3 Commenti

Voto ai detenuti, il deputato radicale Turco visita Cà del Ferro

carcere-turco

Mobilitazione dei radicali dentro e fuori le carceri di tutta Italia e anche a Cà del Ferro. Presente in città per una visita alla casa circondariale cremonese, il deputato Radicale Maurizio Turco. Accompagnato da Sergio Ravelli e Gino Ruggeri, dalle 9 entrerà nel carcere Cà del Ferro e alle 12 terrà una conferenza stampa. La mobilitazione in occasione della discussione nelle commissioni giustizia e affari costituzionali al Parlamento della risoluzione radicale per il diritto di voto dei detenuti, prevista per martedì 11 dicembre. “Un successo quello della discussione in commissione – dicono i radicali cremonesi – per la lotta non violenta che ha convinto la deputata radicale Rita Bernardini, promotrice e prima firmataria del documento, a sospendere lo sciopero della fame che portava avanti da ormai 41 giorni insieme alla segretaria del Detenuto Ignoto Irene Testa. Per rivendicare il proprio diritto di voto, ostacolato da disinformazione e da una procedura farraginosa, decine di migliaia di reclusi in tutta Italia avevano digiunato dal 19 al 22 novembre scorso, alternando ogni sera per quattro giorni battitura delle sbarre e momenti di silenzio. Una mobilitazione promossa dal Partito Radicale dentro e fuori le carceri e che riprenderà nei prossimi giorni, come annunciato da Marco Pannella, che ha chiamato nuovamente a raccolta la comunità penitenziaria dai microfoni di Radio Carcere”.
Domenica 9, lunedì 10 dicembre e martedì 11 nelle carceri – compreso quello di Cremona – si ripeterà la battitura alle sbarre delle celle con questi orari: domenica e lunedì dalle 13 alle 13.30 e dalle 19 alle 19.45 mentre martedì la battitura verrà effettuata dentro e fuori le carceri dalle 13 alle 13.30 con pentole, coperchi, posate e tutto il necessario per farsi sentire.
“Con questa nuova mobilitazione – dicono i Radicali – intendiamo ribadire l’urgente necessità di riportare la giustizia italiana e la sua appendice carceraria nel perimetro della legalità attraverso un provvedimento di amnistia: il solo in grado di interrompere immediatamente la condizione di flagranza di reato in cui versa lo Stato italiano rispetto ai propri cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Luke

    Ridicoli i radicali…non ce ne frega niente dei criminali, stiamo peggio noi a momenti, onesti da una vita. Turco vai a visitare le nostre scuole, le case di riposo, non le carceri dove vanno rinchiusi i criminali!

  • sentinella

    la battitura alle sbarre…….
    e della battitura alle palle degli italiani onesti, non ne parlano?

  • Evasione

    Lo schifo mi impregna la lettura tanto dell’articolo quanto dei commenti.
    I criminali sono tali perché la società non può esistere altrimenti:
    ovunque ci saranno lusso e indifferenza, ci sarà furto e povertà.

    Per chi teme l’incontro con codesti “pericolosi criminali”,
    è ora che accenda i lumi della propria coscienza:
    le carceri sono colme di piccoli ladruncoli, spacciatori di poco conto.
    I grandi mafiosi, invece, continuano a riempire le sedi istituzionali e le colonne dei giornali.

    In quanto ai radicali…semplicemente ridicoli:
    il linguaggio politico è inutile per chi in nome della politica è stato sequestrato.
    Le gabbie non si devono aggiustare, ma distruggere.

    Che i muri crollino e la libertà evada!