3 Commenti

Ancora una volta piazza Duomo “brutalizzata” da livelli sonori assurdi

Lettera scritta da Giorgio Bonali

Per una festa del torrone che lascia prevedere sin dal sabato un successo superiore a tutte le precedenti edizioni, mi sento di protestare con gli organizzatori per aver affidato il palcoscenico, i microfoni ed il controllo dell’amplificazione nella nostra piazza maggiore, a “dilettanti allo sbaraglio” che si permettono di “brutalizzare” i monumenti ed i visitatori con livelli sonori insopportabili, tali da non permettere una normale conversazione fra persone civili ed un facile ascolto delle guide impegnate ad illustrarne la bellezza.

Ho potuto verificare la situazione sia il mattino che il pomeriggio di questa altrimenti bella prima giornata di Festa e come me tante altre persone che si lamentavano per l’eccesso del volume sonoro: forse, se si vuole, è ancora possibile intervenire per il gran finale di domani.

Giorgio Bonali

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco Alquati

    Questo articolo dimostra tutta la piccolezza di Cremona… Son queste le persone che hanno causato il declino della città!

  • Annamaria Menta

    Il commento invece dimostra come gli italiani siano poco avvezzi alla lettura.
    Si parla di LIVELLI SONORI, non del livello della manifestazione.

    Il LIVELLO QUALITATIVO di una manifestazione è slegato dal livello dei decibel.
    In centro come in periferia.

    Il declino della città non si arresta certo alzando il volume.

    • Marco Alquati

      Si tratta di 3 giorni l’anno, non mi faccia ridere