14 Commenti

Permessi a pagamento in centro La Giunta sceglie le tariffe minime 100 euro commercianti e politici 120 i medici e 150 i giornalisti

permessi-tariffe

Permessi di transito e/o sosta in centro a pagamento, nella zona a Zona Traffico Limitato. La Giunta Comunale ha deciso di applicare le tariffe minime previste dalla delibera del Consiglio Comunale. “Tenuto conto – si legge nella nota del Comune – che i permessi hanno dei costi indiretti, quali le marche da bollo, per ridurli è stata stabilita la possibilità di ottenere il permesso con validità biennale. La Giunta, ai fini di incentivare l’utilizzo di automezzi ecologici e meno inquinanti, ha altresì stabilito una riduzione del 20% sulla tariffa del permesso per i possessori di veicoli a basso impatto ambientale (elettrica, metano, GPL e ibridi)”.

Le nuove modalità verranno attuate dal 17 settembre 2012 e riguardano le seguenti attività e categorie:
– attività commerciali e artigianali
B 1 – Imprese artigiane e/o commerciali (operazioni di carico e scarico merci o attrezzature, consegne o servizi a domicilio); B 2 – Installatori e manutentori; B 3 – Installatori e manutentori (interventi urgenti improrogabili) ; B 4 – Agenti di commercio; B 5 – Scarico preziosi; B 6 – Attività commerciali aventi sede in Z.T.L. ; C 1 – Istituti di Credito (operazioni bancarie); C 2 – Titolari di casella postale (operazioni postali); C 4 – Hotel.
– giornalisti
C 6 –  Testate giornalistiche; C 7 –  Giornalisti; C 8 –  Fotoreporter
– categorie mediche e paramediche
A 1 – Medici di base / Pediatri; A 2 – Altri Medici; A 3 – Ambulatori o Cliniche Veterinarie; A 4 – Medici Veterinari non titolari di strutture (ambulatori o cliniche); A 6 – Medici di Medicina Fiscale; A 7 – Medici reperibili / pronta disponibilità; A 8 – Medici Veterinari reperibili / pronta disponibilità; A 9 – Paramedici reperibili / pronta disponibilità.
– servizi pubblici e d’istituto
E5 – Amministratori Pubblici

I costi determinati per le varie categorie e tipologie di permesso sono le seguenti:

I permessi provvisori

Nel provvedimento la Giunta ha stabilito inoltre che:

– ogni operazione di carico/scarico merci è soggetta al rilascio dell’autorizzazione (permessi provvisori/definitivi a pagamento);

– tutti i permessi sino ad ora rilasciati ed appartenenti alle categorie oggetto della deliberazione, saranno revocati e sostituiti dalle nuove autorizzazioni a pagamento;

– la richiesta di rilascio dei permessi a pagamento degli Amministratori Pubblici, dovrà essere trasmessa all’Ufficio Permessi dagli organi di appartenenza previa richiesta dei diretti interessati e versamento della tariffa a carico del singolo amministratore;

– gli utenti che hanno presentato richiesta ed ottenuto il relativo permesso nel corso dell’anno 2012, saranno esentati dall’obbligo di allegare nuovamente le marche da bollo e dal pagamento dei diritti di segreteria. L’esenzione dal pagamento delle marche da bollo e dei diritti di segreteria per i rinnovi dei permessi già emessi nell’anno 2012, è stata decisa al fine di non ulteriormente gravare economicamente sui soggetti richiedenti.

L’introduzione del pagamento per il rilascio dei permessi di sosta e transito nelle zone interdette al traffico si prefigge: di ridurre il numero di veicoli che circolano all’interno del nucleo di antica formazione della città; disincentivare la sosta di lunga durata nelle aree a forte vocazione pubblica;  aumentare l’utilizzo delle autorimesse domestiche; incentivare ed aumentare i tassi di occupazione dei parcheggi in struttura; incentivare l’utilizzo dei mezzi alternativi ai veicoli a motore nonché favorire lo sviluppo del trasporto pubblico.

Con apposita ordinanza sindacale verranno disciplinate le modalità di rilascio e di utilizzo del titolo autorizzativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    mi fa piacere che ci siete riusciti a fare pagare ai politici,consiglieri comunali ecc io ci avevo tentato 2 volte una 12 anni orsono e una 9 anni fa con richieste protocollate al comune in veste di segretario provinciale dei liberal Sgarbi ,c’è mancato poco che mi mettessero al rogo.

  • come sempre cmq i politicanti pagano meno degli altri..figuriamoci!pagano piu i medici che fanno un lavoro importante per la comunità,e sti mangiasoldi pagano meno degli altri..te pareva!

  • Maurizio

    Insisto ancora mi dite il motivo del perche’ i politici dovrebbero avere il permesso anche se a pagamento ? ….. Bicicletta oppure parcheggiano in piazza marconi con tanto di tariffe come tutte le persone NORMALI…. Vogliono ridurre al minimo il traffico e poi loro sono i primi a sistemarsi con i permessi vari !!!! Dai dai muchela de to per el cul !

    • Giovanni Baldesio

      Ma nessuno ricorda i tempi in cui il sindaco Zaffanella, che mi stava comunque sulle balls, sia chiaro, transitava ogni mattina in bicicletta per corso Vittorio Emanuele piazza Cavour (piazza Cavour con gli alberi, il cinguettio insistito degli uccelli, la fontana con il putto sulla tartaruga, la frescura anziche’ il Solarium, i giardini pelati davanti al Camera del Commercio) per giungere in Comune?
      Il comune aperto, si andava e veniva. si vedeva il sindaco o il vice, senza appuntamento e nessuno per una faccia nuova invocava bombe e attentati.
      Il sindaco i suoi amministratori giravano tra la gente, senza bisogno di fare i simpatici ad ogni costo e senza tante pacche sulle spalle cosa che adesso i cosiddetti politici, lui era semplicemente il Sindaco, non possono fare.
      Hanno paura!
      Hanno bisogno delle macchine blindate fino nel cortile del Palazzo comunale.
      Ma la gentaglia da cui scappano l’hanno creata loro. Perche’ la temono?
      In bici ci andavano tutti, persino quel pataca (detto con simpatia, il massimo che mi riesce) di Quadri e della eterna fidanzata in topless sulla Provincia.
      Che tempi!
      Il massimo della litigiosita’ la si aveva in radio, telefono aperto a tutto il pubblico, circa gli ortini dello Zaist, sulle radiali, mai abbastanza, si pagava il biglietto tranne gli studenti che avevano l’abbonamento a buon mercato e si muovevano per tutta la citta’ e le estati si passavano in piazza Duomo tra concerti, balletti, Recitarcantando (Ponchielli gratis per chi lo desiderava), bande e nel cortile del comune gli scacchi: tornei, partite in simultanea (ricordo persino il maestro Djubisaevic dalla Jugoslavia)
      Ricordare quello che e’ stato sperperato fa male, ma piu’ male e’ sapere che gli artefici dello sperpero se la spassano nella convinzione che gli altri, quelli che tirano la carretta, non ricordino.
      Sono pochi quelli che han dimenticato.

    • elia

      maurizio guarda che i politici sono superiori mica pretenderai che paghino i parcheggi a loro tutto è dovuto sono andati avanti 20 anni a non pagare i parcheggi per tutti i giorni dell’anno anche se anfavano in comune 3 4 volte al mese avevano la possibilità di spostare il famoso pass 3 su tre macchine diverse quindi la pacchia si estendeva alle mogli amanti ruffiani, leccaculi ecc ,quando capirai maurizio che loro sono esseri superiori e che ci considerano delle m….. sul badile, utili idioti che serviamo solo a dare il voto.

    • elia

      maurizio guarda che i politici sono superiori mica pretenderai che paghino i parcheggi a loro tutto è dovuto sono andati avanti 20 anni a non pagare i parcheggi per tutti i giorni dell’anno anche se anfavano in comune 3 4 volte al mese avevano la possibilità di spostare il famoso pass 3 su tre macchine diverse quindi la pacchia si estendeva alle mogli amanti ruffiani, leccaculi ecc ,quando capirai maurizio che loro sono esseri superiori e che ci considerano delle m….. sul badile, utili idioti che serviamo solo a dare il voto.

  • italiana

    Non si può prescindere dal fare severi controlli; il come lo deve decidere il Comandante dei Vigili. Conosco tante, troppe persone, che utilizzano il pass quando non ce n’è la minima necessità. Il problema, come ho già detto una volta, è che per molte persone (politici in primis) il permesso è uno status.

  • roberto

    Comincio a capire il perchè grillo prende tanti voti.
    Siamo diventati tutti populisti e demagoghi. “dagli all’untore” ………questo è il nuovo motto dei moralisti.
    Coloro che hanno governato per 20 anni oggi sono gli stessi che per far contento il popolo chiedono che si paghi il permesso per la sosta.
    Questi permessi sono ben regolamentati. Si usano solo per motivi istituzionali.
    La capacità di trasformarsi di taluni “pirla” è davvero formidabile e non si vuole riconoscere che ci sono persone che affrontano il loro incarico come servizio alla comunità.
    Siete stati in silenzio per 20 anni ed ora fate i predicatori ma per piacere …………………………………………….

  • PERMESSI AUTO
    Le solite ingiustizie: 100 euro per politici e negozianti, che in comune hanno solo un aspetto del lavoro, per il resto, il negoziante usa il permesso tutti i giorni, il politico solo due volte al mese. Perché devono pagare eguale?

    Cremona 03 08 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Paolo Mantovani

    Mesi fa, l’assessore Zanibelli, ha iniziato una (condivisibile) battaglia contro l’esagerato numero di autorizzazioni per l’accesso alla ZTL. Peccato che le (buone?) intenzioni iniziali, si siano trasformate nell’ennesima tassa da far gravare sulle categorie economiche. Infatti, se avesse davvero voluto ridurre i permessi, avrebbe potuto farlo senza farli pagare, anche in considerazione della crisi che stiamo attraversando. La stessa, come sappiamo, sta svuotando le casse comunali. Quindi, perché non mungerci ulteriormente, potendo mascherare il tutto come un’operazione per “aiutare” il centro?
    Sono sicuro che ai nostri CARI politici, quando hanno calcolato le migliaia di permessi per i 100 euro medi, hanno brillato gli occhi.
    In conclusione mi domando se sia lecito annullare dei permessi in corso, con la sola motivazione di applicarvi una tassa. Spero che qualche legale possa approfondire l’argomento.

  • Mario

    Vedo con piacere che nessuno sottolinea il fatto che gli agenti di commercio pagano più di tutti, e sono quelli che lo utilizzano veramente per lavoro, invece di agevolare i lavoratori autonomi si continua ad aumentare le spese.

    Vergogna.

    • elia

      CARO MARIO i politici sono ESSERI superiori mica pretenderai che paghino COME I COMMERCIANTI ,STAI SCHERZANDO a loro tutto è dovuto sono andati avanti 20 anni a non pagare per tutti i giorni dell’anno anche se andavano in comune 3/4 volte al mese, avevano la possibilità tramite il il famoso pass 3 a esporlo su 3 macchine diverse, quindi la pacchia si estendeva alle mogli amanti, ruffiani, quando capirai che ci considerano delle m….. sul badile, utili idioti che serviamo solo a dare LORO il voto.io tentai 12 anni fa per ben due volte di togliere loro questo assurdo privileggio tutti votarono all’unaminità contro, e rischiai di essere messo al rogo.

    • Paolo Mantovani

      Ricordate anche che loro beneficiano di un permesso di accesso che consente di parcheggiare ovunque senza pagare.
      Come già più volte detto, la litania che sono soliti propinarci ” Cremona si attraversa a piedi in dieci minuti” e “un euro e mezzo all’ora è un prezzo equo per i percheggi in centro” vale solo per noi comuni mortali. Loro si guardano bene dal fare 10 minuti a piedi e pagare.

  • Pierre Robes

    Tanto non saresti comunque bruciato…..