17 Commenti

Parte Polide, laboratorio politico di via Palestro Lunedì sulla cultura

Circolo

Partirà lunedì 8 ottobre alle ore 21, la nuova stagione del laboratorio politico di via Palestro. Tante le novità a partire dal nome: Polide. Infatti la stanza di via Palestro, che ospita diversi sportelli di associazioni a carattere sociale si è data un nome proprio ed ha aperto un sito. Anima dell’iniziativa è Roberto Vitali che spiega: “Polide è tutti coloro che vogliono essere cittadini attivi, informati, consapevoli che le loro scelte e il loro impegno determinano il futuro della comunità in cui vivono. Polide è un luogo fisico e virtuale, uno spazio di confronto, un laboratorio sociale che si prefigge di rilanciare una visione positiva della politica ispirandosi ai principi di democrazia e di solidarietà. Polide è l’opposto di apolide: è il primato della cittadinanza”.

Come l’anno scorso saranno due i cicli che partiranno a Cremona: “Scomporre la storia per ricomporre la politica” e “Cremona 2020, un programma per il futuro”. La novità è rappresentata da un terzo ciclo che si terrà nel teatro di a S.Giovanni in Croce ed avrà come obiettivo il territorio piadenese e casalasco.

Il primo  appuntamento, legato alla cultura, turismo e commercio,  è fissato per lunedì 8 ottobre alle ore 21 in via Palestro 42 a Cremona. Nel presentare il primo incontro Vitali afferma: “Desideriamo discutere ed avviare un percorso virtuoso che si prefigge l’obbiettivo di creare una base di lavoro, una sorta di strategia per i prossimi anni. Caratteristiche, tipicità, asset, priorità del nostro territorio: proviamo ad elaborare, con i rappresentanti dei soggetti e delle realtà culturali, un documento che possa risultare di stimolo. Un tavolo spontaneo, senza “cappello politico” ma organizzato in modo sistematico”.
Quest’estate lanciando l’idea del “tavolo di lavoro” Vitali aveva proposto Giacomo Zaffanella, già Consiglire incaricato dal sindaco Perri di per gli eventi, come coordinatore. Lo stesso Zaffannella raccoglie l’invito e spiega: “Un incontro aperto a tutti i soggetti portatori di interessi o promotori di eventi per ragionare circa una progettualità diffusa e condivisa. Non si parlerà di sagre e sfilate ma di come dare vita ad una serie di progetti con un filo conduttore e non eventi a spot.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Achille

    “… Non si parlerà di sagre e sfilate ma di come dare vita ad una serie di progetti con un filo conduttore e non eventi a spot”…

    Occorre sottolineare come spesso siano proprio le “sagre” a rappresentare l’ossatura culturale di un territorio; mischiando tradizione, territorialità, cultura e tradizioni.

    Se si parte così, considerandole “feccia” … beh, auguri …

    • Giacomo Zaffanella

      Essendo un comunicato è stata necessaria una sintesi, il senso è che non si parlerà di un singolo evento ma di come dare un senso e legare tra loro eventi sportivi, culturali, gastronomici, proprio recuperando quel filo conduttore che rende l’evento un valore aggiunto per il territorio, in ogni caso ti aspetto lunedì sera per avere anche il tuo contributo!

  • Sta

    Zaffanella e cultura sono ossimori nello stessa frase compiuta…
    L’ex-carpa padana???? Suvvia, non scherziamo…

    • Giacomo Zaffanella

      Il tuo contributo è ben accetto, ci vediamo stasera

  • A.Mancini

    Caro Zaffanella, forse dovreste dire con che coraggio voi mantenete in vita questa amministrazione, senza più rappresentanza politica dei cittadini.
    Lei eletto insieme ad altri 4 con i voti della lega, lo stesso Vitali che non si sa da che parte stia, i due della lega che si sono messi all’opposizione.
    Ma di cosa stiamo parlando.
    se volete dare un segno concreto dimettetevi perchè state facendo la figura dei Scillipoti di turno. E la gente, anche quella che ti ha votato, questa cosa non la sopporta e non se la dimenticherà; visto che manca ormai un anno e mezzo.
    Ci si dovrebbe vergognare, anche della questione delle indennità dei gruppi e della vostra posizione in merito.
    Se siete vere persone attente alla pubblica utilità DIMETTETEVI.
    Sei, siete, ancora in tempo per non rovinare anni, ormai, di ex militanza.
    Alviero Mancini

  • Antonio Sozzi

    Concordo pienamente con il commento del Sig.Macini.
    Ma Perri con titolo sta governando, non con quello democratico.
    Ormai a Cremona in molti ambienti se ne sta parlando, oltretutto non politici. Ma questi con che diritto governano.
    Con un vero e proprio escamotage politico, i quattro Scillipoti di turno, non hanno seguito il loro partito, la Lega, che ora si trova all’opposizione, ma hanno cambiato bandiera per non far capitolare Perri e combricola.
    Quindi, come ormai è noto, questi signori, stanno governando senza più rappresentare la vera espressione popolare che rese possibile a Perri di vincere.
    Se, questo Zaffanella e amici, dovessero ripresentarsi alle elezioni, è evidente, che non possa sperare di avere il plauso e la stima dei cremonesi, ma sicuramente il giusto e doveroso contrario.
    Credo fermamente che ci voglia coraggio e dignità nel compiere il gesto delle dimissioni.
    Se lei lo facesse, avrebbe, allora, sicuramente anche il mio voto.
    Ma sono quasi sicura che questo non averrà.
    Antonio Sozzi

  • Claudia Sinori

    Figuramoci se questi si dimettono…..
    Impossibile, ma da un lato è meglio, stanno aiutando la popolazione a capire che queste persone non devono essere più votate.
    Altro neo a questa storia rimane anche la posizione dell’ex Segretario cittadino della LEga Lombarda. Ferrari Emiliano.
    Guarda a caso, il padre Ferrari Giuseppe, venne insediato, in quota lega, Come PResidente di AEM Gestioni.
    Il figlio si ne è andato dalle LEga, anche se mantiene in vita, come dicevano prima altri commenti, stile Scillipoti, questa amministrazione ormai non più rappresentativa; ma il padre, è ancora li……!!!!!!
    Anzi ormai è finito il suo incarico e rimane li ancora.
    Da non credere.
    Ma quelli del PD che dovrebbero controllare, cosa fanno, ma cosa aspettano…
    La speranza è che veramente queste persone si dimettano, oltretutto ho votato e sono stata contenta della vittoria di Perri, ma adesso mi accorgo che in politica occorre sceglere il male minore.
    Che coraggio e che pelo sullo stomaco che hanno queste persone…
    Claudia Sinori

  • Silenzio

    Ci credo che Zaffanella non vuol più parlare di sagre e sfilate, ci pensa già il suo amico collega Demicheli a organizzarle (con scarsissimo successo); sentendosi defraudato, il Consigliere “stampella” di Perri, tenta di dedicarsi ad altro.
    Certo che il neopartito “Verso Nord” che parte dall’appoggio al pidiellino Perri, non nasce sotto un buon profilo.
    “Verso Nord” alleato del PDL! Ma Cacciari lo sa?

  • Giacomo Zaffanella

    Ricordo l’impegno e la forza con la quale affrontammo, in Lega, la campagna elettorale, la stesura del programma di Perri e il tentativo di essere utili alla causa portando in dote il nostro numero di preferenze di gente che ha dato fiducia alla persona prima che al partito. Poi le vicende interne alla Lega, il fatto che 7 su 9 dei rappresentanti nelle istituzioni comunali abbiano lasciato. Non credo che i 7 siano traditori, evidentemente qualcosa all’interno non ha funzionato, la Lega si è posta all’opposizione e il resto è cronaca. Da quel momento ho votato a favore ma anche contro, sono stato molto critico in fase di approvazione di bilancio e in altri ambiti, do il mio contributo gratuitamente per gestire la situazione degli eventi, faccio schifo? Diamoci tutti una mano per fare il bene di Cremona. Sono a disposizione di tutti, non mi sottraggo al confronto e lo farei personalmente con ciascuno di voi, non per convincervi. Mi trovate all’indirizzo mail giacomo.zaffanella@comune.cremona.it per proseguire la conversazione senza intasare questo sito che ci ospita

    • Franco Manfredi

      Non credo che il Direttore possa avere problemi per intaqsamenti vari.
      E’ Lei che propone a noi cittadini una cosa ed è Lei che non è coerente con il suo modo di fare ed agire.
      A CASA.
      Non siete coerenti, siete veramente i Scillipoti di turno.
      Il confronto lo si può fare con chi ha una linea e l’ha mantenuta
      nel rispetto dei suoi elettori.
      C’è veramente da vergognarsi a fare e tenere certe posizioni.
      Da persona di centrodestra ho vergogna che la mia maggioranza stia
      in piedi con persone del genere.
      Caro Perri, forse sarebbe meglio ritornare al voto, non credi; oppure vuoi governare con queste persone….
      Franco Manfredi

