15 Commenti

Stand e auto in piazza Duomo, proprio necessario?

Lettera scritta da G. L.

Caro Direttore,

scrivo per sottoporre a lei e ai suoi lettori una questione. Per alcuni giorni uno stand della Bmw con tanto di bandiere giganti e automobili fiammanti ha stazionato giorno e notte in piazza Duomo, ai piedi del Torrazzo. Mi chiedo e chiedo: era proprio necessario? Ho visto turisti fotografare la nostra bellissima piazza, cercando di evitare di inquadrare gli stendardi e le vetture della nota casa automobilistica. Gli amministratori dovevano proprio concedere il gioiello della città? Non c’era un altro posto?

G.L.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Annamaria Menta

    Dal sito del comune di Cremona:
    “La Piazza del Comune, così come da Regolamento, viene utilizzata prevalentemente per manifestazioni di carattere istituzionale.”

    Sul sito c’è il testo di un regolamento approvato con delibera del 1995. L’ex vice sindaco ora consigliere regionale aveva tuonato contro l’utilizzo ‘selvaggio’ della piazza, quindi è stato varato un nuovo regolamento estremamente restrittivo (forse solo per qualcuno?…), regolamento di cui non ho trovato traccia sul sito del comune e che mi piacerebbe molto leggere.

    E’ questo il risultato di tanto rigore? La piazza utilizzata come ristorante per club di danarosi collezionisti o come spazio espositivo per auto?

    Mi unisco alla domanda esposta nella lettera: non c’era un altro posto?
    O anche questo rientra nella strategia di marketing dei nostri amministratori? Così il turista che vede la foto del banchetto del concessionario auto in piazza, magari sulla rivista delle linee aeree vattelapesca, alla pagina dell’inserzione a pagamento acquistata dal comune per promuovere le eccellenze del territorio, corre a prenotare un viaggio a Cremona per vedere la stessa piazza dal vero.
    Se è fortunato magari questa volta con lo stand della Ford davanti al portone del Duomo e i banner pubblicitari che garriscono al vento al posto degli arazzi….

  • Orso Bubu

    Grazie per l’osservazione. Per me è stata una scelta ignobile, di pessimo gusto e offensiva. Penso che se anche non ci fosse stato un altro posto bastava non fare nulla; a maggior ragione se esiste un regolamento che lo vieta.

  • PiovonoPietre

    Fatemi capire: un grande marchio mondiale sceglie la più bella piazza di Cremona, replicando un’iniziativa che probabilmente tocca i luoghi più suggestivi d’Italia, per uno stand e cinque (cinque !) veicoli ordinatamente in mostra, e noi ? Ci appelliamo al regolamento !
    Vietato ! Vietatissimo! Stradivari: chiuso in vetrina ! Il Torrazzo: che vengano e sudino sugli scalini !
    Già che ci siamo, chiudiamo il Duomo in una bella bolla di plastica, a mò di souvenir: invece che dalla neve (finta), saremo sommersi dalla polvere (vera).

    • Annamaria Menta

      A volte per capire basta leggere con più attenzione, la invito perciò a rileggere e, magari, a leggersi anche il regolamento (se poi trova la ‘nuova versione’ – quella dell’attuale amministrazione – ce lo faccia sapere).

      Riguardo poi a ‘bolle di plastica’ protettive e polveri varie, nessuno chiede o vuole niente del genere, si tratta solo di avere il buon gusto (se non la cultura) di fare gli ‘abbinamenti’ giusti.
      Il giorno che il ‘signor’ Beretta (quello delle armi) chiedesse la piazza per un suo spot chissà che festa, con un marchio del genere che esporta in ogni angolo del globo che onore e che visibilità…

      La cultura, l’arte, il paesaggio del territorio italiano sono già da soli qualcosa di unico, sono il motivo per cui arrivano persone da ogni angolo del globo, trasformare tutto in un ‘set’ a disposizione di chiunque possa pagare mi sembra infinitamente triste.
      Valorizzare questi tesori non vuol dire (s)venderli, in senso metaforico o letterale.
      E per fare certi abbinamenti ci vuole molto ma molto talento.

      Chissà perchè non hanno usato la nuova piazza prossimo ombelico del mondo…troppo bruttarella?

    • dan

      ma scherzi?? vogliamo tanto fregiarci di titoli come città capitale della musica, dello sport, del violino, forse della cultura, e chissà di quante altre cose e poi accettiamo che la nostra piazza maestra venga STUPRATA da una industria automobilistica, nella stessa città che 7 giorni su 10 (poco più o poco meno non importa) supera i limiti di polveri sottili (provenienti, anche, dalle automobili)…. siamo proprio ridicoli.
      un tempo piazza duomo era luogo di incontro e discussione, partecipazione. non è necessario andare indietro fino al medioevo per individuare questa bellissima peculiarità. ma oggi noi, cremonesi, cittadini (vedi l’intervento che commento) e amministratori (vedi chi concede), concediamo la nostra piazza ad enti molto-più-che-esterni in modo che questi possano avere la possibilità di convincerci ad acquistare un loro prodotto. assurdo.
      cremona, la città delle 3T+1: torrone, tettone, torrazzo e teste di cavolo (mi limito al cavolo per non incorrere in censure)

      • PiovonoPietre

        Finalmente ! Un fremito di civica indignazione, un sussulto di vera cremonesità, un pizzico di ambientalismo di grana grossa, per denunciare lo stupro della platea maior.
        Io, sinceramente, non mi scandalizzo più di tanto e lascio agli inquisitori della Bassa l’onore di difendere la città.
        Poi, arriveranno le elezioni.

      • UDS

        Siamo anche la “Città Europea Amica degli artisti di strada”…..

        …..a parte quella decina di Giargianesi che arrivano dalla bergamasca a chiedere l’elemosina, maltrattando 4 o 5 strumenti suonando per ore sempre lo stesso motivetto, io artisti di strada in giro non ne vedo mai….

        …anche se nell’ultimo anno, ogni tanto c’è in giro un signore, che credo sia cremonese, che suona per diletto, senza chiedere monete, uno strumento strano, fatto come un guscio di tartaruga… che sia un precursore di tempi migliori?

  • Senza cultura

    Alla fine era un gazebo nulla di tragico, se non sbaglio i giorni di mercato ci sono decine di banchi e banchetti in piazza Duomo non mi sembra siano tanto più belli o portino cultura….ma la mia è solo un opinione di ….uno senza cultura…

    • dan

      ignori totalmente la differenza che sta tra una manifestazione popolare e tradizionale come il mercato cittadino (con tutti i pro e i contro che si possono trovare, ma tale è: manifestazione popolare e tradizionale) e tra una pubblicità invasiva e senza concorrenza come quella della suddetta marca automobilistica.
      senza cultura non vuole per forza dire essere ignorante, ma evidentemente nel tuo caso le due condizioni si sovrappongono, si complementarizzano.
      chi vuole intendere, intenda. gli altri possono continuare a fare i finti tonti e a tollerare le vergogne del nostro paesotto di provincialoni.

      • Senza cultura, ma non troppo

        Caro dan, tanto per iniziare il mercato li non c’era mai stato, ricordi ignorantone che era in piazza Marconi quindi di tradizionale c’è solo la tua arroganza e quella dei tuoi amici sinistroidi che hanno pensato bene di mettere il mercato in piazza Duomo con le rosticcierie e la puzza di gorgonzola, quando lo fanno quelli della tua parte va tutto bene, mentre se lo fanno gli altri, apriti cielo!
        Non credo, tornando alla lettera di G.L., che le foto alla piazza o alla cattedrale vengano poi così bene con i banchi del mercato.
        Banchi con annessi furgoni che si fanno centinaia di chilometri ogni giorno , anche in città, per portare in giro cineseria a più non posso, inquinando come pochi, alla faccia del tuo “tradizionale” .Ma fammi il piacere e studia un po’ ancora che è meglio!

        • dan

          il mercato era situato alle pendici della cattedrale, baldacchini in legno che non sono rimasti perchè, si sa, il legno si consuma………

        • dan

          piazza marconi piazza fascista. cremona quand’è nata?? 218 a.C.
          ergo, 2231 anni anni di storia, di cui 1000 medievali, anni in cui la nostra città ha raggiunto traguardi mai più visti. sai che venivano a chiederci i podestà, un paio di secoli dopo il Mille???? probabilmente no.
          per favore, se conosci quello che dici, dillo pure. altrimenti smammare e non infangare i commenti altrui. grazie

        • SENZA CULTURA MA NON TROPPO SEI UN PIRLA

          IGNORANTE TU, IMBECILLE!!!!!

  • Dott Garda meglio

    Per me è stata una scelta ignobile, di pessimo gusto e offensiva. Cremona sempre più ridotta ed utilizzata come un centro commerciale di basso livello.

  • Giulia

    Effettivamente… Almeno al mercato puoi acquistare qualcosa, che non sempre trovi nei supermercati (oddio, era cosi anni fa più che adesso).. Ma gli stand sono delle cose un po’ “inutili”, basterebbe distribuire dei volantini, anche perchè credo che per vedere un auto una persona normale in genere, sceglie di andare in una concessionaria non in piazza del Duomo.. Specialmente in questa stagione dove c’è qualche turista in più…
    Al posto che quello stand, si poteva creare qualche iniziativa decisamente più concreta…