15 Commenti

Violenza sessuale, il don patteggia due anni: 'Estraneo ai fatti'

don-mantia

Da sinistra, gli avvocati di parte civile Battistella e Nicoli, a destra i difensori Vappina e Brusa

Processo a don Luigi Mantia, 49 anni, ex parroco della comunità di Santa Lucia a Martignana di Po, accusato di violenza sessuale (ipotesi lieve, senza atti specifici) ai danni di due ragazzini minorenni. Con le aggravanti di aver commesso il fatto violando i doveri inerenti alla qualità di ministro del culto e profittando di circostanze di tempo, luogo e persona anche in riferimento all’età, tali da ostacolare la difesa. La corte, composta da presidente Pio Massa e dai giudici Francesco Sora e Cristina Pavarani, ha accolto, previo risarcimento danni delle due famiglie dei minori coinvolti, la richiesta di patteggiamento presentata dalla difesa a due anni, pena sospesa. I fatti sarebbero cominciati nel 2004 e sarebbero andati avanti per cinque anni, fino al marzo del 2009. Le famiglie dei due minori, che sono già state risarcite hanno quindi firmato in aula, alla presenza dei loro legali Mauro Nicoli e Annamaria Battistella l’atto di rinuncia alla costituzione di parte civile. L’imputato, che per nove anni ha guidato la parrocchia, era difeso dagli avvocato Fabrizio Vappina e Mario Brusa. Nel luglio del 2011, durante una messa, lo stesso sacerdote aveva annunciato ai fedeli sbigottiti di essere stato denunciato dal padre di un bambino. “Affronterò questa situazione con piena responsabilità e la possibile serenità”, aveva detto il don, che aveva presentato la rinuncia alla parrocchia. Alcuni giorni dopo, il 24 luglio, il vescovo di Cremona, monsignor Dante Lafranconi, aveva accettato le dimissioni del sacerdote alla guida pastorale della parrocchia. L’udienza è stata rinviata a fine febbraio per formalizzare il patteggiamento. Attualmente don Mantia, che oggi non era presente in aula, si trova al santuario di Caravaggio.

Le dichiarazioni di don Mantia dopo il patteggiamento

“Come ho già dichiarato altre volte, confermo ancora la mia assoluta estraneità a quanto mi è stato attribuito. A tempo opportuno farò conoscere le ragioni per le quali ho aderito alla proposta che mi è stata fatta, ragioni che ho già espresso diversi mesi fa sia al Vescovo che al mio avvocato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pino

    Ed eccone un altro…..bella gente che gira nel mondo ecclesiastico.
    Sono ricchi, potenti, viziosi, non pagano le tasse…..

    • Francesco Capelletti

      Suvvia un po’ di comprensione! Devono solo controllare la verginità delle varie Marie e se i maschietti sono circoncisi oppure no…altrimenti con tutta questa libertà sessuale i valori più profondi della religione dove andranno mai a finire?

      • Bianca

        Ho letto i vs commenti, sono una ragazza che ora ha 26 anni, quando ero piccola tra i 6 e i 12 anni ho avuto don Luigi come vicario; ci ha portato in campeggio in montagna e al mare, abbiamo fatto tanti grest insieme a tanti ragazzi e ragazze, serate e nottate in oratorio a dormire nei sacchi a pelo..è sempre stato uno di noi, attento, disponibile, mai una parola fuori posto, ci ha seguito e accompagnato nei sacramenti e nella nostra crescita.
        Premetto che non frequento più la chiesa da alcuni anni, ma l’oratorio continua ad essere parte della mia vita e della mia crescita.
        Non è mai successo che provasse anche solo lontanamente ad avvicinare uno di noi con anche solo scherzi o provocazioni; parlandone anche tra di noi ragazzi mettiamo la mano sul fuoco che queste dicerie siano solo delle grandi falsità, che si sia costruita ad arte una storia, perchè adesso va di moda!e ci spiace vedere che la vita del nostro don sia stata rovinata da questa vicenda, che siamo sicuri essere falsa.

        • Pino

          se io fossi innocente non patteggerei, e poi forse “tu” non eri il suo tipo…..

          • Bianca

            probabilmente non sai cosa vuol dire avere certe “tendenze”. Ho studiato psicologia minorile, so che chi fa avances (o come le volete chiamare) verso minori non ha assolutamente interesse all’aspetto estetico, ne al sesso del minore, semplicemente è attratto dai bambini, maschi o femmine, belli o brutti,simpatici o antipatici,…
            E questa patologia, perchè di patologia si tratta, si manifesta con atteggiamenti, situazioni (ad esempio, internet, approcci con battute, …) che con il passare degli anni degenerano nei fatti.
            Ora se davvero fosse così, perchè nessuno ha mai detto o segnalato che c’erano dei comportamenti strani? In fin dei conti è una vita che il don è a contatto con ragazzini e bambini..
            E poi c’è una motivazione per cui il don ha patteggiato, che farà sapere a tutti…

          • franz

            patteggiamento non significa assolutamente ammissione di colpevolezza; ci sono molti motivi per arrivare a questa scelta che deve essere condivisa da accusa e difesa e in ogni caso sottoposta a valutazione del giudice.

          • Pino

            certo, ma non significa neppure essere innocente.
            Se fosse capitato a me, e se io fossi un “ministro di dio” accusato di cotanta infamia, credo che avrei combattuto fino alla morte per difendere la mia dignità e la mia innocenza!!
            Pero’ poi ognuno fa le sue scelte, di comodo o no, ma dev’essere consapevole e pronto anche ad accettare i pensieri delle persone che proprio per il suo modo di agire si sono fatti una determinata idea.

    • Idelfonso

      Dovreste vergognarvi a scrivere questi commenti, io vi denuncerei TUTTI per calunnia!!!! Non sapete neanche come è andata realmente la faccenda. Presto verrà a galla la verità.
      Don Luigi, forza e coraggio !!!!

      “Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi.”
      (Vangelo secondo Giovanni, 8, 32)

      • Pino

        Se tu sai com’è andata perché non ce lo dici?

      • angelo

        be, di fronte ad una sentenza la tua denuncia per calunnia te la giri ………..dove vuoi……e comunque visto che il tuo amico era accusato di un fatto piuttosto grave e non di aver fot….to una mela doveva affrontare il pubblico dibattimento e li urlare la propria innocenza…..dopo è tardi……

  • pace e bene

    Dichiarazione di don Mantia
    riguardo alla richiesta
    di patteggiamento a due anni:
    «Confermo la mia estraneità ai fatti»

    «Come ho già dichiarato altre volte, confermo ancora la mia assoluta estraneità a quanto mi è stato attribuito. A tempo opportuno farò conoscere le ragioni per le quali ho aderito alla proposta che mi è stata fatta, ragioni che ho già espresso diversi mesi fa sia al Vescovo che al mio avvocato». Questo il commento di don Luigi Mantia, parroco emerito di Martignana di Po, riguardo alla richiesta di patteggiamento a due anni, presentata dai suoi avvocati Fabrizio Vappina e Mario Brusa durante l’udienza al tribunale di Cremona di martedì 5 febbraio. La richiesta è stata accolta dal presidente di sezione Pio Massa e dai giudici Francesco Sora e Cristina Pavarani.

  • Margareta deBahia

    “so che chi fa avances (o come le volete chiamare) verso minori non ha assolutamente interesse all’aspetto estetico, ne al sesso del minore,”

    @bianca: Questa tesi te la sarai inventata al momento altrimenti non capisco dove tu abbia studiato “psicologia minorile”. Su Topolino?

    • Bianca

      che commento ignorante! prova a sfogliare qualche testo di psicologia minorile, oppure cerca anche solo su internet e vedi che non ho studiato su topolino!

  • kunta

    l’unico post oggettivamente vero l’ha scritto Franz.

    By franz, 5 febbraio 2013 patteggiamento non significa assolutamente ammissione di colpevolezza; ci sono molti motivi per arrivare a questa scelta che deve essere condivisa da accusa e difesa e in ogni caso sottoposta a valutazione del giudice.

    La verità è che in Italia oramai è tutta una jungla: avvisi di garanzia che sono spacciati per sentenze, sentenze che non arrivano mai, prescrizioni, patteggiamenti che sono condanne, ecc. ecc.

    E tutto questo grazie ad una magistratura incapace, strapagata e, spesso, non superpartes.

  • Vecchio Balordo

    E’ stato condannato….Io farei castrazione chimica e bastonate contro i pedofili

    Anche Rudy Ghede ha patteggiato …. E scommetto che è’ pieno di gente che nella vita l’ha incontrato avendone una ottima impressione..