39 Commenti

Per l'addio di Rossoni alla Regione un "Tfr" da oltre mezzo milione di euro e vitalizio

rossoni-formigoni-evidenza

Nella foto, Formigoni e Rossoni

Il Consiglio Regionale della Lombardia è stato sciolto. Si andrà a votare entro 90 giorni, probabilmente dopo il 15 gennaio. Ovviamente nulla si sa degli eventuali candidati al nuovo consiglio regionale. La provincia di Cremona nell’ultimo consiglio regionale era rappresentata da due soli consiglieri Gianni Rossoni per il Pdl e Agostino Alloni per il Pd. Ovviamente ancora non si sa chi verrà candidato dai vari partiti al nuovo Pirellone. Rossoni mirerebbe ad un seggio romano, forse al Senato dopo oltre vent’anni in Regione (tra l’altro con cariche importanti come quella di vicepresidente della Regione o di assessore in più mandati). Ma, in tema di spending review e di riduzioni di spesa per la politica, quali saranno le buonuscite previste per i nostri due per ora ex consiglieri regionali e per coloro che non rientreranno al Pirellone per scelta o perchè non rieletti? Il Pd, con un suo comunicato, fa sapere che nessuno dei suoi consiglieri avrà vitalizi. “Nessun consigliere del PD in carica percepirà il vitalizio da Consigliere regionale. Il decreto legge stabilità da poco emanato dal Governo Monti stabilisce come criteri per l’accesso al vitalizio la durata in carica di almeno dieci anni e il raggiungimento dei 66 anni d’età. – si legge nel comunicato emesso dal gruppo regionale del Pd  – Il PD ha la regola del limite di due legislature, quindi i consiglieri di più lungo corso hanno svolto il loro mandato per sette anni e mezzo, essendo stati eletti la prima volta nel 2005 e la seconda nel 2010. Anche se questi consiglieri venissero eletti nella prossima legislatura le cose non cambierebbero, perché nel frattempo il vitalizio in Regione Lombardia è stato abolito”.

Ma qualcuno tra i consiglieri regionali avrà una buonuscita d’oro di fine mandato, una sorta di “tfr” che farebbe invidia addirittura ai dirigenti d’azienda di lungo corso e che corrisponde a un anno di retribuzione per ogni legislatura effettuata. Dato che un anno di compenso da consigliere regionale lombardo in media corrisponde a 113 mila euro lordi, fate un po’ il conto di quanto percepirà chi ha alle spalle tre o quattro mandati.  Secondo i calcoli compiuti dal quotidiano economico Il Sole 24Ore all’inizio della legislatura, il consigliere regionale cremasco del Pdl, Gianni Rossoni, il suo tfr era già di 455 mila euro lordi a cui andrebbero aggiunti circa 90 mila euro lordi per la frazione di legislatura appena conclusa con le dimissioni.

Ma a Rossoni spetterà anche il vitalizio, una sorta di “pensione come consigliere regionale”. Infatti l’articolo 2 del decreto legge Monti sulla riduzione dei costi della politica nelle regioni che dovrebbe essere convertito in legge domani , dice:  “Fatto salvo quanto disposto dall’articolo 14, comma 1, lettera f) , del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, e fi no all’adeguamento da parte delle Regioni a quanto ivi previsto, ferma restando, in ogni caso, l’abolizione dei vitalizi già disposta dalle Regioni, le stesse, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fatti salvi i relativi trattamenti già in erogazione a tale data, possono prevedere o corrispondere trattamenti pensionistici o vitalizi in favore di coloro che abbiano ricoperto la carica di presidente della Regione, di consigliere regionale o di assessore regionale solo se, a quella data, i beneficiari: a) hanno compiuto sessantasei anni di età; b) hanno ricoperto tali cariche, anche non continuativamente, per un periodo non inferiore a dieci anni”

Gianni Rossoni ha oggi 63 anni. Godrà del vitalizio a 66 anni compiuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • giovanni

    Qualcuno mi sa spiegare che cosa ha fatto di così strabiliante il sig. Rossoni per ricevere una liquidazione di tale importo? Ancora fosse stato il Presidente degli U.S.A.! Queste sono notizie che fanno incazzare le persone che a malapena arrivano a fine mese. E poi la “casta” si scandalizza se la gente li definisce, usando un termine “signorile”, approfittatori.

    • mario

      stanno ballando sul titanic……..a loro insaputa……….!!!!!

  • roby27

    fanno veramente schifo!ricordiamo a sti”signori”che cè chi lavora x 40 anni e prende un tfr che è forse un decimo di quello che prendono loro senza fare una mazza!manco andassero in fabbrica o in miniera!poi chissà che pensione,in barba alle pensioni minime che vengono sempre piu tassate!
    e poi ci dicono di andare a votare!ma andate tutti a fan…!!!

    • mario

      è meglio non agitarsi troppo……..se no si fa il gioco dell’avversario…come si sa……..!
      l’alternativa c’è…basta documentarsi.
      Coraggio……….!!

  • MARIO

    MA PERCHE’ dovremmo darglieli…………………..????

  • erratacorrige

    ERRATA CORRIGE: Rossoni non è in Regione da “quasi vent’anni”, ma da 22 anni e mezzo: prima elezione nella primavera del 1990 nelle fila della DC, poi nel 1995 in quota CDU di Buttiglione (FI ci mise i voti, Rossoni ed il CDU solo le preferenze, tecnica del cucù: entro nella tua casetta e rapido mi prendo la poltrona migliore a dispetto del padrone di casa), nel 2000 con Forza Italia (dopo che Formigoni stesso passò armi e bagagli in FI con tutta la truppa di Cielle), nel 2005 ancora Forza Italia ottenendo record di preferenze in quanto sostenuto da tutto il partito in modo compatto. Come mai? Il nostro giurò solennemente “Dopo 15 anni noiosi da Consigliere Regionale faccio finalmente l’Assessore per 5 anni poi mi ritiro, giuro su di voi che mi ritiro”, ma ovviamente spergiurava e nel 2010 si ripresenta, puntuale come le tasse, sotto le insegne del PDL. Se i suoi colleghi di giunta avessero rubato un po’ meno o un po’ meglio (mannaggia a loro, stessero più attenti) sarebbe giunto a scadenza naturale, ovvero al 2015, festeggiando le nozze d’argento con la beneamata Regione Lombardia, 25 anni appunto. Invece, porèto, si fermerà a 22 anni e mezzo. E avrà tre anni senza stipendio, senza contributi, per raggiungere l’agognata pensione. In pratica un esodato! Ce la farà a passare questi tre lunghissimi anni? basterà l’abbondante mezzo milione di euro a far fronte alle spesucce quotidiane dei prossimi 36 mesi? Speriamo che qualcuno si metta una mano al cuore e lo candidi in Senato. Se lo merita proprio.

    • mario

      ma che cosa ha corretto …………….??
      lo sa solo lei………………?
      e ci dica cosa…!!!!!!!!!

      • erratacorrige

        Caro Mario, forse il mio titolo risulta in effetti fuorviante: l’articolo è perfetto, l’ERRATA CORRIGE si riferiva alla prima versione, che poi è stata corretta, in cui si diceva che Rossoni era consigliere regionale da QUASI vent’anni, mentre lo è da più tempo, ovvero 22 anni e mezzo. poi l’articolo è stato corretto nell’imprecisione. Tutto qui.

        • mario

          chiedo scusa…….è vero..!

  • Rododendro

    CHE SCHIFO !!!!

  • patrizia

    E adesso qualcuno di altro schieramento provi a dire che non c’era e se c’era dormiva quando a Roma o altrove queste leggi e relativi regolamenti di puro privilegio sono stati approvati.

    • mario

      gentile signora…come lei sa ……. sono ben svegli e pronti a darla ad intendere.
      Viaggiano in SUV….e…lei con che cosa va in giro…………??
      E se è multata paga la multa……??

  • Gigetto

    Una valanga di parolaccie, riflusso gastrico, amarezza, voglia di spaccare tutto…..quando si vedono certe cose…benedetti dal signore…questa si chiama democrazia…io direi dittatura perché alla fine fanno il loro interesse…non quello del popolo….sarò qualunquista ma non si può accettare che il mondo politico si comporti così e non ne posso più di vedere politici ricchi sfondati e noi col conto corrente liscio nonostante si lavori……basta….basta……cambiate una buona volta….fate vomitare..e le leggi ve le siete fatte voi a vostra misura…..ladroni…tutti ….

  • giovanni

    Caro sig.Rossoni, poichè credo che i 22 anni di “ferie” in Regione le siano stati pagati più che profumatamente, si dimostri una persona di buon cuore: la sua mostruosa liquidazione (non saprei se veramente meritata visto che ve la siete stabilita voi alla faccia nostra) la devolva in beneficienza. In fin dei conti sono soldi provenienti dai tributi pagati anche da chi non arriva a fine mese. In ogni caso speriamo che lo spreco, come in questo caso, vomitevole di denaro pubblico non abbia più a ripetersi.

  • don pizzarro

    Avevo capito che il vitalizio era stato abolito in Lombardia. Che stupido che sono. Evidentemente avevo capito male.

    • mario

      caro don … non è stupido…..non è il caso………!
      Ce la fanno sotto il naso…..ma rischiano grosso e non lo sanno…..!!

  • Achille

    Sacrosanti i commenti di queste pagine. Vergognoso lo scandalo.
    Esimio sig. Rossoni, faccia una conferenza stampa e dichiari che una parte, anche piccola, verrà destinata a qualcosa di concreto e tangibile a vantaggio di tutti i cittadini. (sistemazione marciapiedi, rifacimento di un parco, ecc. Le farebbe onore!).

    Per rimanere “sul pezzo” si informino i lettori di cosa ha “combinato” il parlamentare del PD Luciano Pzzetti la scorsa settimana… in cui era relatore per un’importante decisione sul controllo dei bilanci regionali della corte dei conti… sostenendo sostanzialmente che sono troppo opprimenti! …
    Il corriere della sera lo ha ripreso e pubblicamente redarguito (a dir poco) …

    Una perpetrata vergogna By-partisan …

    Meditate.
    Poi verrà il voto.

    • mario

      tenga presente che il sig. Pizzetti non è un frequentatore dei cunicoli della cremonella……….!
      non le basta……..??

      • Brigoletto

        Pizzetti e Rossoni, gli amici di sempre. Chissà quanti soldini pubblici han portato a casa, e ne porteranno

  • Angelico

    UN VERO SCHIFO, VERGOGNA.

  • ABC

    Ditä cún tantä educasïon …. Ghi de andâ a ciâpal in del bërtavël sensa büro …. fï schifo cara i me car pülitic de ….. ! Scusëme ma ghivi de sfûgame cari lettori !

  • roby27

    e qui si parla solo di 1 di questi politicanti di carriera..pensiamo a tutti quelli che chi sono in italia,a roma e non….moltiplichiamo le cifre,compresi i senatori a vita(cosa che succede solo in italia!!),e capiamo dove sta il deficit italiano!se togliamo tutti sti priviliegi a lor “signori”l italia sarebbe come la svizzera!

  • giovanni

    Per Achille: la giustificazione di Pizzetti è che il ” controllo della Corte dei Conti affosserebbe l’autonomia degli Enti Locali in contrasto con i dettami della Costituzione”(sic). Altra perla del suddetto è che “negli ambiti istituzionali non bisogna assecondare l’ondata di sdegno dell’opinione pubblica in merito agli scandali degli ultimi giorni”.
    In parole povere il sig. Pizzetti vuole la riduzione dei costi della politica (a parole), ma non vuole che questi costi vengano controllati da chi avrebbe il dovere ed il diritto di farlo. E sappiamo bene che le associazioni affaristice denominate Partiti hanno disatteso la volontà popolare sancita da un referendum. Per quanto mi riguarda (non sono un costituzionalista, ma credo che anche il sig. Pizzetti non sia nè docente di diritto costituzionale nè membro della Consulta)la nostra Costituzione viene tirata in ballo ogni qual volta fa comodo ai nostri politici.

  • Sara &. Gianni

    Da anni, la carica pubblica è diventata la scorciatoia per arricchirsi, dobbiamo ribellarci a questo degrado e non votarli più. Inoltre sta a vedere che molto probabilmente sarà anche un Tfr esentasse! Provo disgusto e un senso di amarezza profonda per questa continua erosione di denaro pubblico alla faccia di imprese e lavoratori alla fame che han pagato e pagano le tasse…..

  • Michef

    Sono contento che sia uscita la notizia: qualche settimana addietro avevo postato un commento che riportava le voci che giravano in ambienti del PDL riguardo appunto alla buonuscita di Rossoni, le cifra ipotizzata era di 800.000 euro.
    La mia opinione è, ovviamente, che sia una liquidazione assurdamente alta ed è folle che esista per una carica elettiva già lautamente pagata…
    se liquidazione ci deve essere, dovrebe essere pari a quella che Rossoni avrebbe percepito se fosse andato in pensione dopo aver svolto sua “vera” occupazione e dalla quale, di certo, si mise in aspetativa: il boss di Offanengo era professore di educazione fisica (a proposito: CHISSA SE HA INTASCATO O SE INTASCHERA’ ANCHE LA LIQUIDAZIONE DAL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?…)
    E’ chiaro che tutti i partiti sono conniventi e reputo che chiunque, al posto di Rossoni, ritirerebbe i 500.000 euro…
    altro esempio di politico locale ben pasciuto dai contribuenti è Giuseppe Torchio: da tempo immemore si intasca una pensione da almeno 4500 euro al mese per essere stato 5 anni in Parlamento…, non è anche questo uno schifo!?
    Allora, cosa possiamo fare???
    Semplicemente non votare più Rossoni quando si candiderà alle prossime elezioni politiche, se è vero che tenterà di diventare senatore!
    Dobbiamo trombarlo come fu trombato Torchio!
    La cosa simpatica è che Rossoni, fino a prova contraria, è un politico onesto dato che non è mai stato indagato per nulla… povero PDL… il più pulito ha la rogna… NO: è Rossoni!

    • mario

      non è sufficiente… bisogna pretendere che i successori , di qualsiasi partito, si impegnino a revocare , con decorrenza antergata, questa vergogna mondiale…………!!!!!!

  • I MAI CONTENTI
    http://www.cremonanoggi.it getta furbescamente l’esca e un mare di protestanti fanno fuoco e fiamme. Ma chi non darebbe ben più di 500mila euro pur di liberarsi di un Rossoni?

    Cremona 29 10 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • mario

      sei tutti noi….. ma tu quanto vali………….?

  • roberto

    eclissi totale.
    Come se qualcuno fosse senza responsabilità in merito a stipendi e vitalizi dei politici.
    Parlo dei partiti naturalmente……..e di coloro che si scannavano in campagne lelttorali per raggiungere il risultato.
    Nessun furto ma solo buste paga che sono piaciute a tutti. Nessuno escluso.
    Chi vinceva, prendeva, giusto o sbagliato che sia, il proprio onorario.
    Oggi le cose dovranno cambiare. OK. Ma non diventiamo dei moralisti.

    • mario

      mi permetto di suggerirti il link:
      http://www.vascellocr.it
      e leggere ( tratto dal sito suggerito) il seguito del titolo:

      quote da il vascellocr:
      Beccandosi un durissimo commento sul “Corriere della Sera”
      E’ Luciano Pizzetti il relatore in Commissione che ha sostenuto che i controlli della Corte dei conti sui bilanci regionali non sarebbero accettabili perchè “comprimono eccessivamente la sfera di competenza propria delle autonomie regionali”
      unquote da il vascellocr

  • Angy

    ….voglio andarci anch’io in regione,non c’è un Bossi o un Berlusca che mi prende in adozione????Non facciamoci il sangue amaro:è finita la pacchia per tutti questi dis-onorevoli stronzi.

    • mario

      dipende dalle sue “misure” esposte……..!

  • clandestino senza lavoro.

    e mantre il popolo bue tira la cinghia e continua ad essere tartassato , e preso per il culo questi briganti se la ridono e continuano a sparare cazzate per i gonzi, che invece che a prenderli a calci nel culo, gli leccano il culo per sistemarsi loro o i familiari in qualche ente pubblico e vivere a sbafo, quindi popolo bue non meravigliatevi se Rossoni prenderà oltre 500.000 euro di tfr e 8000 euro di vitalizio mensile se lo fanno è perchè sanno che il popolo bue non capisce una mazza e continua a divertirsi con il pallone ,formula 1 ecc.
    cari Italioti vi sta bene ,e mi auguro che voi continuate a prenderlo nel culo e loro a sodomizzarvi.
    grazie al vostro continuo menefreghismo e furbizie Italiche loro hanno accumulato milioni di euro e voi siete alla fame ,vi sta bene e mi auguro che possano tassarvi ancora di più.

    • mario

      caro amico, più ti agiti e più fai il gioco dell’avversario……!!
      E non è un rimprovero.
      In effetti questa gente NON sa di ballare sul titanic…!
      E’ un frase ormai usurata………ma la resa dei conti si avvicina.
      Cordialità.

  • danilo

    Come ben sa chiunque abbia lavorato , per esempio , alla CARIPLO , queste sono cifre ordinarie per chi è stato mandato in pensione anticipata ( di dieci – dodici anni )con la piena approvazione dei sindacati.
    Per esempio, una decina d’anni fa , con la integrazione Intesa – SanpaoloImi , si crearono migliaia di esuberi che furono gestiti in piena concordia e con l’approvazione dei sindacati in questi modo :
    supponete di essere stato all’epoca un cassiere di cinquant’anni con ventotto, trent’anni di anzianità ; dalla mattina alla sera sareste rimasti a casa . In attesa del pensionamento la banca abrebbe continuato a pagravi tutto lo stipendio , tutte le mensilità comprese. Oltre agli incentivi per ” prepensionarvi ” a carico della collettività , il fondo pensione Cariplo vi avrebbe elargito il famoso ZAINETTO .
    Nel caso di un cassiere più o meno trecentomila euro , da sommarsi al TFR.
    Nel caso di un quadro largo circa cinquecentomila euro oltre al TFR.
    Ergo : ” la liquidazione ” di Rossoni equivale a quella di un normalissimo quadro di una delle banche più diffuse , come pratica comune sulla quale nessuno aveva nulla da dire, anzi , guai a togliergli un centesimo , pena le cannonate dei sindacati.
    Spero che tra chi indigna non ci siano sindacalisti che sottoscrissero quegli accordi.

    • mario

      il problema è che QUI il vitalizio lo paghiamo NOI…….!!!!!!!
      O lo vuole pagare lei……….?????????

      • danilo

        Perchè, i vitalizi dei bancari chi li paga, lei o l’INPS? sa a quanto ammontano dieci anni di pensione antipata per ognuno dei soggetti rientranti in questa casistica ? Siamo sui 60.000 EURO a carica della banca e 350.000 a carico dell’INPS.
        Si offre volontario per pagarli lei questi pochi migliaia di casi ?

  • Marco

    Rimango sconvolto, a questo tizio che avrà pure fatto il suo dovere, gli danno 500.000,00 € + il vitalizio.
    Non so dove l’Italia andrà a finire, male sicuramente.

    Secondo me se dimezziamo gli stipendi dei parlamentari, togliamo il vitalizio e questi TFR li dimezziamo, risolleviamo il debito pubblico in 5 anni e nostri figli avranno una speranza.
    Mi domando ma se invece di 500mila, gli darebbero 200mila, uno non è contento comunque? si risparmiano 300mila, moltiplicati per tutti quelli che vanno via, sono delle belle cifre.

    CHE SCHIFO, VERGOGNA.

    E PIU’ SCHIFOSO E CHI L’HA VOTATO, VACCI A CHIEDERE L’AUMENTO.