3 Commenti

Comune 'riorganizzato', Rsu: 'Mancano indicatori Dipendenti non coinvolti'

comune

Nell’ipotesi di riassetto della macchina comunale non tutto è chiaro. La pensa così la delegazione della Rsu presente all’incontro di esposizione dei risultati dello studio realizzato per conto dell’amministrazione dalla ditta Pragmata: riduzione a sette dirigenze, via il direttore generale (obbligatorio per legge), 22 posizioni organizzative sparse in tutti i settori.

Ora, le osservazione della Rsu. “Nonostante venga dichiarato iun approccio alle attività dell’ente con una visione orientata ai processi, l’operazione che viene proposta mostra una semplice aggregazione di funzioni in metà degli attuali ruoli dirigenziali. In una slide della proiezione si parlava di ‘modulazione di funzioni sul nuovo assetto della dirigenza e saranno gli stessi dirigenti a ridisegnare poi i processi al loro interno”. Altro tassello mancante, secondo la Rsu, gli indicatori. “Questa rimodulazione – scrive il sindacato – si propone di migliorare l’efficienza ma non dice, né a noi, né ai cittadini, quale metro usare per misurarla. Senza indicatori, tra un anno, due o tre, può arrivare un nuovo esperto che ci dice che per migliorare dobbiamo fare dieci aree oppure tre , tanto nessuno misura mai e quindi sono sempre tutti bravi”.

“Non è chiaro – aggiunge la Rsu – come questa operazione di collochi nel Sistema Performance e nello studio non sono stati coinvolti i dipendenti. E’ vero che un gruppo di lavoratori ha partecipato alle rilevazioni, non potevano fare altrimenti. Il coinvolgimento che intendiamo noi però è un altro e questo Comune lo sa bene perché nel 2006 l’84% del personale aveva contribuito a fare un quadro della situazione molto chiaro: così chiaro che sentire, periodicamente, delle ovvietà comincia ad essere irritante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • matteo

    Speriamo che Nolli riesca nell’intento di ridurre il numero dei dirigenti comunali. Concordo perfettamente con lui sul fatto che sia necessario ridurne il numero, verificarne le competenze e soprattutto limarne gli stipendi. Stessa cosa andrebbe fatta con le società controllate dai comuni: le società ex municipalizzate. Credo che il vicesindaco incontrerà notevoli difficoltà nel portare avanti la sua battaglia; tuttavia sono convinto che la stragrande maggioranza dei cittadini sia convinta, come lui, che i veri sprechi risiedano negli ingiustificati stipendi che i dirigenti (o manager di Stato) si sono assegnati nel corso degli anni. Bravo Nolli, un plauso da un ex elettore di sinistra

    • semper-me

      Ok, va bene , Bravo Nolli ma …….. anche lui non è un “santo”, con certe affermazioni penso solo che si stia preparando la campagna elettorale con un “pochino” di anticipo visto che sembra sua intenzione candidarsi alle prossime elezioni.

      Io ci andrei cauto prima di gridare “Bravo Nolli”, vediamo e poi forse ……ma ne dubito.

  • nancy

    Non è più ammissibile tollerare certi mega-stipendi, a fronte dei poveri travet che, quotidianamente, mandano avanti la macchina comunale con una busta paga di forse 1200 euro. Soprattutto perché alcuni dirigenti (non tutti, ci mancherebbe) sono degli emeriti incapaci, diciamolo chiaramente!