Commenta

Teatro Monteverdi, in 5 mesi oltre 12 mila presenza e iniziative in crescita

monteverdi-teatro-bilancio

Nei primi cinque mesi del 2012, 275 sono state le attività realizzate al Teatro Monteverdi di via Dante, 50 in più rispetto allo stesso periodo del 2011. Sono solo 16 i giorni in cui il Teatro Monteverdi non ha alzato il sipario. Sono, inoltre, aumentati gli spettatori: 12.450 le presenze, 2000 in più dello scorso anno. Sono stati realizzati eventi di vario genere: laboratori, convegni, proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali e musicali. Questi i numeri forniti dal Comune prima della pausa estiva.

Le iniziative realizzate

Ogni settimana sono stati organizzati laboratori legati ai temi della disabilità e dell’integrazione da parte della Cooperativa LAE, dell’ANFFAS, dell’Associazione Giorgia e di un gruppo di ragazzi dell’AIFA (Associazione di genitori di bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività).

Anche i Centri disabili diurni hanno effettuato, all’interno del percorso Inseguendo Ulisse, alcune prove negli spazi del teatro.

Da segnalare, a conclusione della Settimana dell’educazione, due appuntamenti per approfondire il tema dell’educazione legato a quello della diversa abilità. L’iniziativa è stata organizzata da Il mondo del Magicoberu con la collaborazione del Comune di Cremona.

Come negli anni precedenti, si sono svolti laboratori di espressività, curati dall’Associazione Bertoletti, ai quali hanno partecipato una trentina di alunni delle scuole medie.

Il Mosaico, Studio per la promozione di spettacoli e cultura, ha tenuto, da gennaio a giugno, con cadenza quindicinale, un seminario di formazione per musical: professionisti provenienti dalla BSMT di Bologna (Accademia Internazionale del Musical) hanno diretto laboratori di danza classica, jazz, canto, ed altro ancora.

A gennaio è iniziata la nuova edizione di Dialoghi Sonori, suggestiva rassegna di incontri-concerto con artisti di fama nazionale e cari al pubblico giovanile. L’iniziativa si inserisce in Cantiere Sonoro, contenitore musicale organizzato dal Centro Musica ‘Il Cascinetto’.

Numerosi gli incontri rivolti alle scuole e alla cittadinanza in collaborazione con il CRART (Cremona Arte e Turismo).

Il teatro è stato anche la sede di iniziative a carattere istituzionale in occasione del Giorno della Memoria, del Giorno del Ricordo e della Settimana della Donna.

A cura delle Politiche Giovanili, nell’ambito di UpCremona, si ricorda il percorso denominato UpTeatro, caratterizzato da un laboratorio settimanale di recitazione, rivolto a ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 25 anni.  Visto il successo dei primi mesi, l’iniziativa è stata prolungata sino a fine giugno.

In collaborazione con il comitato provinciale di Telethon sono state organizzate proiezioni per le scuole nell’ambito del progetto Siamo tutti diversi, per stimolare la riflessione sulla disabilità presente nei vari contesti sociali.

Promossi dal Settore Politiche Educative, nei mesi di marzo-aprile il teatro ha ospitato alcuni spettacoli del progetto Cremona Gustosa, proposta culturale volta a promuovere lo stretto legame tra ambiente, cibo e musica, coinvolgendo ragazzi, famiglie, insegnanti e operatori di settore.

Molte le collaborazioni con le scuole di ogni ordine e grado. Il Liceo Manin, come ogni anno, ha realizzato due spettacoli, la mattina rivolti agli studenti, la sera all’intera cittadinanza. Due gruppi della scuola elementare Capra Plasio hanno quindi messo in scena rappresentazioni di fine anno.

La Consulta Provinciale delle Studentesse e degli Studenti ha promosso una rassegna cinematografica, oltre ad alcune serate di contest musicale e di proiezione di cortometraggi.

L’Associazione Antani, per la seconda edizione del concorso Think Town, ha presentato la rassegna Africa Mon Amour, con la partecipazione della Consulta studentesca e di quella universitaria. Si tratta di un progetto finalizzato ad avvicinare i giovani al cinema d’autore. Tra aprile-maggio è stata la volta di Con i piedi sul palco, manifestazione promossa dall’Assessorato alle Politiche Educative e Giovanili in collaborazione con diverse realtà cittadine: 14 gli spettacoli  per un totale di 3350 presenze.

Il Teatro Monteverdi ha infine ospitato alcuni eventi in collaborazione con realtà del volontariato (Fondazione Comunitaria, Medea, La Tartaruga, Abio) e del mondo musicale (Musicologia, Pontesound).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti