5 Commenti

Cremona battezza la prima barca che naviga 'senza toccare l'acqua'

barca e

Foto Francesco Sessa

Una vera e propria rivoluzione per il settore della navigazione sta prendendo forma a Cremona. Nell’area del porto stanno dando gli ultimi ritocchi a un’imbarcazione che si muoverà ‘senza toccare l’acqua’, destinata a un uso civile-turistico e realizzata completamente in fibra di carbonio sfruttando tecnologie tipiche dell’aeronautica. La prima di questo genere in Europa e in gran parte del mondo (solo in zone come gli Usa, assicurano i progettisti, si è visto qualcosa del genere, ma in ambito lavorativo-militare): tutto è andato avanti nel massimo riserbo e ora è quasi pronta.

‘Ad Maiora’, questo il nome della barca, è lunga oltre 21 metri. E’ il risultato del progetto ‘Aurea’ ed è firmata dalla Fre Sviluppo, società bergamasca che lavora nell’ingegneria avanzata e che ha scelto il porto di Cremona per completare l’imbarcazione con l’allestimento finale, prima di farla “scendere” nel Po, per poi condurla fino al mare.

Attraverso delle ‘zampe’ la barca sarà collegata a due ‘siluri’ sommersi (che ne sorreggeranno il peso) e potrà rimanere rialzata rispetto al livello dell’acqua (da un minimo di 50 centimetri a un massimo di un metro e mezzo). Un qualcosa di completamente diverso rispetto ai mezzi plananti (come i motoscafi) o dislocanti (le navi). Ciò garantirà maggiore stabilità (essendo al di sopra dell’acqua) e un risparmio nei consumi del 30%. Una particolare manovrabilità sarà garantita da sei eliche.

E’ stata studiata per otto passeggeri e tre membri dell’equipaggio, e per poter essere una sorta di ‘albergo galleggiante’ (come detto il fine è turistico). L’intenzione è quella di mettere in acqua ‘Ad Maiora’ a settembre, rimanere un paio di giorni in zona per controllare le funzioni e partire alla volta del mare dove iniziare un tour di presentazione. La società ha già in mente di averne a disposizione al più presto almeno altre nove e di allestire anche queste a Cremona.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Gigi

    un passo nel futuro…bello!

  • olga

    andrebbe rilanciato seriamente il nostro bel porto

  • Stefano Bocci

    Sì, bello, ma siamo sicuri che sia un passo nel futuro?
    Mi sono ricordato dell’Hovercraft, e sono andato a leggere (http://it.wikipedia.org/wiki/Hovercraft).
    Mi pare che l’Hovercraft sia ben più futuristico!

  • Poldo

    “Cremona battezza la prima barca che naviga ‘senza toccare l’acqua’”.
    Se è per questo, abbiamo anche un aeroporto dove si vuol volare senza toccare il portafoglio.

  • Mauri

    Chi a Cremuna gum la barca che la va’ sensa tuca l’acqua e invece se te sciset qui ghe la machina che la va’ sensa rode http://video.corriere.it/hovercraft-stile-star-wars-prova-deserto-/5bec6ebe-edd7-11e1-9207-e71b224daf2a