8 Commenti

Assessori cicale, cremonesi tartassati Nessun taglio in Comune, la spesa cresce Per i cittadini più Imu, Irpef, costi per mense, scuole e cimitero

giunta-perri-assessori-tagli

Le spese correnti del Comune aumentano, così come – pesantissimi – sono i carichi fiscali dei cremonesi che si trovano a vivere una stagione di tasse senza precedenti. L’assessore al Bilancio Roberto Nolli aveva chiesto ai colleghi di Giunta di tagliare i propri bilanci di assessorato almeno dell’8% ma le innumerevoli riunioni non hanno prodotto risultati. La spesa corrente del Comune rispetto all’anno precedente aumenta di 879.500 euro vale a dire dell’1,2%. L’assessore Nolli, nella commissione Bilancio si è affrettato a dire che aumentano di “solo” l’1,2% a fronte di un tasso inflazione Istat del 3,2%: l’operazione tagli è comunque fallita. L’unica voce in calo è quella gestita direttamente da Nolli e riferita al funzionamento della “macchina comunale”, ovvero il settore amministrazione, gestione e controllo, “anche per effetto di una più puntuale allocazione contabile delle risorse economali e di riscaldamento degli edifici pubblici”. Così la spesa complessiva del personale è calata di 549.100 euro (nel 2012 sarà di 25.858.300), in calo anche le spese previste per le missioni dei dipendenti (- 29 mila) e l’aggiornamento e la formazione professionale dei dipendenti (- 28 mila).

Tutti gli assessorati registrano un incremento di spesa tra l’1,2% e il 5% dei Servizi Sociali (per andare incontro ai maggiori disagi della popolazione). Nolli ha poi sottolineato come l’aumento di spesa per i servizi sociali e per le politiche giovanili risponda a criteri di scelte economiche e politiche nel tentativo di “far tornare a girare l’economia”. Ai cremonesi tocca comunque sopportare il peso maggiore della situazione venutasi a creare sia con i mancati tagli, sia con la necessità del rispetto del Patto di Stabilità e sia con l’obiettivo di un saldo positivo di bilancio.
Così ai cremonesi toccherà l’aumento dell’Imu sulla prima e sulla seconda casa (con anticipo pagato finora del minimo previsto del governo e stangata natalizia). Stando alle prime notizie che filtrano dagli uffici comunali pare che i cremonesi, che tanto hanno mugugnato, si sono comunque messi diligentemente in fila a pagare la prima rata dell’odiata tassa sulla casa di proprietà. Tanto è vero che pare si stima un mancato pagamento di solo il 10% rispetto al 20-30% stimato in altre realtà italiane.  L’Imu – prima e seconda casa – dei cremonesi porterà nelle casse circa 40 milioni di euro (80 miliardi di vecchie lire) di cui 13 andranno allo Stato e 26 al Comune. L’Irpef del 2012 è raddoppiata e, dalle tabelle presentate dall’assessore Nolli, porterà nelle casse comunali circa 7 milioni di euro con un incremento di 3,395 milioni di euro. Ricordiamo poi che sono aumentate tutte le voci di costo per i cittadini dei servizi cimiteriali, delle scuole materne, delle mense della scuola primaria, delle palestre, dei campi sportivi, dei bocciodromi ecc. Confermate le alienazioni di beni del patrimonio comunale (ex ospedale, palazzo Grasselli, quote autostradali ecc.).

In commissione Bilancio gli aumenti di Imu, Irpef e l’intero impianto di bilancio è stato approvato con i voti del gruppo Misto, del Pdl e della Lista Perri. Contrari il Pd, l’Idv, Cremona per la Libertà e Lista Corada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luciano

    Andremo a chiedere l’elemosina per pagare le tasse! In una maniera o nell’altra bisogna trovare ‘sti benedetti soldi per pagare le tasse.
    Ci vorrebbe Cristo che moltiplicava pani e pesci.

  • NO ABC

    Ecco i dati veri e non le stupidate che hanno cercato di raccontare fino ad oggi.La spesa aumenta!E per coprirla servono nuove tasse.Questa è incapacitá!A casa!!!

  • Vi Veri Veniversum Vivus Vici

    da una giunta con cl alle spalle non ci si poteva aspettare altro… porgano l’altra guancia o o meglio il loro portafoglio! a casa!

  • Ciro

    Abolire caffè e sigarette e il problema non esiste più!!!!.

  • Gennaro

    Questi sono tutti allievi del TROTA. Se gli domandi cosa c’è tra la Macedonia e il Montenegro, ti rispondono il Caffè.

  • Spartaco

    mi spiegate questa predilezione per le mura domestiche, per il focolare, per la dimora famigliare?
    perchè solo ” a casa”‘?….

  • F.Gentili

    Mesi e mesi che lo dico, bastava guardare la spesa corrente e tutto era chiaro sin dall’inizio. Incapacità ad amministrare, soluzione unica ed inequivocabile a casa senza se e senza ma! Questo è un fallimento totale dell’amministrazione O.P.& C. S.N.C. (Oreste Perri & Company Sindaco Non Coerente)

  • mario

    Le ridicole spiegazioni di questi signori fanno ben capire con chi abbiamo a che fare: cacciatori di buchi( ogni tanto ne sbuca uno).
    E’ solo inadeguatezza politica e amministrativa.
    Dopo tutte le “lezioni” impartite durante la campagna elettorale ora emerge tutta la incapacità di chi si era proposto come tutore assoluto dell’ordine pubblico.
    Credo che molti ricordano bene anche gli insulti al sindaco uscente Corada ,ai giardini pubblici e di cui mai nessuno ha chiesto scusa.

    C’erano persino “osservatori” che facevano compagnia a “Ponchielli” e che si sono guardati bene dal presentarsi sul gazebo a sostengo del sindaco uscente.

    Era l’inizio di un sostegno indiretto ad una giunta pasticciona e politicamente frantumata , incapace di assumere iniziative politiche in autonomia : senza tacito sostegno di qualche notabile forse della attuale opposizione.
    Sanno solo spendere e nessuno vuole rinunciare a nulla.
    Fanno persino una assunzione nel campo dei dirigenti:utile a chi ?

    Inutile qui rammentare le lezioni impartite sulla moralità della politica , a senso unico.
    Cosa sta succedendo al Pirellone ?
    E c’è ancora chi crede di farsi una posizione piazzando simpatizzanti ovunque sia possibile.
    Sarà un bel problema per Magnoli quando si vedrà costretto ad eliminare dalle gestioni personaggi che da anni rivestono posti di potere.
    La democrazia è soprattutto ricambio e controllo.
    o NO ?