Commenta

Uno scontrino porta i carabinieri fino al rapinatore

carabinieri_arresto-e

Pochi gli indizi nelle mani dei carabinieri dopo una rapina avvenuta nelle scorse ore in via Rosario (attorno alle 19 di giovedì). Incrociando gli elementi raccolti i militari del nucleo operativo e radiomobile di Cremona sono comunque riusciti in poco tempo a bloccare un pregiudicato 50enne senza fissa dimora (C.G.) e a recuperare il bottino (un furgone Fiat Doblò). Un uomo si era avvicinato da dietro al malcapitato, riuscendo a salire a bordo del mezzo sfruttando un attimo di distrazione della vittima, spintonata per assicurarsi la fuga verso la tangenziale. Qualche dettaglio del bandito è stato notato e riferito poi agli uomini dell’Arma (fisionomia e abbigliamento). Inutili, tuttavia, le immediate ricerche su strada. Sul luogo della rapina, però, i carabinieri hanno anche notato una bicicletta in terra (probabilmente rubata e utilizzata dal malvivente per spostarsi fino a quel punto) e in una delle tasche lo scontrino di un supermercato risalente a poche ore prima, arrivando così alla possibile zona frequentata abitualmente dal rapinatore: quella di via Boschetto. E’ proprio qui che, in mattinata, il 50enne è stato individuato con pattugliamenti ad hoc: aveva gli stessi vestiti descritti al personale del 112. Una volta condotto in caserma, fanno sapere dal comando, ha ammesso le proprie responsabilità e indirizzato i militari al furgone, parcheggiato nei pressi della già citata via Boschetto. Constatato il pericolo di fuga (legato soprattutto all’assenza di una fissa dimora) la persona è stata dichiarata in stato di fermo per rapina impropria (reato che si configura quando l’uso della violenza serve a mantenere il possesso di una cosa) e condotta in carcere. Ferite lievi (guaribili in un paio di giorni) per la vittima. Veicolo rubato restituito al proprietario.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti