Commenta

Il Touring apre al pubblico la strada romana di via Solferino

strada-solferino

E’ stata presentata dal Presidente TCI Franco Iseppi e da Gian Domenico Auricchio Presidente CCIAA di Cremona, la convenzione che inserirà nel programma “Aperti per Voi” anche la strada Basolata romana di Via Solferino. Il sito sarà aperto al pubblico, grazie ai volontari TCI, anche il sabato, dalle 15 alle 18, mentre durante la settimana sarà possibile visitarlo negli orari di ufficio della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura.

Collocata in un’area centrale della città, all’interno di un perimetro che da 2000 anni delimita il centro degli affari cittadino, la strada Basolata di via Solferino (cardo minore) è stata oggetto di interventi di riqualificazione e di valorizzazione da parte della Camera di Commercio che ha investito risorse per riportare, sotto l’attenta guida della Soprintendenza per i beni archeologici, all’antico splendore due tratti di strada romana, una quasi parallela all’odierna via e l’altra ad essa ortogonale, rinvenuti nel 1967 durante i lavori di costruzione della Borsa merci.

Un’idonea illuminazione, pannelli illustrativi e supporti multimediali rendono la visita a questo sito, inserito nel percorso turistico cittadino dedicato all’antica Roma, particolarmente suggestiva. In particolare, grazie alla proiezione di un video interattivo i visitatori, tramite i racconti di un’ancella, possono rivivere le atmosfere e le attività di una giornata tipo ai tempi dell’antica Roma.

“La convenzione siglata con il TCI – sottolinea il Presidente Gian Domenico Auricchio – rappresenta un’importante opportunità per favorire la scoperta della Cremona sotterranea, ricca di tesori ancora poco conosciuti. Valorizzare i resti archeologici aumentandone la visibilità è un’occasione di crescita per l’intero territorio e ben si inserisce nelle politiche di promozione della città e del suo centro storico per favorire flussi turistici legati all’arte e alla cultura.”

“I Volontari – sostiene Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano – ricoprono oggi un ruolo importantissimo nella società in generale. Il loro impegno per Aperti per voi è un indicatore importante del forte radicamento al territorio, del senso di appartenenza e di responsabilità che provano nei confronti non solo della propria città, ma anche del proprio Paese. Come Touring – continua Iseppi – siamo seriamente convinti che in Italia ci sia una sensibilità diffusa verso tali tematiche ed un forte desiderio di impegnarsi affinché il nostro patrimonio culturale possa essere conservato e valorizzato per renderlo fruibile non solo dal maggior numero di persone oggi, ma anche dalle generazioni future.

“Aperti per voi”, l’iniziativa promossa dal Touring Club Italiano che permette a cittadini e turisti la visita di luoghi d’arte e di cultura di norma chiusi al pubblico è presente a Cremona dal 2008. Con i suoi 50 Volontari per il Patrimonio Culturale collabora a tenere aperta, ogni sabato e domenica, la Chiesa di Santa Maria Maddalena (visitata fino ad oggi da 15.000 persone). Il sito ospita il dipinto di Luca Cattapane (detto il piccolo Caravaggio) “La decollazione del Battista”. La tela è stata restaurata grazie alla collaborazione tra il Touring e la Scuola di restauro Cr.Forma di Cremona oltre alla partecipazione di diversi enti locali, la Banca Cremonese e la stessa Camera di Commercio.

“Aperti per voi“ è un’iniziativa nata nel 2005 per volontà del Touring Club Italiano che insieme alle Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici rende fruibili siti artistici, culturali e religiosi, spesso chiusi al pubblico (o aperti solo con forti limitazioni di orario). Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha concesso al progetto “Aperti per Voi” il suo Alto Patronato anche in occasione del raggiungimento di un milione di visitatori (marzo 2012) nei siti “adottati” nel Paese. All’iniziativa aderiscono 15 città italiane: Bologna, Bolzano, Brescia, Crema (CR), Cremona, Genova, Lodi, Milano, Mantova, Modena, Napoli, Padova, Parma, Rimini e Torino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti