Commenta

Aria inquinata, non solo pm10 Pm2,5: già 56 'sforamenti' nel 2013

evidsmog

Sul fronte inquinamento non preoccupano solo i valori delle particelle pm10. Le finissime pm2,5 raggiungono livelli molto elevati anche quando quelle più grandi si mantengono sotto il limite. Lo dimostrano i dati di questi primi due mesi dell’anno. Per le pm2,5 una soglia massima vera e propria non c’è ancora (per le polveri pm10 è fissata a 50 microgrammi per metro cubo). Si può parlare al momento solo di valore obiettivo, consigliato dagli esperti per proteggere la salute: questo valore è pari a 25 microgrammi per metro cubo, ed è la media annua dei numeri giornalieri che non andrebbe superata. Dal primo gennaio all’8 marzo secondo le elaborazioni Arpa raccolte dal Comune pochissime volte le concentrazioni si sono mantenute al di sotto dei 25 microgrammi a Cremona. Addirittura solamente 11 volte. A metà febbraio, tra il 15 e il 16 del mese, hanno sfiorato i 130 microgrammi. In totale, in 56 occasioni su 67 (dal primo gennaio all’8 marzo come detto) le centraline hanno superato i 25 microgrammi per metro cubo. Complice la pioggia, situazione tranquilla negli ultimi giorni: sia pm10 che pm2,5 non sono andati oltre i 25 e i 50 microgrammi. La tregua è però sempre legata alle variabili condizioni meteo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti