6 Commenti

Maiali nutriti con rifiuti Sequestrati oltre 2 mila prosciutti Dop

http://www.youtube.com/watch?v=gz5fi2Q-mn0

Prosciutti Dop ottenuti da suini alimentati con rifiuti alimentari. È quanto ha scoperto il Nas di Cremona. Il bilancio dell’operazione, denominata “Trash food”, che ha portato al sequestro di 2.300 prosciutti Dop, 750 suini e 30 tonnellate di scarti alimentari.

L’indagine, coordinata dal Procuratore della Repubblica di Mantova Antonino Condorelli, è partita la scorsa primavera. Durante un’ispezione presso una struttura agricola del Mantovano, che si occupa di allevamento di suini destinati alla produzione di prosciutti dop, i militari hanno scoperto che presso l’azienda venivano stoccati rifiuti speciali di origine animale e vegetale, costituiti da scarti di lavorazione dell’industria alimentare e riciclati come mangimi. Venduti da 2 ditte del settore alimentare (una del mantovano e l’altra della provincia di Parma, entrambi facenti capo ad un unico titolare), gli “scarti”, invece di essere trasportati ad un impianto di biogas per la produzione di energia (come previsto dalla normativa e riportato sui documenti commerciali), venivano stoccati presso l’allevamento dove venivano somministrati come mangime ai maiali allevati.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che l’allevamento mantovano era inserito nelle filiere di produzione di diversi prosciutti a Denominazione di Origine Protetta (i cui disciplinari di produzione, approvati a livello Comunitario, prescrivono la somministrazione ai maiali di determinati alimenti che non comprendono, ovviamente, gli scarti di lavorazione dell’industria agroalimentare), e che negli ultimi 24 ultimi mesi le 2 aziende agroalimentari avevano inviato alla struttura agricola circa 250 tonnellate di rifiuti agroalimentari (con i quali si stima siano stati alimentati quasi 2mila suini ed ottenuti circa 3.500 prosciutti). Nella conservazione che le carni derivanti dai suini alimentati con tali prodotti e già macellati erano state illecitamente destinate alle note produzioni tutelate, il GIP del Tribunale di Mantova, concordando pienamente con la richiesta della Procura della Repubblica e del NAS cremonese, ha emesso un decreto di sequestro preventivo di tutte le cosce suine ottenute dagli animali allevati dall’azienda agricola mantovana e macellati negli ultimi 15 mesi.

L’operazione ha consentito al Nas di Cremona, con la collaborazione nella fase esecutiva del Nucleo di Udine, di sottrarre alla distribuzione oltre 1900 “Prosciutti di Parma DOP” e “Prosciutti di Modena DOP” e circa 400 “Prosciutti San Daniele DOP”, detenuti in stagionatura da oltre 40 stabilimenti emiliani e friulani, per un valore complessivo di circa 300 mila euro. I prodotti in sequestro, nel caso in cui gli accertamenti di natura sanitaria in corso dovessero certificarne l’idoneità per il consumo umano, sono comunque destinati a perdere la “Denominazione di Origine Protetta” e ad essere venduti come prodotti agroalimentari non tutelati. Il titolare dell’allevamento è stato denunciato per frode in commercio e vendita di prodotti non genuini, nonché, in concorso con il legale rappresentante delle 2 aziende agroalimentari, per traffico illecito di rifiuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gianni

    Penso che per un bel po’ di tempo mi asterrò dal mangiare prosciutto crudo e cotto!

  • kunta

    che porcata!

  • ahahah,kunta ha sempre la battuta pronta!
    bè,ormai non sappiamo piu quel che si mangia..ieri le mozzarelle con pezzi di plastica,oggi i prosciutti da maiali allevati con scarti che dovevano alimentare il biogas!!domani i biscotti plasmon con la segatura?;-)

  • patrizia

    Maiali nutriti con rifiuti. Maxi sequestro dei Nas. Bravissimi.
    Ma adesso però smascherate tutta la filiera: chi ha comperato quei maiali? Chi li ha trasformati? Chi li ha immessi al consumo sotto forma di salami e salamelle e affini? O si ha il coraggio di andare fino in fondo o siamo alle solite manovre bliz da solleone che durano lo spazio di un giornale. Non so voi, ma io sono stufa di bolle di sapone. E anche di ratti che infestano il commercio e la produzione della gente onesta.

  • francesco_brd

    I miei complimenti ai Carabinieri dl NAS Cremona, un altra brillante operazione riuscita a tutela dei cittadini. grazie

  • Giuseppe Nicola Summa

    Come si legge sempre più spesso le truffe alimentari sono diffusissime al Nord, in quella stessa Pianura Padana che si vanta di essere fiore all’occhiello della produzione agro-alimentare italiana. Forse converrebbe vantarsi meno, denigrare meno altre zone d’Italia e lavorare più onestamente.