      • Alice Botti

        Credo che anche la politica di casa debba prendere una via per un serio rinnovamento, questo non passa sicuramente per queste persone che non capiscono quando è venuta l’ora di staccare la spina ad una farsa.
        Io, non mi vergogno, ho votato per Perri, ma ora sono veramente pentita; anche se per Corada non avrei mai votato, piuttosto sarei andata al mare.
        Oggi ci troviamo ad essere in una situazione surreale, queste persone che ormai non rappresentano più nulla, che sono la stampella della Maggioranza, raffigurano quella brutta pagina politica, che da cremonese spero di archiviare al più presto.
        Senza nessun pudore queste persone tentano anche di infiltrarsi in quel rinnovamento che le persone desiderano.
        Devono far caadere questa maggioranza che ormai non sentiamo più nostra perchè non è più espressione democratica del voto.
        Ci vuole un bel coraggio ad una insegnante, come me, per spiegare le norme ed i diritti della nostra costituzione, quando bastano pochi giochetti politici, per stravolgere il volere popolare.
        Se la LEga è all’opposizione, il governo della città non dovrebbe avere più i numeri per governare. Ma è pur vero che il Gruppo Misto ha voluto ricalcare la strada dei Scilipoti di turno.
        Non la prenda come un’offesa, purtroppo è la dura e cruda realtà.
        I pensieri che scaturiscono dalle vostre scelte ve li lascio immaginare, se volete…..
        Prof. Alice Botti

  • Ernesto Piloni

    Con questa risposta il consigliere Zaffanella dimostra che la voglia di far politica è uguale alla sua voglia di restare e sorreggere il governo cittadino.
    Paradossale; lo so che la legge lo permette, ma ci vuole proprio un bel pelo sullo stomaco.
    Unica via, concordo con tutti i commentatori che mi hanno preceduto, sono le dimissioni.
    Loro li non rappresentano più noi della Lega che li abbiamo votati.
    Questo significa fregare il popoplo con il solito giochetto.
    Per quanto riguarda Ferrari, padre, solo una cosa da dire.
    Si ritiri.Anche perchè in quel posto non rappresenta la Lega.
    Ernesto Piloni

  • Elisa Sari

    Da pensionata, che fa fatica ad arrivare a fine mese, sono indignata da quanto leggo.
    Io non sono stata molto attenta a questa cosa.
    Quindi questi Consiglieri sono usciti dalla Lega che è passata all’opposizione e fanno stare in piedi la maggioranza?
    Ma è una cosa aberrante, da paese del terzo mondo.
    Io a questo punto mi appello al Sindaco, ritorni alla consultazione popolare, alle elezioni. Questo è un vero imbroglio per i cremonesi.
    Se qualcuno vuole spiegarmi meglio ne sari contenta.
    Elisa Sari

    • Prof. Alice Botti

      Si cara amica, è proprio cosi.
      Io non sono una sfegatata della politica, ma questa situazione è proprio come Lei ha giustamente riassunto.
      Cosi non va.
      E meno male che fra una anno e 6 mesi si va a votare, se non vanno a casa prima, per senso di responsabilità e di decenza.
      Prof. Alice Botti

  • Alessandro Canè

    Mi ricordo in Campagna elettorale, erano tutte persone sfegatate della Lega, “duri e Puri”, ma non si ricordano proprio la loro foga anche nei diversi banchetti per strada…?
    Ora le Lega non fa più comodo, ma mantenere questa Amministrazione si.
    La Lega ha fatto un vero atto di redenzione mettendosi all’opposizione, ma questi “Scillipoti di turno” dovevano far durare questa Amministrazione.
    Non era proprio Zaffanella che alcuni anni fa diceva di avere una registrazione del Sindaco….
    Perri aveva promesso a Zaffanella ma poi li sincaco premiò altra figura, (Zagni).
    Forse Il Cons. Zaffanella non si ricorda più queste cose.
    Ora anche lui ha anche un vero incarico per la maggioranza Perri.
    Beato Lui…..
    Sfortunati noi che non se ne vanno.
    Alessandro Canè

  • Elisa Denti

    Personalmente non credo che queste cose servano alla cultura.
    Anche perchè basta vedere chi partecipa…!
    A questo punto possono invitare anche la De Bona, per un rinnovamento della Cultura a Cremona.
    Farebbero proprio il tutto esaurito….
    Che improvisazioniscontate ed inutili.
    Elisa Denti

  • michef

    Ma scusate, per parlare di sagre e di culinaria non bastava il mitico Cotechinio Vitali!?