Commenta

Pavimento a tema e video per svelare i segreti dell'orologio del Torrazzo

http://www.youtube.com/watch?v=scvCxO0lEEM&feature=youtu.be

foto Sessa – video Greta Filippini

Bisogna salire 156 gradini per arrivare alla sala dell’orologio astronomico del torrazzo, gioiello costruito dai Divizioli nel 1583. Un quadrante da 54 metri quadrati di superficie e un meccanismo costituito da una parte meccanica e da una astronomica. La sala vera e propria rimarrà chiusa ai visitatori in quanto l’orologio non può subire alcun tipo di escursione termica. Ma turisti e appassionati potranno averne un assaggio grazie alla nuova sala multimediale posta proprio sotto la stanza della macchina dell’ingranaggio. Qui un pavimento a tema, luci suggestive, video e pannelli esplicativi svelano a tutti i segreti e la storia di questo meccanismo. E’ stata presentata nel pomeriggio al Battistero di Cremona dall’architetto Fabio Bosio che ha curato la progettazione e dal professor Alessandro Maianti del Gruppo Astrofili Cremonesi, profondo conoscitore della materia. Presente anche il vescovo di Cremona Dante Lafranconi. Al termine dell’incontro, tutti al Torrazzo per ammirare il nuovo spazio che rende finalmente fruibile in maniera indiretta uno dei gioielli della città. Già, perché dalla sala, costata circa 40mila euro e realizzata al 50% con i fondi della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona, stando in silenzio si sentono i rintocchi dell’orologio.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti