Commenta

Protesta pendolari Cremona-Fidenza, Zaffanella: "Comune lento ad attivarsi"

zaffanella-pendolari

Sopra, Zaffanella e la stazione di Fidenza

“Da una settimana ho fatto presente il problema e non ho ancora ricevuto risposte”. E’ polemica da parte del consigliere comunale del Gruppo Misto che ha sposato la causa del Movimento di Massimo Cacciari ‘Lombardi verso nord’, Giacomo Zaffanella. Oggetto della discussione, la protesta dei pendolari Cremona-Fidenza sulla modifica degli orari (proposta di posticipo del treno delle 6.30 alle 6.40) e sui disservizi della linea. “Ho girato la lettera con raccolta firme e motivazioni – dice Zaffanella – ai sindaci di Cremona, Castelvetro, Villanova e Fidenza. Non coinvolgere Cremona è stata una grandissima leggerezza e un atto di mancanza di visione d’insieme, ma c’è da tenere conto anche della lentezza del Comune di Cremona ad attivarsi”.
“Ritengo – scrive il consigliere ai sindaci – che, prima di modificare gli orari, fosse più che opportuno il coinvolgimento del Comune di Cremona, visto che tale esclusione ha generato conflitti fra le varie esigenze. Era il minimo coinvolgere Cremona, visto che sono numerosi i pendolari che percorrono quella tratta per recarsi al lavoro a Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna. Sono pertanto a richiedere un tavolo urgente fra il comitato pendolari cremonesi, i Sindaci destinatari di questa mail e l’Assessore Regionale prima che le modifiche proposte senza aver tenuto conto delle esigenze dei pendolari cremonesi diventino effettive”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti