2 Commenti

Caso permessi, Lega: "Comune vuole fare cassa Da noi 'no' a privilegi per politici"

ztl-cremona-ascom

Anche la Lega Nord interviene nella polemica sui permessi Ztl, parlando di “Comune ossessionato dalla volontà di  fare cassa” e di “inaccettabili condizioni di favore per assessori e consiglieri”. Infine l’annuncio: i consiglieri comunali della Lega Nord non rinnoveranno i loro permessi.

Il commissario della Lega Borghesi

“La scelta di revocare in anticipo tutti i permessi sinora rilasciati è semplicemente assurda, è la dimostrazione che il Comune vuole fare cassa; dopo le multe (e le polemiche che ne sono seguite) ora non sanno più cosa inventarsi – afferma il commissario cittadino Stefano Borghesi – ormai incrementare le entrate è diventata una vera e propria ossessione e assistiamo all’utilizzo di metodi che definire bizzarri è poco”.

“Non riteniamo possa essere accettabile che assessori e consiglieri godano di tariffe agevolate rispetto ad altre categorie di lavoratori e che, contemporaneamente, abbiano meno vincoli e più privilegi – continua Borghesi – per questo annuncio già da ora che i consiglieri comunali della Lega Nord non rinnoveranno i loro permessi”.

“Tutta un mistero è poi la logica delle differenti tariffe a seconda delle tipologie di utenti – prosegue Borghesi –  l’impressione è che la confusione regni sovrana e che provvedimenti assurdi come questo ne siano la diretta conseguenza. Affermiamo la nostra totale contrarietà a questo provvedimento e ribadiamo la nostra proposta per rivitalizzare il centro ed aiutare il commercio: utilizzo delle ZTL meno severo,  maggior numero di permessi agli operatori ad un costo inferiore rispetto a quello previsto dal Comune, modifica delle fasce orarie della ZTL con la chiusura al traffico infrasettimanale a partire dalla mezzanotte e l’apertura al traffico nelle giornate di sabato pomeriggio ed eventualmente anche di domenica, in occasione di eventi particolari da concordare con gli stessi commercianti.  In molti comuni inoltre i parcheggi a pagamento nei pressi del centro sono gratuiti per la prima mezzora, crediamo che questa misura possa essere applicata anche a Cremona, e che tale agevolazione possa essere estesa per tutto il sabato pomeriggio. L’amministrazione comunale, infine, – conclude Borghesi – dovrebbe impiegare le forze di polizia municipale per interventi che combattano l’abusivismo commerciale invece che fare multe per fare cassa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ALL’ULTIMO SANGUE
    E’ certo, lo assicura sempre Lui, che Pizzetti e Magnoli siano amici, tant’è vero che è stato Lui a nominarlo segretario provinciale di Cremona. Al massimo mangiano la pizza in locali diversi. Ma è curiosa la notizia del braccio svelto della Provincia, quotidiano unico eccetera, http://www.cremonaonline.it: la restituzione dei permessi circolauto, iniziata da Giancarlo Schifano, Idv, ha spaccato i consiglieri democratici.
    I magnolisti dichiarano di volerlo restituire; i pizzettiani invece sono in piena resistenza……

    Cremona 14 09 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • PERCHE’ NON TACE ?
    Nell’interesse suo e dell’editore, naturalmente. E non è che gli manchi la tecnica: zero parole per l’ultimo libro di Gianfranco Taglietti, reo d’essersi fatto accompagnare da http://www.cremonaoggi.it, sempre più temibile concorrente del quotidiano unico eccetera.
    Ha già smorzato in cronaca, durante la settimana, la pessima faccenda dei permessi auto del sindaco Pivetti che, unico miglioramento, non ha detto: me l’hanno fatta ancora una volta! grazie all’abilità del mai domo Gilberto Bazoli, e ci va a metter sopra la predica domenicale ch’è una zappata unica sui piedi, da restare senza dita…..
    Italia e Cremona dei privilegi? che Zanolli si guardi i suoi 34 giornalisti per un giornale che non arriva a 18mila copie, dia un’occhiata ai permessi d’ogni tipo dei suoi padroni, come la dote 100mila di PubliA, che fanno a meno del classico: lei non sa chi sono io, perché lo sa benissimo Pivetti!
    Per difendere una delle scelte più sciagurate di questa Giunta, il politico che si mette davanti al cittadino comune, fosse per dio sa che privilegio, per un chiucchiaino da caffè di lenticchie! Senza capire, mi rovino l’immagine per un milione, mi resta il milione….
    E per una volta Zanolli lasci stare i commercianti: loro sì svolgono un servizio al pubblico, trenta giorni al mese, non quattro.

    Cremona 17 09 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info