52 Commenti

Due ragazzi arrestati con esplosivo Nel mirino la Banca di Piacenza Sono già liberi

carabinieri-ordigno

I DETTAGLI – Sono già liberi i due ragazzi di 22 e 20 anni trovati in possesso di materiale esplosivo e arrestati. Il pm Francesco Messina non ha ritenuto dovessero restare in carcere e ne ha conseguentemente disposto la liberazione. Si tratta di due cremonesi, entrambi difesi dall’avvocato Lapo Pasquetti: “Ci dichiariamo prigionieri politici”, queste le parole da loro pronunciate davanti ai carabinieri. Sono accusati della detenzione di un candelotto artigianale pronto a deflagrare ma i militari ipotizzano anche che nel mirino, per un’azione dimostrativa con finalità eversive, ci fosse la Banca di Piacenza, all’angolo tra via Dante e via Platani. Nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 febbraio, attorno alle 4, i giovani sono stati visti da un tassista armeggiare nei pressi di un’auto parcheggiata proprio in via Platani e subito è scattata la chiamata al 112 da parte del cittadino. Sul posto si è diretto un equipaggio del Radiomobile e i ragazzi hanno cercato di darsi alla fuga a piedi ma sono stati presi poco dopo. In prima battuta si pensava a un semplice tentativo di furto di auto.

Sotto la macchina, durante i controlli immediatamente successivi, è stato però trovato un candelotto di polvere esplosiva lungo 20 centimetri e bicchierini di vernice rossa, nascosti dai ventenni poco prima del tentativo di fuga. E’ quella che in gergo viene chiamata ‘bomba di vernice’. Avrebbe potuto comunque provocare danni. Sulle pareti della Banca è comparsa la scritta nera ‘Chi la fa l’aspetti’ e tra gli oggetti dei due giovani, oltre ad accendini, un coltellino e sacchi neri (presumibilmente da usare per coprire il volto) sono state trovate proprio bombolette spray di colore nero.

L’attività dei carabinieri è stata delineata in conferenza stampa nel pomeriggio di giovedì dal capitano Livio Propato e dal luogotenente Angelo Foglia. “Forniamo solo gli elementi essenziali” hanno affermato durante l’incontro con i giornalisti. Non sono state rese note nemmeno le iniziali, per esigenze di indagine. Gli arrestati, come accennato, sono due cremonesi, di buona famiglia stando a quanto descritto dall’Arma. Hanno alle loro spalle segnalazioni per partecipazioni a manifestazioni non autorizzate. Il 22enne, inoltre, una denuncia per aver esibito in pubblico una mitraglietta (in realtà un giocattolo). Frequentano il centro sociale Kavarna, “che risulta estraneo alla vicenda”, hanno ribadito più volte i militari, evidenziando: “Ci stiamo occupando della flagranza di reato”. Ipotizzabile un piano per un’azione dimostrativa contro la Banca di Piacenza: “Ma tutto è in corso di valutazione”, hanno sottolineato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • danilo

    Prigionieri politici di chi ? Della festa di Carnevale ?

  • Giancarlo

    Il loro covo è il Kavarna. Quando il comune interverrà chiudendo questo spazio?

  • LA VERGOGNA DI CREMONA!!!

    Basta Kavarna!

  • roby27

    i soliti figli di papà che nn hanno nulla a cui pensare,visto che il paparino gli paga tutto quello che vogliono!
    speriamo che ora gli facciano fare un pò di lavori “umili”,visto che in galera nn ci andranno essendo figli di “noti professionisti cremonesi”…

    • kunta

      Si, uno di loro figlio di un personaggio noto a Cremona. I figli della Cremona bene che sognano la rivoluzione…mi fa tornare indietro negli annim a quando ero giovane…c’e’ da dire che questi figli di papa’ perdono il pelo ma non il vizio. Sognano la rivoluzione, che guevara, ecc. Come dire: fanno i froci…ma col culo di altri.

      • roby27

        ahahahah,in poche parole hai detto tutto!
        dovrebbero metterli a cambiare i pannoloni agli anziani negli ospizi!!e farli campare con 500euro al mese come pensionati che magari hanno lavorato una vita!altro che prigionieri politici!se no che li mandino in cina a fare i prigionieri politici!

  • Sguizzo

    “Prigionieri politici”?

    Benissimo, chiusi in camera di sicurezza con 4 carabinieri di quelli belli tosti e li si fa diventare scuri come marocchini a forza di pappine sul coppino……

    Ai miei tempi, quando i vigili o i carabinieri ti beccavano a fare queste ragazzate/cazzate, ti rimettevano sulla retta via con 4 calci nel culo….

    ….e guai ad andare a casa a dirlo ai genitori…. se ne rischiavano altri 4…

  • Franco Fornitore

    BASTA KAVARNA!

  • Elena

    Che bello se qualcuno scrivesse i loro nomi, visto che quando qualche povero diavolo ruba un pezzo di pane viene sbattuto in prima pagina con nome e cognome.
    Il problema grave è che questi sottouomini sono spalleggiati e protetti dagli stessi “signori” che ci stanno chiedendo il voto.

    • culex

      Eh cara Elena, non sai come concordo con te… purtroppo questi sono figli di noti professionisti (di cui non faccio i nomi, per non creare grane a questo sito)… e con “noti professionisti” ho già detto tutto…

      • roby27

        eddai..siamo curiosi!!!vogliamo sapere;-)

        • culex

          Ve l’hanno già detto i giornalisti: sono figli di due noti professionisti. Anzi uno di loro è talmente noto che non vi sarà difficile, con un paio di domande qua e là, arrivare a sapere chi è… Cremona è una città piccola, e per i pettegolezzi lo è ancora di più…

  • Zampirone

    Devo dire che quando ero al liceo e all’università ho visto tristi miserie e vergognose piazzate quotidiane a destra e a sinistra. Ho visto “guru” studenteschi (quel tipo di guru che è considerato tale per esser stato niente più che un buon comunicatore bravo a costruirsi un’immagine, non a costruire qualche punto di vista o qualche progetto serio) che organizzavano autogestioni o occupazioni esclusivamente per saltare la versione di latino o per proporre il “30 per tutti” negli esami fondamentali dei corsi di laurea; ho visto gente che manifestava urlando in prima fila nei cortei guardare schifata chi non scriveva Kossiga con la “K” (capite? ocio che è importante); e, soprattutto, ho visto parecchi pseudo-intellettualoidi, alternadivi e terzomondisti tra i più indiscussi del settore, predicare l’indipendenza dalla famiglia (mostrando anche aperta insofferenza e in taluni casi antipatia nei confronti dei propri genitori) per poi scoprire che avevano sì lasciato il nido prestissimo, ma con un assegno mensile degli odiati genitori, e poi avevano sì trovato un lavoro, ma grazie alle “referenze” (chiamiamole così va’…) sempre degli odiati genitori. Di queste macchiette sullo stile del personaggio interpretato da Marco Cocci in Ovosodo ne ho veramente piene le palle, ma talmente piene che al posto degli spermatozoi mi sta crescendo un allevamento di salmoni. Ovvero, come si dice in cremonese, “i cumincia a vegnime sö per ‘na braga”.

    • nbc

      D’accordissimo e aggiungo …magari sti guru hanno fatto anche carriera politica ed il lavoro vero non l’hanno mai conosciuto!

      • culex

        Già, quanti nomi potrei fare. Nomi che ho sulla punta della lingua come un francobollo… Decurie di scoppiati che, nonostante passino la giornata al bar a bere o caritatevolmente sistemati in qualche cooperativa sociale, continuano ad essere osannati dalle masse studentesche ed ex studentesche come “intellettuali di sinistra”… “intellettuali di sinistra”… mah… negli anni ’50 bastava che uno avesse firmato un appello contro l’esecuzione dei Rosenberg e il ruspantissimo P.C.I. di allora lo arruolava subito tra gli “intellettuali di sinistra”. A oltre 40 anni di distanza è deprimente vedere come le cose purtroppo non sono cambiate più di tanto…

  • paolo

    Meno male che li abbiano subito rilasiati: così non perderanno la settimana bianca a St. Moritz col SUV di paparino…

    • culex

      Bella Paul 🙂

  • culex

    «Avete facce di figli di papà.
    Buona razza non mente.
    Avete lo stesso occhio cattivo.
    Siete paurosi, incerti, disperati
    (benissimo) ma sapete anche come essere
    prepotenti, ricattatori e sicuri:
    prerogative piccoloborghesi, amici»

    P.P. Pasolini, “Il Pci ai giovani”

  • Orso Bubu

    Ma gli hanno lasciato l’esplosivo?

    Se no glitocca rifarlo.

  • Natalino

    Comunque sembra che questi 2 imbecilli siano anche gli autori delle scritte sparse nella città e in particolare nella piazza di Sant’Agostino … obbligare almeno i NOTI PROFESSIONISTI a ripulire il tutto per decenza !!!

    • Elena

      Obbligare i noti professionisti a fare un mea culpa nella pubblica piazza.
      Per le scritte saranno subito rimpiazzati da altri due imbecilli.
      Non sottovalutiamo o dimentichiamo in fretta.
      Ricordiamoci che i vari Renato Curcio, si sono conquistati il grado di capo non con voti democratici, ma con la meritocrazia conquistata sul campo.
      Facciamo molta attenzione

    • Bisonte

      Giustissimo quello che dici. E’ invece più facili che i noti professionisti, paparini di questi idioti, si siano invece già mossi presso questo o quell’altro potente per strappare i rispettivi bambocci dalle loro responsabilità. Sappiamo tutti quanti come è Cremona, una città dove raccomandazioni, consigli, piaceri e favori reciproci per queste cose si sprecano, così come sappiamo che i frequentatori dei centri sociali sono tutti figli di persone altolocate, molte delle quali ricoprono anche importanti funzioni istituzionali. Una cosa comunque è certa: sia Kavarna che Dordoni vanno chiusi, senza se e senza ma.

      • culex

        Secondo me non vanno chiusi del tutto però concordo col fatto che si dia loro una “regolata”. Tutti hanno il diritto di esprimere le proprie idee, ma in modo pacifico, mite, rispettando l’ordine pubblico e senza causare danni fisici o morali a terzi. Quindi, chiusura sì, se gli antagonisti non si rivelano assolutamente aperti al dialogo. Il Kavarna si è già dichiarato “estraneo alla vicenda”. Era stato così anche ai tempi della rissa al gazebo leghista in piazza Roma l’estate scorsa.
        Osservo che in altri Movimenti, gli autori di azioni eversive o anche solo coloro che agiscono “in proprio”, senza previo confronto col resto del movimento, vengono buttati fuori senza tanti complimenti. Dovrebbero essere quindi gli stessi occupanti del KAvarna ad agire per primi, espellendo persone di questo tipo dal gruppo. Contestualmente, per non chiudere questi posti occorre però un controllo più stretto da parte di Comune e Forze dell’Ordine. Se poi anche così non c’è nulla da fare, allora chiusura e stop…

    • culex

      Lo sono, lo sono, anche se “occorre attendere la fine delle indagini” non serve un genio, basta fare 2+2 e confrontare l’orario del fermo, il possesso di bombolette nere e l’appartenenza ai gruppi anarco.-insurrezionalisti. Qualcuno si è già attivato verso i nostri cari “Aro” e “Colo”. A questo sito c’è un messaggio su di loro:

      http://www.informa-azione.info/cremona_scritte_solidali_con_marco_camenisch_due_arresti

      • culex

        le firme sono le stesse di piazza S. Agostino

  • COGLIONI

    non dite stronzate, ignoranti! meta’ dei vostri figli vanno al kavarna, è lunico luogo dove cè un po di gente della nostra eta’, compagnia e divertimento la sera per i giovani,
    cremona fa schifo questo è,,,,,,,
    i centri sociali non vanni chiusi, vanno solo presi quei due imbeccilli

    • kunta

      si scrive imbecille, non imbeccille…sei proprio un imbecille!

    • Mario

      Sei veramente piccolo….il centro sociale di Cremona e un ricettacolo di drogati ed è pure senza le necessarie autorizzazioni. È ricordati che il cremonese va al centro sociale vestito da disadattato il giovedì e il venerdì si veste da vigneto x andare nei locali-pizzeria di via manto a a fare la sfilata…

      • Mario

        Vigneto sarebbe fighetto ( anche il correttore ti insulta ahahah)

    • Sguizzo

      il giorno che mio figlio si avvicinerà al Kavarna, probabilmente lo farà con una tanica di benzina…. per dargli fuoco…..

      • Marco

        Occhio che non si possono dire queste cose su una pagina WEB. Rischi che Cremonaoggi non ti dica niente

  • COGLIONI

    nei locali di via mantova a fare il figo ci vai te,
    in questo paesino infimo di figo cè proprio poco

    • franco

      sei prorpio un no global del cazzo…

    • Sguizzo

      è vero…. in questa cittadina di provincia è figo :

      – Scrivere sui muri altrui
      – Sfondare i vetri e danneggiare gli interni di una macchina di un’appartenente alla fazione politica opposta (salvo poi scoprire che la macchina non è la sua)
      – Andare in giro con vernice e candelotti di esplosivo artigianali per danneggiare le altrui proprietà.

      Qual è la prossima “figata” che i “Kavarnicoli” inventeranno per passare le serate?
      Stiano attenti che prima o poi, troveranno quelli che anziché chiamare il 113 o il 112, gli raddrizzeranno la schiena a suon di calci nel retrobottega…

  • Cittadino cremonese

    Per il tipo sotto: che Cremona abbia dei seri problemi e’ un dato di fatto, ma non sarà certo un covo di disadattati sociali a risolvere con scritte sui muri o danneggiamenti. Il problema non mi sembra però questo : il vandalismo che deturpa la nostra città può essere risolto ad esempio con punizioni esemplari quando va a deturpare palazzi storici o monumenti storici. Ad esempio spiegando ai noti professionisti : suo figlio e’ un coglione perché lei non ha saputo educarlo .. Sono 35.000 euro per pulire muri e monumenti. In alternativa pulisce il culo agli anziani dell’ospizio per 6 mesi , assiste gli indigenti per un anno , va a salvare i lebbrosi in Africa per 5 mesi . C’è ne sono di cose da fare.. . Io schifo questi rivoluzionari col Rolex .. Perché non vanno a sostenere i lavoratori che dormono all addiaccio nelle fabbriche o sui tetti ? Perché costa fatica e sacrificio ..

    • roby27

      concordo in pieno con CITTADINO CREMONESE
      in alternativa,oltre a far pagare ai paparini tutti i danni che fanno i loro figli idioti,potrebbero dagli delle belle bombolette di spray nero e pittare l esterno delle proprie case e vedere come “stanno bene”!

  • piermassimo ghidotti

    In punta di piedi uno spunto di riflessione:è ovvio che è stata commessa un’ingenuità dai due meschini(o una coglionaggine).Ma ragionate:attentato terroristico,esplosivo,ris,conferenza stampa,anonimato per pigliare altri pesci:ma dove a Cremona,dove tutti sanno tutto di tutti?Mettiamo un freno agli scippi piuttosto…..
    Che la cosa sia stata pompata implicitamente lo ammette il pm che lascia i due “TERRORISTI”a piede libero.Desdemona Lioce non è stata lasciata a piede libero!Nei commenti si evince il diprezzo per questi rivoluzionari figli di papà,ma hanno sbagliato e pagheranno.
    Il dato politico che emerge invece è più serio e si mescolano pere con mele:chiunque può tracciare una A cerchiata o inneggiare a Bresci,ma è evidente che imboccando questa strada non ne usciamo.Tutti potranno graffitare dando la colpa a chi ti ha fregato la fidanzata.Facciamo rientrare la cosa nei suoi binari:due pedate nel sedere dal padre,un anno di volontariato in hospice e poi ne riparliamo.Vedere però un giornale che insiste a parlare di anarchia mi sembra fuori luogo.La Storia ha dimostrato che gli anarchici erano ben determinati e obbiettivamente,più tragicamente efficaci.E dunque tutti a chiederne lo sterminio,la chiusura…….Siamo forse entrati in una bolla mediatica?Ci sono per caso elezioni in giro?Militarizziamo la città con i volontari di forza nuova o casapaund?Su ragazzi,spendiamo la nostra intelligenza per cose più serie come il buco del bilancio comunale che pagheremo noi.

    (p.g)
    anonimo

    ps:non voglio cadere nella rete!
    sono però a disposizione per essere massacrato.

    • paolo

      “ma hanno sbagliato e pagheranno”: ne e’ sicuro? Ho i miei forti dubbi e poi…. ‘so ragazzi…. e soprattutto anche loro “so’ figli ‘e mamma” e soprattutto dei rispettivi “papi”, no?

  • capitan germanà

    bene dopo 35 commenti si può finalmente dire che i cremonesi sono dei lavoratori, degli stakanov dei tempi nostri. grazie cremona per aver fatto nascere tanta manna, grazie a dio che ce l’hai concessa in terra anzichè scesa dal cielo.. siete piuttosto ridicoli.

  • piermassimo ghidotti

    Più veloce della luce!Non pensavo che la mia opinione fosse così seguita ed importante.Mi è stata chiesta via cell. l’interpretazione autentica di quello che ho scritto poco fà.
    Sintetizzo in modo spero chiaro:
    1)il blog penso sia democratico ed ho espresso la mia opinione 37 a 1.
    2)non entro nel merito della conferenza stampa dell’Arma perchè non ne ho le competenze,ma mi pare vi sia entrato il pm.Più del provvedimento che ha preso poteva solo fare ….un monumento!
    3)non essere d’accordo con la linea editoriale di un giornale non mi pare sia,almeno per ora,un reato.Insistere sui temi triti dell’anarchismo,del centro sociale da chiudere con ridondanza di foto è legittimo al pari di non condividere.Poichè il giornale è fatto da professionisti non penso sia un caso tale scelta.Dal mettere nel calderone gli anarchici,gli antagonisti e passare,con messaggio subliminale genericamente ai rossi il passo è breve.Certo questa vicenda non porterà voti,a livello locale,a quell’ectoplasma che si chiama pd il quale,nella sua migliore tradizione di politicamente corretto,lascia il compito di denunciare questa gigantesca bufala al peppino di turno,cioè io(fatti i cazzi tuoi pirla!Ora remi per Pizzetti?) che con il pd proprio non ci azzecco.Questo tam tam a chi gioverà?Spero non alla plastica Daniela,ma a coloro che cavalcano la sicurezza a gettone e ognuno pensi a chi vuole.
    Spero di essermi chiarito senza se e senza ma,mortificato dallo spazio che ho sottratto,spazio che però auspico stimoli una discussione politica su quanto ho affermato.Grazie.

  • silvia

    LIBERI O NO RIMANGONO COMUNQUE DUE BENEMERITI IDIOTI. PROPORREI UNA MEDAGLIA ALLA STUPIDITA’.

  • piermassimo

    Puntuale come la morte è uscita una nota della seconda lega lombarda,quella sconfitta da Federico e Cremona nella battaglia di Cortenuova(Bg).

  • Claudia Noci

    I giornalisti dovrebbero informarsi prima di informare. Eh sì, perchè hanno una grande responsabilità e i commenti a questo articolo ne sono la prova. La prova che è facile condannare, scrivere e delirare con verità in tasca. Non si parla d’altro che di “figli di papà”, Rolex, calci in culo….Si potrebbe e dovrebbe discutere d’altro. Si potrebbe ragionare insieme e meglio sui perchè di alcuni gesti, sul significato della rabbia, del disagio, sull’idea di società che ognuno ha, sulle alternative, sulle prospettive, sulle differenze di punti di vista. Ma no, meglio usare la tastiera per sfogare odio verso il prossimo che neanche si conosce e che probabilmente non interessa nemmeno conoscere. Nessuno spazio deve essere chiuso, fatta eccezione per la nuova sede dei neofascisti di Casapound, e tutti dovremmo fare uno sforzo per capire e conoscere ciò che ci sembra lontano da noi. Le idee, le persone, le situazioni, le vite e i problemi che ne derivano sono troppo complessi per poterli gestire con semplici commenti superficiali dettati dal fastidio verso chi non la pensa come noi. Evidentemente Berlusconi ha fatto un buon lavoro negli ultimi vent’anni, azzerando le possibilità di dialogo e fomentando l’avversione per tutto ciò che non ci riguarda direttamente e addirittura l’odio verso il diverso. Io non scrivo sui muri perchè non lo ritengo uno strumento di comunicazione efficace, e per certi versi deturpante, ma che orrore che mi fa il livore usato in questi commenti nel difendere pareti vuote, quasi contassero più degli esseri umani…

    • Sguizzo

      “Nessuno spazio deve essere chiuso, fatta eccezione per la nuova sede dei neofascisti di Casapound, e tutti dovremmo fare uno sforzo per capire e conoscere ciò che ci sembra lontano da noi.”

      Si contraddice da sola…. conosce casapound? conosce le persone che ne fanno parte? Fino lì appoggiavo in pieno il suo intervento (anche se continuo a pensare che 4 calci in culo sono molto più educativi di essere rimessi in libertà in tempo zero), ma poi si è persa….

      D’altro canto, tralasciando l’episodio in se, io stesso potrei scrivere : “Nessuno spazio deve essere chiuso, fatta eccezione per la sede del centro sociale Kavarna, e tutti dovremmo fare uno sforzo per capire e conoscere ciò che ci sembra lontano da noi”

      Poi scrive : “Evidentemente Berlusconi ha fatto un buon lavoro negli ultimi vent’anni, azzerando le possibilità di dialogo e fomentando l’avversione per tutto ciò che non ci riguarda direttamente e addirittura l’odio verso il diverso.”

      Io so per certo che i ragazzi cremonesi che militano in Casapound, sarebbero ben contenti di sedersi ad un tavolo e intraprendere il confronto con i ragazzi del Dordoni e/o del Kavarna, ma quali garanzie possono dare questi ultimi che il confronto si mantenga su toni civili?

      Fino ad oggi, non si è mai letto o sentito a Cremona di disordini o atti di vandalismo ad opera dei ragazzi di Casapound… stessa cosa, purtroppo non si può dire per i militanti del CSK.

      • piermassimo

        Caro squizzo,ho analizzato materiale casapaund,ho “incontrato”militanti casapaund e possiamo essere d’accordo che non si tratta di sorelle della carità.In questo senso siamo seri:in effetti tu specifichi a Cremona,ma in altre zone qualcosina si potrebbe elencare.Forse qui perchè non ci si è ancora radicati,del tipo i domenicani nelle americhe che prima si facevano proteggere dagli indigeni e,una volta radicati,benedivano lo schiavismo.Un certo Rauti appellava la democrazia come sifilide dello spirito e dunque perchè ti meravigli se la gente diffida del movimento?Invochi la democrazia quando il tuo substrato culturale,alcune posizioni sono mediate dal contromondialismo di terza posizione,la nega come deviante.Ripassa la bibliografia dei tuoi(suppongo) padri fondatori e poi fammi sapere.Io,almeno per adesso,sono qui.Grazie.

  • piermassimo(anonimo)

    Il giro di valzer si sta sgonfiando.Ma come,per un paio di giorni ci avete fatto credere di aver ritrovato a Cremona i nipoti di Bin Laden redivivo e il terzo giorno,secondo le Scritture,parlate di mistero,zone d’ombra e contorni da chiarire nella vostra versione cartacea?Dopo aver tirato il sasso nascondete la mano?Dagli anarco insurrezionalisti sedicenti prigionieri politici siamo passati a un petardo di vernice. Speriamo che almeno questo resista;sentiremo i responsi di ris,nato e onu.Da domani suggerisco di approfondire la notizia che i comunisti mangiano i bambini e gli anarchici fanno le corna durante le foto. E la cellula,la cosidetta rete?Aspettiamo fiduciosi di issare a bordo un siluro;se posso aiutare io peso cento chili.Dall’ultimo sondaggio doxa questa vicenda ha spostato tre voti:io e i miei familiari avevamo deciso di non votare e la bufala ci ha convinti al centrosinistra.
    Bricconcelli,così non si fà!Lavorate per i rossi adesso?
    ps:l’avvocato Ghedini,interpellato telefonicamente,mi conferma che si è innocenti sino al terzo grado di giudizio,anche se colti in flagranza di reato.Altrimenti come potrebbero resistere gli ex presidenti del consiglio in odore di prostituzione minorile,stando alla stampa,o i figli di un ex segretario della lega che ha usato denari pubblici per le proprie esigenze private o un segretario in carica che la stampa ci dice non rendicontava l’uso della pubblica pecunia perchè non ne sentiva l’esigenza morale?Però il commissario cittadino Carneade,chi era costui?,emette comunicati.Ne emetta uno per segnalare dove è finito un tale Boni che sicuramente conosce.

    • nbc

      Caro piermassimo, nelle tue righe piene di rancore per il sistema in cui vivi, non c’è ombra di condanna per il gesto comunque sbagliato.

  • piermassimo

    Caro nbc,il tuo pur stringato commento è per me motivo di sollievo e richiede una risposta pubblica che spinga altri a leggere le mie pur limitate considerazioni.In primo luogo confermo che non vi è condanna,ma il motivo è semplice:sono intervenuto dopo trentacinque interventi che avevano provveduto ampiamente.Il mio goffo percorso sviluppato in tre interventi che ti prego di leggere,magari già troppi,voleva invitare ad andare oltre la pancia verso soggetti di per sè sacrificali:figli “di papa”che giocano alla rivoluzione.Se avrai la bontà di leggere ogni singolo commento vedrai trasparire che il gesto di per sè sfuma verso una sorta di invidia verso chi ha tutto e si mette nei casini da solo.E’ ovvio che chi tira la lima per arrivare al 27 provi un senso di frustazione che ci convoglia verso gli istinti più bassi del sistema in cui vivo.A tale proposito parli di rancore:o,fortuna tua,non conosci il senso di tale termine o hai equivocato visto che mi sono equiparato ad un pesce siluro.Ho maldestramente cercato di limare alcuni commenti truci,quelli si,con un’ironia che probabilmente ho capito solo io e di questo mi scuso con i lettori del blog.Già,i lettori appunto: tu sei l’unico che ha risposto,pur in modo stringato,alle mie considerazioni che,a tuo dire rancorose,contenevano comunque un profilo politico.Non ho dato del deficiente a nessuno,ma ho proposto da subito come pena un anno di volontariato in Hospice.Data la mia età ho certo conosciuto figli di papà votati alla rivoluzione ma il mio percorso personale è assai diverso,nel senso che ho avuto sì un papà che non mi ha consentito,purtroppo,di fare il figlio di papà o fighetto.Ma veniamo a cose serie:perchè altri non hanno contestato le mie affermazioni.Cosa devo fare per spingere Carneade a rispondermi?Non sono degno di risposta,ma ricorda,quando nessuno ti “CAGA”,allora sei sulla strada giusta.D’altro canto potremmo disquisire a lungo sulla psicologia delle masse,sulla costruzione del consenso e sulla produzione di una verità di comodo.Pensa,io,comunista libertario,difendo due borghesi perchè il punto è POLITICO.Poichè ho voluto testare questa mia impressione ho preso per il culo tutti e tutti zitti e mosca.Non ti viene almeno il dubbio che i due meschini abbiano fornito un pretesto perfetto?Se non fossimo stati in campagna elettorale credi che avremmo aperto parlando di due “anarco-insurrezionalisti” quando neppure gli “specialisti” sanno definire una galassia tanto complessa? Vista la piega che la vicenda sta assumendo posso avere qualche dubbio?Metto il carico da undici,precisando che le cose lette sul quotidiano mi fanno dire che le conferenze stampa si fanno per lo smantellamento di una banda di trafficanti o la cattura di un latitante,ma io non sono competente.Qui da indagati in flagranza di reato con finalità eversive o di terrorismo si passerà alla detenzione di materiale esplodente.Ti sembra normale?Rifletti.Per tua tranquillità comunque ti confermo che in questo sistema che a tuo dire odio ci sto benissimo.Sono una persona ritenuta,sì forse stravagante ,ma comunque ben integrata nella società che vorrei più giusta.Perchè sprechiamo risorse,inchiostro,tempo ed intellettualità per cacciare le ombre?Forse perchè tutti i giorni leggiamo di truffe e scippi nei confronti di anziani che denunciano la perdita del controllo territoriale da parte di servitori dello stato lautamente pagati (e non mi riferisco agli operativi)?Dobbiamo battere un colpo per dimostrare che esistiamo?Carissimo vedi dunque che i punti sono politici e francamente più di così posso solo passare alla latitanza.Magari domani scoprirai che sono un anarco insurrezionalista aderente al partito comunista combattente(in termini filosofici contraddizione di termini).Grazie per l’attenzione.

    • juno

      Da questa valanga di parole si puo’ dedurre che quando gli attentatori sono di sinistra provengono da una “galassia” tanto complessa che neppure gli esperti sanno definire. Invece quando gli attentati sono della parte opposta basta dire fascismo e razzismo ed ogni complessita’ scompare. Percio’ solo esperti molto specializzati possono intervenire sugli attentati della sinistra. Non c’era bisogno di una lenzuolata di parole per esprimere questo banalissimo e mistificatorio concetto.

  • filippo corridoni

    Ma sono solo due zecche del cazzo.