4 Commenti

Pdl in Regione: certi Malvezzi e Bassanetti Resta una X: toccherà a Mino Jotta o a Gallina l'ultimo posto?

regione

Manca solo un nome, poi la lista per la Regione è pronta. E’ finito a tarda ora il Coordinamento provinciale del Pdl per la raccolta dei curricula dei candidati per le elezioni regionali. Due nomi sono già certi di essere in lista. Uno è Carlo Malvezzi, vicesindaco di Cremona con delega all’Urbanistica, indicato da Comunione e Liberazione, l’altro è quello di Cesira Bassanetti in Lameri, sindaco del Comune di San Bassano e in prima linea nelle battaglie ambientali contro la discarica di amianto di Cappella Cantone. Il sindaco Bassanetti è l’unica donna ad aver presentato il curriculum per cui la scelta, un obbligo per legge avere almeno una donna in lista, è risultata ovvia. Resta un terzo nome da inserire in lista. I nomi rimasti in gioco sono sei, anche se oggi le maggiori possibilità sembrano essere riservate a Mino Jotta e a Gabriele Gallina. Mino Jotta è anche candidato al Senato ma in una posizione di non eleggibilità. La sua candidatura sarebbe portata avanti dalla corrente che fa capo a Gianni Rossoni e a Simone Beretta. Mino Jotta, attuale presidente provinciale dell’Aler, è stato per vent’anni al vertice del partito, segretario provinciale di Forza Italia, poi del Pdl ed è vicinissimo all’ex Ministro della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini. Dalla sua anche la possibilità di rappresentare una parte del territorio (il casalasco, Jotta infatti è di Torre Picenardi) finora scarsamente rappresentato a livello regionale. Gabriele Gallina, quarantenne vicesindaco di Soncino e vicecoordinatore provinciale, è indicato come l’ala  del rinnovamento del partito. Nell’elenco restano ancora Domenico Maschi, giovane imprenditore cremonese indicato anche da diverse associazioni, Simone Beretta consigliere comunale di Crema, Paolo Abruzzi, sindaco di Sospiro,  Antonio Agazzi già candidato a sindaco di Crema e vicecapogruppo in Consiglio provinciale.

I curricula sono già a Milano e nelle prossime ore il terzo nome sarà ufficializzato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • angelo1

    ahahahahahahah ancora comunione e liberazione……………per favore “liberiamocene” dopo tutto l’ammamma in regione in questi 20 anni ci vuole un bel coraggio votarli (a meno che qualcuno non abbia qualche interesse particolare……..) chissa se riuscirà il caro vicesindaco a farsi una piazzetta personale anche davanti al pirellone……….sarebbe veramente divertente…..o mi raccomando di pregio però!!!!!!!!!!!!!

    • carlo

      bravo angelo, hai centrato il problema…speriamo smatta di occuparsi di cremona, almeno!!

  • AMLETO HA DECISO
    C’è della logica nella sua pazzia, cito a spanne, ma se davvero Berlusconi ha deciso di non ricandidare chi ha processi in corso, solo perché li ha, e non perché abbia commesso qualcosa, tanto valeva far compilare le liste alle Boccassini, ma tutte……

    Cremona 23 01 2013 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • IL VANTAGGIO DI ESSERE MARONI
    Naturalmente, non da sinistra, per la quale stringi stringi nessuno di noi va bene: quando sono buoni, ci spiegano con dolcezza perché siamo irrimediabilmente scemi.
    E’ per noi: un uomo che nella sua ormai lunga storia è sempre stato “importante”, in mezzo alle decisioni che contano, e ha saputo battersi senza “uccidere” il competitore del momento. Io di lui ho un ricordo affettuoso, che voglio passare ai giovani di oggi: al tempo del Ribaldone fu l’unico tra i “grandi” della Lega a dire che stavano sbagliando a gettare il nostro Berlusconi nelle fauci della sinistra; e non era una decisione da poco, il Bossi del tempo non aveva pietà con chi non condivideva al 100% il suo dettato.
    Il 24 febbraio, compatti, noi del Pdl, della destra in genere, ricordiamocene!

    Cremona 24 01 2013 http://www.flaminiocozzaglio.info