3 Commenti

Era destinata anche a Cremona la carne bruciata alla Inalca

incendio

Erano destinate anche ai supermercati di Cremona le tonnellate di carne andate in fumo ieri pomeriggio nel piazzale dell’Inalca, stabilimento per la macellazione e distribuzione di carni bovine di Ospedaletto Lodigiano. Il bilancio, oltre alla carne carbonizzata, è di otto camion completamente devastati a causa di un corto circuito di un motore elettrico in uno dei tir frigorifero. I mezzi avevano tutti le portiere aperte e le chiavi inserite, già pronti per i camionisti che l’indomani all’alba sarebbero passati a ritirarli. Destinazione, i supermercati del Lodigiano, di Cremona e Pavia. Nel cielo si è levata una nube gigantesca visibile fino a Lodi. Una lotta contro il tempo, per i vigili del fuoco, che alla fine ha lasciato sul piazzale le “carcasse” bruciate di otto camion frigoriferi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sara

    ..bene…sarebbe bello sapere i nomi dei supermercati, visto che la carna del gruppo Cremonini non sembra sia molto “sana”…

    • marco

      parli per sentito dire come il solito cremoense …
      cosa ne sai tu?
      sei un veterinario?
      lavori asl?
      sei un macellaio?

      a forse te l’ha detto tuo cugino?

  • chissà che profumino di carne alla brace che c era nella zona!