17 Commenti

Salini tentato dalle dimissioni per acciuffare un posto in Regione La Provincia verrebbe commissariata

salini-rossoni-iotta-e

Sopra, Salini, Rossoni e Iotta

Lombardia, ormai le elezioni sono alle porte. E’ solo questione di definire tempi e date che potrebbero essere abbastanza immediati. Infatti “è da irresponsabili e quindi inaccettabile che la Lombardia viva una campagna elettorale lunga sei mesi”, dice il governatore Roberto Formigoni che incontrando i giornalisti  torna a ripetere: “Se la Lega non ci ripensa (cioè se insiste nel voler andare alle urne in primavera), allora si vada al voto prima possibile e fin da domani attiverò le procedure per cambiare la legge elettorale. Se la Lega Nord non cambia idea in Lombardia si potrebbe andare a votare tra 45-90 giorni”.
Unico impegno prima del ritorno alle urne sarà appunto quello di cambiare la legge elettorale per abolire il listino. Proprio in considerazione di questo impegno, secondo il presidente della Lombardia è “realistica l’ipotesi del voto a gennaio”.
Dunque procedure rapidissime. Domani (martedì 16 ottobre) in Consiglio Regionale si dovrebbe votare sul riordino delle province. Si tratta di un passaggio importante perché proprio dalle province, specialmente da quelle in via di dismissione, potrebbero arrivare alcuni candidati a consigliere regionale.
Dal Pdl cremonese si fa sempre più insistente la voce che vorrebbe Massimiliano Salini, attuale presidente dell’Amministrazione provinciale, possibile candidato in Regione. Salini, sempre secondo il tam tam del Pdl, potrebbe dimettersi immediatamente, poco dopo lo scioglimento del Consiglio Regionale. La candidatura non è incompatibile e le dimissioni avverrebbero solo per ragioni di opportunità. Ovviamente le dimissioni di Salini porterebbero al commissariamento della Provincia fino alle nuove elezioni previste a “riordino” avvenuto e con i nuovi assetti provinciali che vedono Lodi, Cremona e Mantova insieme.
Ma Salini rischia di non essere l’unico candidato dell’attuale Pdl alla corsa per un posto al “nuovo Pirellone”. Potrebbe essere tentata dal bis Chiara Capelletti, figlio in arrivo permettendo, che alle scorse elezioni ebbe un buon pacchetto di preferenze oppure l’attuale presidente dell’Aler Mino Jotta, sponsorizzato Mariastella Gelmini. Dopo vent’anni cambierà invece aria Gianni Rossoni. Si dice voglia tentare di prendersi un seggio al Senato lasciando, con robusta liquidazione, il posto al Pirellone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Vecchio Balordo

    Questi del PDL che vogliono entare in Regione, non hanno capito che del vecchio PDL ne entreranno ben pochi sto giro….

  • Fabrizio

    Ma andare a lavorare davvero non ci pensa nessuno di costoro?

    • Angelico

      eh, no troppa fatica….

    • veronica

      Tu penseresti di a trovarti un posto di lavoro, dove saresti costretto/a ad avere uno straccio di curriculum, sostenere dei colloqui, essere in prova per sei mesi… e con uno stipendio diciamo risibile e la certezza di una pensione da fame, quando puoi sedere su una comoda poltrona, senza che nessuno possa testare se sei capace o no, dove responsabilita’ vere non ce ne sono mai, con uno riconoscimento economico niente male e magari ci scappa pure un vitalizio?

  • Stefano

    Salini, nonostante io detesti il PDL, ha fatto davvero un bel lavoro per quanto riguarda l’accorpamento delle province…spero non venga eliminato per colpa di quel ciellino di Formigoni e scandali connessi!

    • p.

      non vorrei deluderti troppo, ma salini è un’espressione di formigoni

  • Corda

    Salini, Rossoni…e questo sarebbe il nuovo che avanza?? A me sa’ molto di vecchiume…penso che come cittadini italiani (parlo di quelli onesti) ci meritiam di meglio!

    • Toropazzo

      Salini vecchiume? Allora chi ci mettiamo? Ventenni imbecilli che non hanno nulla in testa?

      • Corda

        ..mi pareva evidente che parlando di “vecchiume” non facessi riferimento tanto alla eta’ anagrafica, quanto piuttosto al tipo di percorso politico!
        Salini, Rossoni ecc.. sono figli di una classe politica che nulla ha piu’ di politico (nel senso nobile del termine) ed il cui modo di gestire la “cosa pubblica” e’ sotto gli occhi di tutti. BASTA!

        • Toropazzo

          E quale sarebbe il modo nuovo? Quello dei 5 stelle di Parma, disposti a pagare fior di penali pur di lasciare l’ inceneritore a meta’ per spedire i rifiuti a bruciare in Olanda? Pagando ovviamente!

          • Corda

            Mmah! Penso che se non avessimo avuto politici incapaci, opportunisti e corrotti, anche realta’ come il movimento 5 stelle non avrebbe avuto il successo che conosciamo. Tra i politici di oggi, gia’ pronti a candidarsi per la nuova corsa, c’e’ qualcuno che conosce cosa vuol dire “bene comune”?? Io credo di no!

  • Paolo

    Salini?!! Rossoni?! ma basta sta gente qui! vecchia politica …. ariaaaa!

  • roby27

    cosa si fa per non perdere un posto da priviligiati!ai passa da una sedia all altra..VERGOGNATEVI!

  • Paolo

    A toro… meglio ventenni imbecilli come dici tu che POLTRONAI disposti a tutto pur di sedersi su qualche seggiolina…!

  • michef

    Possibile che non si riesca a sapere a quanto ammonti la “robusta” liquidazione che Rossoni prenderà dalla Regione, cioè da tutti noi, nel caso lasciasse la sua carica regionale per qualsiasi motivazione?
    In ambienti del centrodestra cremonese si vocifera di 800.000 (ottocentomila) euro, che schifo che esista una liquidazione per l’aver ricoperto una carica elettiva già lautamente pagata!
    Se buonuscita ci deve essere, si dia a Rossoni una somma pari a quella che avrebbe ricevuto se avesse svolto la sua effettiva occupazione (per la quale ha certamente usufruito dell’aspettativa per il suo impegno politico): il professore di GINNASTICA!
    E’ chiaro che lo stesso discorso vale per tutti i politici, di qualsiasi partito, che hanno usufruito o che usufruiranno della liquidazione dalla Regione per aver lasciato o perso la carica di consigliere regionale, ma è evidente che per Rossoni, la “buonuscita”, assumerà una rilevanza ancora maggiore dato che ricopre da moltissimi anni questa carica e poi quella di assessore…, insomma: i cittadini dovrebbero sapere quanto denaro pubblico ha percepito Rossoni, a maggior regione se fosse vero quanto l’articolo riporta, cioè che forse si candiderà per la carica di Senatore… facce nuove a Roma…

  • MARIO

    Ma in regione come farà a montare porte a prova di ultrasuoni………….come ha fatto a Cremona ………….?
    E i vetri della auto blu chi glieli oscura……..??
    E poi che cosa potrebbe fare ………di bello …….?

  • patrizia cattani

    Ma possibile che questa gente non voglia accorgersi del vento che è cambiato? possibile che non vedano l’insopportazione della gente comune verso il loro ciarlare e soprattutto verso i loro privilegi. I consiglieri e gli assessori della regione lombardia rinuncino tutti alla liquidazione, formigoni oltre a dirmio quanto costo alla regione per ogni esame medico che purtroppo devo affrontare mi dica invece quanto mi costerà lui e tutta la sua marmaglia al termine di tutto questo schifo!