32 Commenti

La "casta" si salva il parcheggio senza limiti in centro città Consiglieri e assessori potranno sostare ovunque, persino negli spazi dei residenti

permessi-e

“Pagano meno di tutti, entrano in Ztl e parcheggiano gratis ovunque”. Chi sono? Ovviamente sempre loro, membri di giunta e consiglieri comunali e provinciali che hanno il massimo delle concessioni anche nella questione dei permessi a pagamento. A leggere l’ordinanza firmata dal sindaco Oreste Perri ed esposta all’albo del Comune (e pubblicata in internet sul sito del Comune), si vede subito la differenza di trattamento tra “la casta” e i normali cittadini. Gli amministratori pubblici potranno transitare e sostare in Zona a Traffico Limitato, sostare in zona permanentemente vietata (ad esclusione delle zone dove vi è il divieto di fermata e di rimozione forzata), sostare in zona disco orario senza l’obbligo di indicare l’orario di arrivo, sostare in tutte le zone a parcometro senza pagare tariffa e senza alcuna limitazione di area, sostare anche nelle aree riservate ai residenti. Il tutto pagando cento euro l’anno (meno dei giornalisti- 150 euro con un  lungo elenco di parcheggi dove non si può sostare, degli agenti di commercio – 120 euro con transito e sosta rigidamente regolamentata – e come gli stessi commercianti, vincolati ad orari precisi). Ovviamente la domanda che tutti si fanno è perchè? Perchè un consigliere comunale o provinciale o un assessore deve poter entrare in Ztl, parcheggiare ovunque, anche in sosta vietata e persino nei pochi spazi riservati ai residenti? I consiglieri dovrebbero dare il buon esempio se è vero che la stretta sui permessi rappresenta “un’azione di razionalizzazione dei permessi per migliorare la vivibilità del centro storico”, come recita la delibera. La distanza tra il palazzo e i cittadini cresce sempre di più. I commercianti affilano le armi sul nuovo balzello dei permessi di transito e di sosta a pagamento. Che sia il modo di far quadrare i conti del Comune vi è il fatto che a bilancio già vi siano 180mila euro di introiti per i permessi. L’Ascom ha già inviato una dura lettera all’Amministrazione, attraverso un legale, contestando il provvedimento – giudicato senza motivazioni – con la minaccia di un ricorso al Tar. “Un modo – si legge nella lettera protocollata in Comune – per fare cassa e mettere ancora di più in difficoltà chi opera in centro storico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • marisa

    Ma si rendono conto qualche volta?

    • andy

      io nn credo

      • Paolo Mantovani

        Io sono sicuro di no!

        …non dimentichiamoci che nella prima stesura i loro permessi erano gratis, poi, con molti mal di pancia, hanno accettato di pagarli.

  • Edmond Dantès

    beh con tutto il lavoro che stanno facendo per migliorare Cremona, se lo meritano……..
    io propongo anche l’aumento dei loro stipendi e caffè gratis

    • maurizio

      oltre al caffè propongo di farli lavorare un pò meno perlomeno fanno meno danni!!

  • roberto

    che bello che dopo 60 anni le colpe della casta ricadono su questa amministrazione…avanti tutta!!!! viva grillo. Grillo salva l’Italia.

    • Edmond Dantès

      beh qualcuno deve pur cominciare, caro Roberto.
      NB: io non voto grillo.

  • non vedo perchè bisogna ancora meravigliarsi di ste cose quando ci sono mezzo i politici!cremona non è differente dalla casta nazionale!
    tanto non hanno vergogna di nulla…e pensare che io in centro ci vado in bici in estate e a piedi in inverno per non usare l auto!eppure dovrebbero essere loro a dare l esempio!

  • Oscar

    Se non per senso civico, come dovrebbero, lo avrebbero potuto fare per salvare la faccia e farsi un po’ di facile propaganda a costo zero. Ma non ci arrivano.
    Non centra questi o quelli, chi c’era prima o dopo, non si può non avere molti dubbi sull’intelligenza e senso della realtà di queste persone.
    Poi c’è chi si lamenta se il movimento di grillo prende piede.

  • ABC

    Con tutta la voce con tutto il cuore … Fi propria verament schifo ! Fi vegner el voltastomec ! Ghi de vergugnave ! Ghi de amda a ………… ! Ma ghi na dignità ? Ma ghi el bon sens ? BASTA BASTA BASTA !!!!

  • Vecia Gnoga

    Conosco Oreste da una vita….. mi ha visto nascere….

    ….e, conoscendolo, continuo a chiedermi come mai non perda occasione di continuare a pestare delle boasse incredibili…..

  • Montague

    Discorsi beceri, degni del peggior bar di paese. Un avvocato che deve presenziare in tribunale è uguale al cittadino comune? L’assessore che deve presenziare al consiglio comunale non ha il diritto di parcheggiare senza imbattersi in un Odissea? Questa idea strisciante secondo la quale tutti sono uguali puzza di malafede. O peggio: di coglionaggine. Come spesso accade si condanna l’effetto per colpire la causa. Capisco che ci sia risentimanto nei confronti della classe politica ma questa mentalità mi pare a dir poco bambinesca, irrazionale e del tutto sterile.

    • saranno pure discorsi beceri e in malafede ma chiediti perchè si è arrivati a sto punto giudicando tutta uguale la classe politica.chiediti perchè la gente ne ha pieni i maroni di questi privilegi,che al cittadino normale non sono concessi.chiediti anche se un consigliere comunale di cremona(non di roma o milano che sono metropoli)non possa trovare un posto a pagamento nel nuovo parcheggio di piazza marconi completamente vuoto….fatti ste domande e poi rispondi
      ciao

    • Paolo Mantovani

      L’assessore che deve presenziare in consiglio comunale, parcheggia come tutti i comuni mortali! Il politico deve essere il primo a dare l’esempio, altrimenti come può pretendere si rispettino le regole?
      La coglionaggine sono sicuro ci sia, ma non dove pensa lei. È presente nell’atteggiamento da sudditi che sempre dimostriamo nei confronti dei potenti.

      • germana

        sottoscrivo, i consigli comunali non sono una emergenza….. chissà cosa ne pensano i residenti che potrebbero trovare il parcheggio sotto casa occupato……

    • ABC

      Te belo .. ma TE set rendit cunt de chel che te ghet scrit …. culega el cervel che le’ mei …. !!!!

      • ahahahaha,ABC,sei un istituzione!
        eh,ma se vet che lè en “politico”chellè!opur en qual parent chel pol pò andaa a faa sciopping(scritto apposta così eh)per il centro de cremuna e faa vedere el machinoon..mentre noi poveri beceri dobbiamo andarci a piedi o in bici!

    • Nolli

      mai lette così tante minchiate in poche righe.
      se hanno un consiglio comunale che partano da casa per tempo come del resto fanno tutti quando hanno un impegno di lavoro.
      per fare quelle quattro cose che fanno, di cui tre sono mettere tasse e la quarta è decidere di sprecare soldi con la pavimentazione di pregio, non hanno certo bisogno di avere il parcheggio comodo.

      • ABC

        Brao Nolli tel pogi ( interpreta mia mal e’ … ) pavimentazione di pregio …. ma set quante strade te asfaltavet ! E po’ ghet pruat andaghe in bici “sulla pavimentazione di pregio ” Te spaca le culate ! Po Te vedaret st’inverno quant i pasar’ cun le pale e i tratur per la nef !!!!
        Ciao Nolli se vedarum e bever en bianc in de na qual usteria ….. !

      • Montague

        Sprecare i soldi per la pavimentazione di pregio? Siamo ancora fermi su ciò che ho scritto a proposito dell’effetto e della causa. Se la pavimentazione non è apprezzata è un limite culturale tutto suo. Lei soffre di una educazione all’estetica davvero carente. Non oso immaginarmi in che casa viva. Capirei di più l’indignazione se avesse contestato questa spesa relativamente al momento attuale, con bilanci comunali risicatissimi. Per i parcheggi mi pare appurato che basterebbe dire: i politici ci stanno sui coglioni, non devono avere i permessi. Non è più onesto? Tutto da ridere il commento “i politici sono la parte peggiore della società” Mah, Mario sarà uno svedese che vive da poco in Italia, Paese specializzato in truffe, truffettine, evasione fiscale, contraffazione e altre furbaggini per la quale siamo considerati gli albanesi d’europa. Tutti i discorsi sul parcheggiare in via Mantova, sulla città che si gira a piedi sono aria fritta e questa litania della casta va rivista con un po’ di autocritica. La nostra società è composta da caste perenni: giornalisti, notai, avvocati, magistrati, politici, commercianti, industriali, cacciatori… accorgersene ora è tardi. Nessuna risposta per i bifolchi che scrivono in dialetto: è grazie a loro se i nostri vicini milanesi ci immaginano (quasi) tutti così.

    • Oscar

      Ma siamo in una città che si percorre in 40 minuti da a piedi da un capo all’altro. Ma siamo in una città che presenta una serie di parcheggi in centro o vicini a pagamento o meno (Marconi, Villa glori, Lato stazione etc. etc.) che ti permetteno di arrivare in piazza del comune in al massimo un quarto d’ora a piedi. Il consigliere deve andare in centro in auto per forza perché opera in emergenza? Deve caricare scaricare merce? Deve trasportare disabili? Qual’é la stringente assoluta inequivocabile necessità che li spinge a non poter fare un “sacrificio” pari a niente per, non dico spirito civico, ma almeno una buona pubblicità. Neanche questo capiscono.
      Come letto in un commento precedente, questo e il classico esempio di pestar boasse.
      E poi sento parlare di coglionate.

  • IL SALVA PARCHEGGIO
    Mi arrendo. Non è della mia parte, ma l’unico politico cremonese ad aver detto chiaro in commissione, l’ho udito con le mie orecchie, rinunciamo a tutti i permessi, non fosse altro che per questione d’immagine, è il gentiluomo Giancarlo Schifano, Idv, che tanti, non riuscendo a combatterne le idee, prendono in giro per la farraginosità con cui le esprime.
    Le altre posizioni? A destra: sarà mica per due permessi….A sinistra: rinunciamo sì, appena presenterete un piano complessivo delle soste….
    Il Marchese del Grillo era stato più diretto: perché io so’ io, e voi nun siete ‘n cazzo.
    Gli Ascomiti saranno gli Ascomiti, ma quando hanno ragione è onorevole dargliela.
    p.s. questa nota vale anche dopo il rituale di Pivetti: l’ordinanza? l’ho firmata sì, ma non me l’avevano fatta leggere!

    Cremona 08 09 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Vergogna

    Parcheggiare in Via Mantova e andare a piedi in Comune è troppo faticoso?
    Complimenti allo sportivo Perri e alla sua Banda!

  • Andrea

    VERGOGNA:
    La vera rovina del nostro paese sono i politici, ne sono sempre più convinto. Invece di dare il buon esempio, si fanno beffa dei propri elettori, in primis, e successivamente del cittadino che vedendo tutto il loro marciume si adegua e prova a fregare il suo vicino di casa appena può. Tanto di cappello a tutti questi, politici, padri e madri di famiglia che insegnano ai loro figli e fanno da esempio ai figli dei cittadini, siete una vergogna.

    • Nolli

      Condivido tutto.

  • Giannino della Palla

    A ciascuno il suo.
    1) L’ordinanza è del Sindaco che ha nome e cognome, si chiama Oreste Perri.
    2) Sicuramente prima di deciderla e di firmarla è stata discussa e ben ponderata in Giunta e in Maggioranza. Che hanno nome e cognome: centrodestra (PDL, ex Lega, Lista Ceraso ecc ecc)
    3) In Commissione l’opposizione ha detto no (IDV) ed ha detto (PD): siamo pronti a rinunciare, ma dateci almeno il piano dei parcheggi (che manca, inesorabilmente manca. E una città seria non può andare avanti senza)
    4) Gian Carlo Corada aveva come immagine principale della sua campagna elettorale la sua foto mentre va in bicicletta. E lui la città la attraversava in bici (ovviamente, tranne quando era assolutamente necessario usare l’auto di servizio). E addirittura quando passava nelle vie pedonali, scendeva dalla bici e se la accompagnava a mano andando a piedi. Io l’ho visto più di una volta! Avete preferito Perri: ciuceveel!!
    5) Infatti c’è un sacco di coloro che adesso si lamentano, che hanno votato la destra per avere in Comune amministratori di destra. Adesso se li succhiano ben bene, almeno un’altra volta imparano!
    6) ciò precisato, questa decisione dimostra quanto ormai chi fa politica sia lontano anni luce non solo dalla gente, ma anche da un minimominimo di intelligenza. ma come si fa a pestare una “boassa” così enorme?!
    And’é a Tidul a ferà i’och

    • scusi giannino, ma ormai le ‘boasse’ si sono rinsecchite per benino, ora pare che il divertimento maggiore sia quello di giocare a frisbee con ciò che resta… 😉
      «E’ necessario inoltre: stimolare l’utilizzo degli attuali posteggi, prevedendo in convenzione, servizi navetta verso il centro; ridurre la distanza che esiste tra il centro e le località periferiche (più collegamenti e più servizi); prevedere abbonamenti per la sosta a tariffa agevolata per le categorie di lavoratori del centro; valutare la possibilità di una riduzione del ticket di sosta nei parcheggi del centro il sabato pomeriggio; ampliare gli orari carico/scarico merci nel centro storico.»… ei fu, un programma ‘elettorale’.
      già alla luce di quanto sopra ‘ricordato’, gli ‘abbonamenti’ suonano a morto, ancor più perchè quelli pluriennali dovrebbero comportare quanto meno un risparmio, 2 anni non costano mai quanto 2 quote annuali piene, infatti proprio ”nelle altre città si fa così”… e ora ci sarà da ridere anche per quei medici, che che arricciavano il naso alla sola idea di doversi recare a casa dei pazienti quando chiamati, mentre il più delle volte scansano le visite domiciliari… ora, sapendo di dover anche versare la ‘defensa’ annuale (dal sapore più di leggi melfitane), o tariffa biennale piena, che per consentire ‘ad altri’ di pagare meno, in loro vece invieranno direttamente il padreterno, o chi per ‘lui’ ma solo se e quando di turno (balduzzi e/o mastrapasqua permettendo), al che chi ne avrà bisogno, sarà meglio fissi il proprio ‘domicilio’ fuori dal ‘scentro’, quello è e resterà appannaggio dei soli ‘amministratori’.
      (o casomai, delle tante kakke dei cani, che gli ‘amorevoli’ padroni si guardano bene dal raccogliere, come una seppur vecchia, ma molto disattesa ordinanza comunale, comanda.)

  • Mario

    I politici sono la parte peggiore della società: non hanno decenza, il loro senso civico è pari a zero. Voi mi dite perchè questi signori non devono avere gli stessi doveri degli altri? In fin dei conti nessuno li ha costretti ad entrare in politica. Per questa gente, bassi guitti da avanspettacolo prestati alla politica, la politica è vista solo come fonte di privilegi. E poi non si lamentino se la gente pensa che fanno SCHIFO.

  • Pasquino

    Altra “splendida occasione” per questa Giunta di fare una bella figura di….

  • Giancarlo Schifano

    Grazie Flaminio della tua onestà intellettuale e morale,ti invito domani pomeriggio alle 14.30 a venire con me in Comune,per assistere alla mia consegna del pass.
    Giancarlo Schifano Consigliere Comunale IDV

  • elia

    Complimenti a giancarlo schifano ,ma il sottoscritto chiese l’abolizione dell’assurdo privilegio al consiglio comunale per ben 2 volte ,13 e 11 annni orsono, e in cambio venni accusato di qualunquismo, di protagonismo ecc per un pelo non mi lapidarono in piazza ,naturalmente sono consapevole che molti consiglieri, e non solo avrebbero brindato alla mia eliminazione-