7 Commenti

Nuovo polo della cremazione, previsto il raddoppio degli introiti per il Comune

cimitero

foto Sessa

Nuovo polo della cremazione al cimitero. Il progetto definitivo è stato approvato. Pubblicata la relazione del progetto esecutivo sul sito del Comune. Si tratta di un’opera che costa un milione e 700mila euro e che consiste, appunto, nella realizzazione di un nuovo impianto e di un nuovo edificio per la cremazione nell’angolo nord del lato occidentale del Cimitero nell’area in fregio a via dei Cipressi. Un progetto a cui la Giunta sta pensando già dal 2011 e che ha già visto un progetto preliminare decadere per problemi relativi alla collocazione. Il nuovo spazio individuato ha permesso di arrivare all’approvazione del polo della cremazione che avrà un ingresso autonomo, una sala d’attesa, un ufficio per le pratiche, una sala dell’ultimo saluto. Nel progetto è prevista la destinazione a parcheggio di un’area acquistata al Ministero, utilizzata dalla vicina caserma militare.

Nella relazione anche un’analisi delle cremazioni. Dal 2007 (269 cremazioni totali) al 2011 (618 cremazioni totali) l’aumento annuo è stato dell’11% per quanto riguarda i cittadini residenti. “E’ probabile – è scritto nel documento – che avvenga nei prossimi anni una progressiva crescita della domanda riferibile ad un cambiamento sociale e all’economicità di questo trattamento”.

L'immagine del progetto

Il forno crematorio attuale è stato realizzato nel 1992 e ha problemi tecnologici, manutentivi (24mila euro di costo annuale per la manutenzione) e funzionali (tempi di attesa fino a 15/20 giorni in alcuni periodi dell’anno). Il nuovo impianto ha un’operatività teorica di 600 cremazioni all’anno, al di sotto del limite minimo fissato dal Regione per i nuovi impianti (100/1200 cremazioni l’anno) a cui però non è soggetto il progetto di Cremona essendo precedente rispetto all’entrata in vigore della norma.

Interessante l’aspetto sui costi. “A fronte dell’attuale introito annuale medio di bilancio di 150mila euro circa, si potrebbe arrivare a 330mila con 800 cremazioni l’anno e a 430mila con 1000”, si legge nella relazione. La stima dell’incremento dei costi di gestione è del 40% rispetto all’introito, considerando che i consumi di gas metano si ridurranno notevolmente con il nuovo impianto e che i costi del personale dipenderanno dalle scelte gestionali. “L’impianto di cremazione – è scritto nelle conclusioni – ha le caratteristiche di una piccola attività industriale, comportando una serie di azioni sistematiche da svolgere con continuità ed attitudine tecnica. Ad opera realizzata si potrà valutare l’affidamento di gestione ad un soggetto esterno”.

E’ previsto che l’investimento complessivo di un milione e 700mila euro venga recuperato in sette anni. Secondo il cronoprogramma, l’inizio dei lavori di costruzione dell’edificio è previsto ad aprile.

Scarica la relazione tecnica

g.f.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Geppo

    1700000 per un forno crematorio e poche centinaia di migliaia di euro per l’edilizia scolastica, con i morti si guadagna, con i vivi si perde.
    Bella politica.

    • Francesco Capelletti

      I politicanti da strapazzo e i calciatori costano molto di più e non servono a un cazzo!

      • completamente d accordo!

  • Beppe L

    Che bella notizia ! Di quelle che ti tirano su il morale vista l’allegria che si respira in citta’ .

    (Commento a latere : ormai per aumentare gli introiti il Comune si deve affidare al cimitero ….. )

    Ma è da prima pagina ??

  • kunta

    unico business che tira in città.

  • Andreina

    Quasi quasi oggi vado a farci un giro

  • Miki

    un megafornocrematorio in mezzo alle case, mah…