Commenta

Guardie e biglietterie nei musei, si candidano due vigili, un cuoco e bidelli E arriva il ticket elettronico cumulativo

vigili-museo

Al Museo Civico Ala Ponzone e al Museo Archeologico San Lorenzo arriva la biglietteria elettronica. Il contratto con Cremonabooks che gestiva il bookshop del sistema museale è terminato il 31 luglio. “Per la gestione del servizio in economia – si legge nella determina firmata dalla dirigente Ivana Iotta – occorre dotare il Museo ‘Ala Ponzone’ e il Museo Archeologico della biglietteria elettronica con l’istallazione di hardware, software, stampanti e sistema di reportistica e provvedere alla formazione del personale’. E’ stata interpellata la ditta Charta S.r.l. di S. Agata (Ravenna), specializzata nel ticketing e nel controllo accessi, che aveva fornito analogo servizio di Cremonabooks S.r.l.

La soluzione proposta da Charta S.r.l. permette la vendita integrata tramite Internet, Call center e punti vendita autorizzati. Il sistema di biglietteria elettronica lascia all’organizzazione la possibilità di aggiungere e modificare gli eventi in programma. Si caratterizza, inoltre, come un sistema flessibile di reporting che permette facili analisi di performance e ricavi. “Questo sistema di biglietteria – si legge ancora nella determina – potrebbe consentire anche una messa in rete con il nuovo Museo del Violino che impiega la medesima tecnologia. Tale sistema consentirà l’attivazione di un biglietto commutativo dei musei della città”. La spesa prevista è di 4mila 500 euro per l’istallazione di due postazioni.

Intanto, sul fronte personale, è in arrivo la decisione sulla mobilità interna di 4/6 dipendenti del Comune (categorie B e C) da spostare al settore musei come addetti alla biglietterie, custodi di sale o guardie giurate. All’avviso (scaduto il 2 agosto) hanno risposto in diciotto, manifestando il proprio interesse al cambiamento: due commessi, dieci operatori scolastici, tre operai, un cuoco e due agenti della Polizia Locale. “Dobbiamo identificare – ha detto il dirigente del personale Maurilio Segalini – quattro o sei persone che siano adatte al ruolo e abbiano il benestare del proprio dirigente. Difficile che la Polizia Locale rinunci a due agenti e anche dalle scuole ci sono delle perplessità. E’ tutto da valutare al rientro della dirigente del Settore Musei. Il Comune potrebbe anche decidere di interpellare ad hoc personale specifico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti