Un commento

Rette, genitori non soddisfatti: 'Presidio con bimbi al consiglio'

genitori

Si sono incontrati nel pomeriggio a palazzo Comunale i genitori delle scuole dell’infanzia contrari alle rette, il vicesindaco Roberto Nolli e l’assessore Jane Alquati. Una riunione che, però, non ha soddisfatto i rappresentanti del gruppo spontaneo di mamme e papà che, al termine, ha ribadito la propria contrarietà alla manovra e ha chiesto a tutte le forze politiche di reperire le risorse economiche necessarie ad evitare per l’anno scolastico 2013/14 le nuove tariffe. “Tale contrarietà – scrivono i genitori in una nota, dopo l’incontro – si giustifica dall’impossibilità ad oggi, per le famiglie di scegliere un servizio alternativo, avendo iscritto i propri figli alle scuole dell’infanzia comunali, secondo le date di scadenza (febbraio 2013) quando il regolamento prevedeva la frequenza gratuita per la scuola dell’infanzia. Si sottolinea che ad oggi infatti le iscrizioni sono chiuse sia per l’ingresso alle scuole materne statali, che per le scuole paritarie”.
Il vicesindaco e l’assessore Alquati hanno espresso la loro disponibilità ad avviare un percorso di concertazione con i genitori al fine di condividere i criteri di compartecipazione alle scuole dell’infanzia per l’anno scolastico 2014/2015.
“Si ritiene – scrivono i genitori – che attraverso questa disponibilità da parte dell’amministrazione, si sottolinei l’emergenza del tema famiglie e scuola dell’infanzia a Cremona, e si ribadisce la piena disponibilità al confronto su questo tema da parte dei genitori attraverso modalità e forme da definire”.
Il gruppo spontaneo genitori, intanto, continuerà la raccolta delle firme finalizzate all’annullamento dei provvedimenti per i servizi dell’infanzia che saranno protocollate in Comune lunedì 8 luglio.
In occasione del consiglio comunale dell’8 luglio, il gruppo spontaneo dei genitori ha organizzato, in Piazza del Comune e in Cortile Federico II, a partire dalle ore 17 una manifestazione a sostegno della propria posizione dal titolo: Difendiamo i servizi per l’infanzia. Durante tale iniziativa saranno organizzati momenti ludici e di intrattenimento per i bambini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • PiovonoPietre

    “Cara mamma e caro papà (promettete di non arrabbiarvi se vi dico “caro” , che per voi ha sempre un significato economico), non ho ancora capito perchè l’altro giorno mi avete trascinato in una stanza calda, con tanta gente che chiacchierava, invece di lasciarmi a casa col nonno a giocare.
    Ah, già, anche il nonno è voluto venire con noi.
    Comunque, io penso che tutto quello che voi fate per me lo fate con il cuore, ma se mi mettete un’altra volta al collo uno stupido cartello che non so nemmeno leggere, quando divento grande vi mando a quel paese.
    E chiamo il nonno a farvi compagnia”.