano unico di Cremona per adesso, picchia in continuazione sullo stesso tema, non tra quelli essenziali, tra l’altro, un motivo ci deve essere, anche se, ridicolmente, lo si vuol negare.
    Possibile che Cremona fosse diventata il Bronx della Valpadana, quasi da occupazione militare, e di colpo otto Carabinieri ristabiliscono l’ordine al Parco Sartori, poi riconsegnano la Stazione ai treni liberandola da malfattori in pelle scura etc etc, mentre i vigili stanno a guardare come gli fosse impedito, sotto la guida del Questore, primo responsabile dell’ordine pubblico, di fare la loro parte?
    Come se il Sindaco, che è il loro diretto superiore, non potesse alzare il telefono e dare ordini?
    Ieri la scena madre: mentre la Provincia in carta impiega, intera, la prima pagina della cronaca cittadina a illustrare che Pivetti e il Comandante, Germanà Ballarino, si amano e si stimano, la sera sul fratellino minore on line appare, come se niente fosse: “si infittiscono i rumors che vorrebbero un rapporto non più idilliaco tra il sindaco Oreste Perri e lo stesso comandante della polizia locale Germanà.”
    Bando alle ciance, ecco gli altri rumors, raccolti sia a destra che a sinistra, e se può “rumoreggiare” sommessa la Provincia, lo possiamo tutti: il Comandante Germanà Ballarino deve essere sostituito da una persona con magari non tutti i titoli al posto giusto, tranne quelli di buone relazioni, gli si imputa una mediocre gestione dell’ordine pubblico e il gioco è fatto.
    La verità? Basta aspettare, magari anche riflessioni rese pubbliche possono avere la loro influenza……

    Cremona 19 06 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • MARIO

    Ma il sindaco si ricorda di aver vinto le elezioni sull’onda della sicurezza in città ?
    Forse si ricorda, ma forse una bella mano gliela ha data il nominato del Pd che gli avrebbe dato anche ragione : la cosa più urgente era sostituire l’assessore alla sicurezza del tempo, e abbiamo visto i risultati.

    Si ricorda che il suo attuale delegato demicheli si era proposto come assessore della giunta Corada, per la sicurezza ?

    Si ricorda che erano in partenza le ronde padane ( alias camicie verdi ) ??
    Ora cosa sta partendo ?
    Si ricorda che , dati alla mano, le trasgressioni , le aggressioni,i furti erano forse la metà delle attuali ?
    Ma di che cosa sta parlando !!!
    E per concludere : non vedo “nominati” raccogliere firme come fece la lega a suo tempo.
    Ora, dove sono i nominati e i salvatori della città ?
    La città dei 3 P , ovviamente.

  • Enrico

    Se posso permettermi…
    Uno: lo spazio dedicato ai commenti sembra essere diventato “l’angolo del sig Flaminio Cozzaglio” molto attento, indubbiamente, ma a volte anche troppo. Il Suo Blog forse ha bisogno di qualche visita?
    Due: Corada/Perri/Zagni/Mangiafuoco/Azzeccagarbugli
    Forse non si tratta di persone no? Forse si tratta di gestire e risolvere dei problemi. Le critiche servono se sono costruttive; diamo sfogo alla fantasia allora.
    Qualche idea ragazzi?