Commenta

Amianto, all'ospedale corso per Radiologi e Medici del Lavoro

D'ANNA,-MARIANI.-ROSSI

L’Azienda Ospedaliera di Cremona ospita per la prima volta in Lombardia un corso altamente specialistico e qualificante realizzato, tra l’altro, con l’intento di rendere più efficaci e puntuali alcuni aspetti della sorveglianza sanitaria degli esposti (ed ex esposti) all’amianto. Il corso, rivolto ai Radiologi e ai Medici del Lavoro e con docenti provenienti dagli Stati Uniti, rappresenta il percorso formativo più qualificato descritto in letteratura ed ha lo scopo di promuovere la corretta applicazione delle linee guida dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro – ILO (Nazioni Unite).

La legge 257 del 1992 ha bandito in Italia l’estrazione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto e dei prodotti che lo contengono, ma gli effetti nocivi causati da inalazione di sue fibre possono comportare a distanza di parecchi anni (15/20) lo sviluppo di malattie gravi e debilitanti che coinvolgono principalmente i polmoni (pneumoconiosi).

L’attuale protocollo di sorveglianza sanitaria indica tra gli accertamenti da effettuale la radiografia al torace. Nel corso degli anni è stata riscontrata però l’estrema criticità nella corretta lettura ed interpretazione dei radiogrammi secondo le linee guida ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro – Nazioni Unite) predisposte per un miglior inquadramento delle pneumoconiosi.

In linea generale, si è ritenuto che i Medici del lavoro e i Radiologi dovessero adottare un protocollo che rispettasse le indicazioni emerse negli anni in campo scientifico internazionale, tenendo conto dei livelli della durata dell’esposizione, e che fosse consono al vigente quadro normativo. Il problema è stato affrontato dalla AUSL di Viterbo che per prima ha attivato una collaborazione con il NIOSH (The National Institute for Occupational Safety and Health – Stati Uniti ).

L’obiettivo del corso al via i primi giorni di maggio presso l’Azienda Ospedaliera di Cremona è di creare anche in Lombardia dei gruppi di riferimento multidisciplinari “B Reader”. Il corso ha lo scopo di promuovere la corretta applicazione delle linee guida ILO nella letteratura e classificazione di radiogrammi per pneumoconiosi.

I Radiologi e Medici del lavoro che conseguono il titolo di B-reader possono essere considerati dei validi punti di riferimento per la classificazione radiologica delle pneumoconiosi, dato l’alto livello di specializzazione che tale titolo richiede, ed anche per il sistema di controllo della qualità dell’operato che esso comporta. Saranno in grado di applicare le linee guida e ad essi potranno essere inviati, dai vari centri di sorveglianza degli ex esposti ad amianto posti sul territorio regionale, i radiogrammi dei soggetti sorvegliati, per una rilettura degli stessi ai fini epidemiologici, di una corretta applicazione della Classificazione ILO anche ai fini medico legali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti