Commenta

Via Persico interrotta per il sottopasso Così fino a giugno del prossimo anno Zanibelli: 'Opera importante'

via-persico

Sopra, via Persico interrotta (foto Sessa)

Entra nel vivo il cantiere per il sottopassaggio di via Persico. La strada è stata interrotta in prossimità del passaggio a livello e nelle vie limitrofe (via Serafina e via Esilde Soldi) è stata modificata la viabilità. Un nuovo temporaneo assetto della zona che rimarrà fino a sottopasso ultimato, ovvero fino a maggio-giugno 2014. All’interno del cantiere i tecnici di Aem stanno spostando la fascia di fibra ottica ai lati per consentire agli operai della Beltrami (ditta che si è aggiudicata l’appalto dei lavori) di scavare. Entro agosto il passaggio di consegne all’impresa di Paderno Ponchielli per lo scavo e la realizzazione del sottopassaggio che consentirà l’eliminazione del passaggio a livello. “Da ora a sottopassaggio ultimato – ha spiegato l’assessore Francesco Zanibelli – non si potrà più transitare nel tratto interessato. Questo primo sottopassaggio verrà completato a maggio/giugno del prossimo anno. I disagi per i residenti e per i commercianti sono inevitabili data l’importanza dell’opera, e sono gestiti con la posa della necessaria segnaletica, deviando il traffico pesante in via Mantova e quello leggero in via Brescia”. A settembre, poi, si aprirà il cantiere a San Felice. Non per un sottopasso, ma per un sovrappasso. “Il sovrappasso – ha continuato l’assessore – avrà lo stesso orientamento della strada esistente, ma sarà costruito a fianco. Dunque, fino al giorno di apertura della nuova opera, la circolazione non verrà interrotta come per via Persico. Quando il sovrappasso verrà ultimato saranno realizzati i tratti di collegamento”.
Ma i lavori più impegnativi saranno in via Brescia. Qui il cantiere avrà inizio quando la nuova via Persico sarà aperta e rodata. “Nel progetto della Rfi (Rete Ferroviaria Italiana, ndr) – ha detto Zanibelli – c’era l’eliminazione del passaggio a livello in via Brescia attraverso la chiusura permanente della strada nel tratto interessato dal passaggio dei treni. Questa amministrazione ha valutato che uno stop alle auto di quel tipo fosse troppo lesivo per la città, quindi ha progettato il sottopasso, un’opera decisamente più impegnativa data la presenza del Cavo Cerca e del Cavo Robecco”.
L’eliminazione dei passaggi a livello (in tutto sono sette e tutti sulla Milano-Cremona-Mantova) fa parte di un’operazione che ha un costo complessivo di 13milioni di euro (6.934.284,00 euro di Regione Lombardia, 3.100.716,00 euro del Comune di Cremona e 3.000.000,00 euro di Rete Ferroviaria Italiana). “In base al protocollo d’intesa – ha concluso l’assessore – i lavori devono terminare entro il 2014. Fino al termine delle opere ci saranno alcuni disagi. Qualcuno dovrà fare un percorso più lungo, ma questo rientra nell’inevitabile. Gestiremo e ascolteremo le lamentele mettendoci la faccia, come fatto anche per corso Garibaldi e per il nuovo servizio degli autobus”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti