Un commento

Blitz dei carabinieri nei cantieri edili: scattate 13 denunce

Carabinieri

Anche la provincia di Cremona è stata interessata dall’operazione “Mattone sicuro”, scattata in tutta Italia con la collaborazione tra carabinieri e ispettori civili per il controllo delle norme legate al settore edilizio e alla sicurezza. Nel dettaglio, è stata toccata l’area soresinese. In due cantieri sottoposti a verifiche, ben 13 denunce. Nella prima delle aree di lavoro, presso uno stabile privato, tre denunciati alla luce di violazioni al decreto legislativo 81/2008, per non aver redatto il previsto Pos (Piano operativo di sicurezza). Si tratta di italiani del posto.

In altro cantiere, fuori dal paese, 10 denunce per diversi soggetti: un legale rappresentante di una ditta del Veronese, per non aver vigilato sulla regolare edificazione dei ponteggi e delle impalcature; un amministratore di una società del Bresciano per non aver verificato le condizioni di sicurezza dei lavoratori, tre persone di una ditta del Veneziano per violazioni al decreto 81/2008 (Piano operativo di sicurezza), uno slavo titolare di una ditta per non aver fornito agli operai guanti e caschetti protettivi e per aver dato lavoro a due clandestini, due clandestini kosovari sprovvisti di documenti, e altri due per vioazioni varie in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro.

I controllo sono stati eseguiti nei giorni scorsi dai militari dell’Arma di Soresina, dai carabinieri dell’Ispettorato del lavoro e da personale civile della Direzione provinciale del lavoro.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • il profeta

    Complimenti ai carabinieri, ma scusate ,l’ASL, i coordinatori della sicurezza dei cantieri che c…. fanno possibile che non si siano accorti che mancavano i POS , il decreto legislativo 81/2008 parla chiaro, siamo alle solite ,ci sono le leggi ma pochi sono propensi a farle rispettare per non disturbare il datore di lavoro, si nicchia e si dorme, povera provincia di Cremona che pena mi fate.