Commenta

Autosburla, successo per il Gran Premio Tutti i riconoscimenti

upsburla

Dopo mesi di preparazione e di duro lavoro per preparare le “macchine” si è disputata a Cremona la seconda edizione di UpSburla, Gran Premio Formula Autosburla, organizzato dal progetto UpCremona promosso dalle Politiche Giovanili del Comune di Cremona, in sinergia con le cooperativa L’Umana Avventura, Altana, Nazareth e Iride. La manifestazione ha visto la partecipazione di ben nove squadre con una settantina di iscritti; hanno gareggiato gli istituti professionali Ial Lombardia e CrForma, l’oratorio di Sant’Imerio, le cooperative Giona e Gamma oltre che i Cavalli di Palonso di Milano e i Driver di Cremona.

E’ stato un pomeriggio dove il tempo ha regalato un sole magnifico per tutta la durata delle gare, una buona presenza pubblico ha fatto da degna cornice alla manifestazione grazie al sostegno e all’incitamento riservato ai ragazzi di qualsiasi gruppo. Grande è stata la sportività e il rispetto tra i vari team nonostante in pista le sfide fossero accesissime e sul filo del millesimo di secondo.

Presenti anche il sindaco Oreste Perri e l’assessore alle Politiche Giovanili Jane Alquati, che hanno creduto in questo progetto fin dall’inizio ed hanno anche auspicato che in futuro le autosburla tornino a sfrecciare per le vie del centro di Cremona.

Al termine delle gare sono stati attribuiti riconoscimenti in diversi ambiti: il premio miglior nome è stato assegnato ai Cavalli di Palonso, il premio originalità al Crforma (davvero bella l’idea dello Shuttle), il premio Eco (veicolo con pezzi riciclati) a Gamma, il premio della critica per l’essenzialità tecnica al gruppo di Sant’Imerio, mentre hanno vinto la gara a cronometro I Driver, la Gimcana lo Ial e L’inseguimento i ragazzi di Giona.

Positivo il riscontro dei partecipanti, aumentati rispetto alla passata edizione, e questo fa ben sperare che l’autosburla torni ad essere un evento da non perdere, rinverdendo la tradizione cremonese in quest’ambito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti