13 Commenti

Lite tra controllore e passeggere sul treno, in due all'ospedale

treno-ritardi

Lite sul treno a Soresina: in due finiscono all’ospedale. Tutto è accaduto attorno alle 15,15: il convoglio (quello delle 14,43 che da Cremona arriva a Treviglio) è stato poi soppresso (i viaggiatori hanno dovuto aspettare un secondo mezzo, arrivato 40 minuti dopo). Secondo le prime informazioni, il diverbio sarebbe scoppiato quando il controllore, 53 anni, era impegnato nel giro per la richiesta dei biglietti. A una ragazza di 16 anni, in compagnia della madre, avrebbe chiesto di togliere i piedi dal sedile di fronte e da qui è partita la discussione, poi degenerata dopo una reazione apparentemente accesa da parte della 16enne (in sua difesa è intervenuta pure la mamma). Al termine della lite, fatta di spintoni, sia il dipendente Trenord che la giovane hanno dovuto ricorrere a cure mediche. L’esatta dinamica dell’episodio è ora in fase di ricostruzione, si sono attivati i carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Marco

    Non c’è più rispetto per le regole… Per una volta sono d’accordo con il controllore

    • Pendolare

      Al di là delle inezie personalistiche, è il momento di far sentire fuori luogo ogni controllore che si permetta di esercitare il suo controllo ordinario sui treni in ritardo o soppressi. Basta pagare le lacune profittevoli dei servizi: che inizino loro a prendere un po di batoste!!!

      • Marco

        Anche io ho un fatto personale con i controllori che ti guardano con antipatia e sufficienza quasi fossero loro tuoi clienti. Ma quando hanno ragione come in questo caso bisogna ammetterlo

      • Francesco Capelletti

        I disservizi di Trenord nulla hanno a che vedere con la maleducazione! Viaggio quotidianamente sulla Cremona Treviglio e sono testimone di comportamenti da parte di certi utenti che lasciano quanto meno perplessi…

      • giorgio

        Ho fattoil capotreno per tanti anni e per me potevano salire anche senza biglietto ma, i piedi sui sedili e il divieto di fumo venivano prima di tutto. La mamma dei maleducati è sempre incinta.

      • balubabà

        Ecco il pirla di turno !

        • Fabiano

          Basta passare peri giardini pubblici di Cremona per vedere quanto ragazzi maleducati che mettono i piedi sulle panchine ci sono! sarebbe ora che i vigili facessero rispettare le regole visto che evidentemente dai comportamenti e dal vestiario si capisce da che razza di famiglie provengono

          • nbc

            poi magari ,se difronte alla solita strafottenza, usi rimedi consoni ti devi prendere pure l’avvocato ..perchè dai…sono ragazzi…e tu sei il solito arrogante in divisa.

  • balubabà

    ( MI riferivo al pendolare ! )

  • nbc

    Se a sedici anni la ragazza egiziana si permette di ribellarsi ad un sacrosanto richiamo causando il disagio che ne è seguito ,chissà quando sarà maggiorenne !!!
    Come sarebbe bello ripristinare “le punizioni corporali”!

    • paolo

      scusa che e’ egiziana dove l’hai letto? l’articolo non mi pare lo dica

      • nbc

        Siamo forse arrivati al punto che non si può dire l’etnia altrimenti sei razzista?

        • paolo

          La mia domanda era ben precisa: chiedevo infatti non se la ragazza fosse egiziana o lettone o esquimese, ma dove e’ scritto nell’articolo che la ragazza in questione e’ egiziana. Non vorrei che nella versione dell’articolo da lei letta ci fosse stata questa info e successicamente fosse stata tolta, dato che io non la leggo.