Commenta

Detenuti, sportivi e studenti corrono nel carcere per 'Vivicittà'

uisp

Vivicittà, la manifestazione podistica organizzata dall’UISP prosegue la  sua corsa e sabato 18 maggio farà tappa nella Casa Circondariale di Cremona con l’undicesima edizione del “Porte Aperte”. Correranno assieme un gruppo di circa 50 detenuti, atleti della società sportiva Duathlon – Triathlon e studenti dell’Istituto Aselli, non per sfidarsi, ma per unire idealmente la loro corsa con quella di tanti cittadini che quotidianamente affrontano le sfide della vita, in tempi resi ancor più difficili dalla crisi economica e sociale che attanaglia il Paese. Una corsa dedicata a coloro che sono rimasti indietro, che hanno sbagliato e sono in carcere non solo per scontare una pena, ma per allenarsi a ricominciare e riprendere il filo della propria vita. Una occasione in più per testimoniare che esiste una città solidale che non dimentica il valore della dignità e della solidarietà.
La partenza della corsa è prevista alle ore 10 su un percorso interno all’Istituto di circa 5 kilometri da corrersi su un anello da ripetersi otto volte. Alla cerimonia delle premiazioni è prevista la partecipazione del Sindaco Oreste Perri.

L’UISP Cremona svolge da diversi anni un programma complessivo di attività motorie e sportive all’interno della Casa Circondariale, tra cui un torneo di calcio interno che si concluderà a fine luglio, che nell’insieme hanno contribuito molto a migliorare il clima all’interno dell’istituto e le condizioni di salute dei detenuti stessi. Nei giorni scorsi si è conclusa l’attività invernale in palestra con due partite di basket con  gli studenti dell’Itis e dell’Aselli: due incontri combattuti, vinti di misura dagli studenti grazie alla loro migliore preparazione atletica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti