7 Commenti

Aggressione al Red Carpet, i tre giovani denunciati tacciono davanti al giudice

aggressione

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al giudice Letizia Platè, i tre ragazzi denunciati dalla polizia per il pestaggio avvenuto nella notte tra il 12 e il 13 ottobre scorsi davanti al Red Carpet di Cremona, che ha sede nei locali dell’ex Centrale del latte. Pestato a sangue un giovane italiano che in ospedale è stato sottoposto ad un delicato intervento di ricostruzione della mandibola. I tre presunti aggressori, denunciati per lesioni gravi, tutti sono diciottenni, due marocchini e un italiano, residenti a Cremona e senza precedenti. Uno è studente, mentre gli altri sono in cerca di lavoro. Difesi dagli avvocati Michela Soldi, Massimiliano Cortellazzi e Simona Bozuffi, davanti al giudice Platè hanno preferito non parlare, riservandosi di farlo più avanti. “Vogliamo fare chiarezza su quanto è accaduto per predisporre una giusta linea difensiva”, hanno detto i legali. Non sono ancora chiari i motivi dell’aggressione. Alla polizia, la giovane vittima ha raccontato di essere stato aggredito improvvisamente dal terzetto. Secondo la ricostruzione effettuata dalle forze dell’ordine, quella sera i tre erano arrivati davanti al locale intorno alla mezzanotte e mezza. A quel punto erano iniziati problemi con la sicurezza, tanto che era stato necessario l’intervento della polizia, che aveva identificato tutti i presenti. Successivamente, verso le 4, i tre erano stati allontanati dai buttafuori. Creavano ancora problemi. Davanti all’ingresso, poi, era avvenuto il pestaggio. Dopo aver picchiato il ragazzo, colpito violentemente al volto e lasciato per terra sanguinante, gli aggressori erano fuggiti. Le indagini della polizia hanno permesso di arrivare all’identificazione dei presunti responsabili del gesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Elena

    Espulsione immediata per i marocchini e per gli avvocati difensori.
    Per l’italiano due settimane in un ospizio a vuotare pappagalli e lavare gli anziani.
    E se non è sufficiente conosco un paio di ragazzi disposti a metterlo sulla retta via.

    • xix

      Con una risposta: deportazione, squadrismo e campi di lavoro.
      Complimenti!!!

      • X Legio

        Caro xix, perchè non te li porti a casa tu? Di personaggi così l’Italia ne ha già parecchi e non c’è bisgono di tenerne di altre nazioni. Non sono deportazioni è semplicemente rimandarli a casa loro…deportare vuol dire allontanare dal proprio paese e l’Italia non mi sembra proprio il loro paese. Campi di lavoro..magari non avremmo le carceri piene ma avremmo manodopera da impiegare. Squadrismo!!! ne avremmo bisogno si sarebbe più ordine educazione e civiltà!

        • Alice

          Bravo, casapound ti ringrazia per averli fatto rizzare il pene.
          Spero che ogni tipo di male e sofferenza ti accompagni fino alla morte.

  • Mario

    Parlavano e urlavano tanto quel famoso venerdì che ora hanno perso la voce…
    Come al solito di sera leoni di giorno c….i.
    Espulsione subito

  • gigi

    Grazie redcarpet, ci regali sempre grandi emozioni…. in 2 stagioni invernali tutte quelle risse non le ho viste in 10 edizioni di wrestling mania !!!!

    • MARCO

      CI REGALAVI….