9 Commenti

Inseguiti dai carabinieri, fuori strada: fuggitivi e militari all'ospedale

incidente

A Capralba inseguimento dei carabinieri nella notte (intorno alle 2.20) finito con un grave incidente. Una pattuglia dell’Arma, impegnata nel consueto servizio di pattugliamento a Pianengo, lungo la provinciale 591, ha intercettato una Mercedes Clk per un controllo. Alla vista dei carabinieri i due passeggeri della vettura si sono dati alla fuga, prontamente seguiti dai militari. L’inseguimento si è protratto per diversi chilometri. Si è concluso alle porte dell’abitato di Capralba  – frazione Farinate -, all’incrocio con la strada provinciale 2, dove, a causa di una fuoriuscita di lubrificante dalla coppa dell’olio, i fuggitivi hanno perso il controllo del mezzo finendo la corsa in un fosso laterale. L’auto del 112, per la presenza dell’olio sull’asfalto, ha perso a sua volta aderenza ed è fuoriuscita anch’essa dalla sede stradale impattando con il veicolo inseguito. I fuggitivi, entrambi romeni, N.D.I di 25 anni e R.C.S. di 27 anni, residenti a Pandino, sono stati condotti in ospedale con lesioni e fratture per 30 e 60 giorni, mentre i militari – anche loro soccorsi e trasportati dal 118 – hanno riportato conseguenze per 15 e 40 giorni.
Successivi accertamenti hanno permesso di recuperare un tubo in gomma con tracce di gasolio che era stato gettato dall’abitacolo della Mercedes durante l’inseguimento. Questo fa presupporre che la fuga sia stata originata da fatti illeciti commessi poco prima in fase di accertamento, probabilmente asportazione di benzina. I romeni sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale in attesa di eventuali sviluppi. Le indagini sono condotte in sinergia con la Polizia Stradale Crema che ha proceduto ai rilievi. Sul posto anche i vigili del fuoco per estrarre i feriti dai rottami.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giancarlo

    Questi rumeni si potevano lasciare sotto l’auto avremmo risparmiato il carburante.

    • Ernesto

      Inasprire le pene per questi bastardi che delinquono. In Romania, le pene sono molto più severe. In questa modo ce li ritroviamo tutti qua.
      E’ un problema di sicurezza pubblica che si sta facendo sempre più grave !!!!

  • alfio

    i letti degli ospedali servono per gli italiani!!
    questi due a casa loro insieme a tutti gli altri rom

  • rinalda

    A proposito dei commenti di Alfio e Giancarlo….

    “Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura.
    Non amano l’acqua, molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane.
    Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.
    Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.
    Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.
    Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti.
    Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma sovente davanti alle chiese donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti.
    Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro.
    Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti.
    Le nostre donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le donne tornano dal lavoro.
    I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali…
    …….Si privilegino i veneti e i lombardi, tardi di comprendonio e ignoranti ma disposti più di altri a lavorare.
    Si adattano ad abitazioni che gli americani rifiutano purché le famiglie rimangano unite e non contestano il salario.
    Gli altri, quelli ai quali è riferita gran parte di questa prima relazione, provengono dal sud dell’Italia.
    Vi invito a controllare i documenti di provenienza e a rimpatriare i più.
    La nostra sicurezza deve essere la prima preoccupazione”.

    http://www.nazioneindiana.com/2009/09/12/ottobre-1912-relazione-dellispettorato-per-limmigrazione-al-congresso-americano-sugli-immigrati-italiani-negli-stati-uniti/

    • eh,pensa che una volta c erano anche i dinosauri e che la pianura padana era un ghiacciaio e c eran pure i mammuth!
      qualcun altro ha vecchie storielle da scrivere?
      i tempi son cambiati!!!
      qui si parla di criminalià organizzata,dove carabinieri e poliziotti rischiano la vita e poi vedono questi bravi immigrati liberi il giorno dopo!!!altro che italiani in america negli anni 20!

    • alfio

      se ti piacciono tanto perchè non ti fai nel tuo giardino una bella collezione di extra… li puoi usare al posto dei nanetti e come biancaneve puoi usare la kienge e già che ci sei pianta degli aleberi di banano…
      portatati a casa una bella confezione di rom e vedrai che bella festa che ti fanno!!!!

  • Quaqquaraqquà

    Non è colpa degli stranieri che vengono in massa qui a delinquere, è colpa della gente come rinalda o chicchessia, che invece di amare il proprio paese e difenderlo dalle scorribande di questi nuovi barbari, li protegge e li accudisce. All’estero passa il messaggio che qui tutto è lecito, e la colpa è tutta di questi buonisti che discriminano l’italiano onesto. Vi piace sentirvi stranieri a casa vostra? Allora andate a vivere in Mauritania ma lasciateci liberi a casa nostra! Dobbiamo mettere le inferiate a tutte le finestre per colpa vostra, siamo noi i carcerati in casa nostra!

  • paolo torriani

    Vogliamo parlare di America???? Siete sicuri???? Questi due in America per un reato simileavrebbero preso minimo 15 anni di carcere!!!!!! Prima di aprire la bocca si prega di collegare il cervello!!!

    • Giancarlo

      15 anni se andava bene, perchè forse avrebbero sparato loro, risolvendo ogni problema. In America non li avrebbero inseguiti,tratti in salvo e curati come facciamo qui. Sono solo delinquenti e come tali vanno considerati e trattati, altro che favolette e link.