3 Commenti

"Liuteria Unesco, ma manca politica culturale"

Lettera scritta da Daniele Bonali

Dispiace dover segnalare ancora una volta come questa amministrazione dimostri mancanza di progettualità. Le proposte che l’assessorato alla cultura prevede per affermare Cremona quale vera capitale della liuteria ne sono il sintomo più evidente. Non crediamo che l’apertura del Museo del Violino possa rispondere da sola alle aspettative attese. Il MdV è sicuramente un importante punto d’inizio per la città, qualcosa che prima non c’era e adesso c’è. Ma pensiamo che Cremona abbia bisogno, a corollario, di un ventaglio di iniziative ben più ampio e completo.

L’intervento che la scorsa settimana l’assessore alla cultura e la dirigente del Sistema Museale Cremonese hanno fatto alla BIT, suscita dubbi e timori. Le due responsabili hanno enunciato “le strategie” con cui Cremona darà seguito alla proclamazione e sosterrà il ruolo di capitale della liuteria. Analizziamole, queste strategie: “Le Corde dell’Anima”, “L’altro lato del Violino”, “Festival Monteverdiano”, le proposte musicali del Museo Civico. Queste sono manifestazioni che già esistono nel panorama cittadino; ci saremmo aspettati che questo importante riconoscimento – che non è permanente, è bene ricordarlo! – fosse di stimolo all’amministrazione, come spunto per nuove iniziative. Invece, per quattro anni non ha fatto che mortificare la cultura in tutte le sue forme e in tutte le sue ramificazioni: un Teatro Ponchielli – l’eccellenza cittadina per la musica e lo spettacolo – a cui ogni anno vengono decurtati i fondi; un Istituto Pareggiato la cui sopravvivenza è affidata ad un servizio che rasenta il volontariato da parte dei docenti e del personale; un Sistema Museale allo stremo, che offre iniziative di minimo impatto di cui la città non si accorge neppure; manifestazioni di portata internazionale boicottate per poche migliaia di euro  introvabili” (salvo, scommettiamo, riproporle il prossimo anno alla vigilia delle elezioni…); iniziative inesistenti per i giovani; una rete di associazionismo culturale sfilacciata e abbandonata a se stessa… In questo panorama demoralizzante, ecco che l’amministrazione propone come “strategia” un pugno di iniziative, valide e consolidate, ma che mai sono bastate a lanciare nel mondo “il marchio- Cremona”. Meno che meno la liuteria, visto che fra l’altro non si tratta di iniziative specifiche o dedicate.

E le idee? E le nuove proposte? Cosa stiamo aspettando?

Oggi la responsabilità – pesantissima – è di questa amministrazione, ed è sotto gli occhi di tutti.

Daniele Bonali PD

Vice Presidente Comm. Cultura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Fabrizio Lena

    E siamo alle solite, l’opposizione accusa, ma il problema sta nella giunta che non risponde, non giustifica.
    Ma quando verranno ad inaugurare il museo questi politici si rendono conto che il merito sarà solo da darsi al cav.
    Questa giunta cosa sta facendo… nemmeno lo statuto hano voluto condividere con la cittadinanza.
    Caro Prof. Bonali, voi non dovete nemmeno presentarvi a queste farsette, è, e sarebbe, un vero sbaglio politico e di buon senso.
    Non fatevi irretire da questi amministratori…..
    Fabrizio Lena

  • Prof.ssa Aldighieri Anna

    Gentile Prof. Bonali,
    Spero Lei sappia che se non vengono rispettati i diversi protocolli stesi tra UNESCO e Comune, il primo ente può anche rescindere tale riconoscimento.
    Il mio apprezzamento va a che sta cercando di dare un senso di vera democrazia a queste delicate questioni culturali. Non apprezzo affatto coloro che nelle segrete stanze vogliono fare di tutto per non coinvolgere la gente ed i suoi rappresentanti eletti.
    Prof.ssa Aldighieri Anna

  • Lora Daria

    Quando l’Unesco toglierà il riconoscimento a Cremona ( e avverrà lo sapete bene che avverrà !!!! ) perchè siete tutti degli incapaci dei presuntuosi ottusi e ruminanti ( maggioranza e opposizione ) i cittadini faranno bene a prendervi a pedate nel…..