Commenta

Cozzolino saluta Cremona 'Tanti risultati ottenuti, lascio una bella squadra'

carab-dentro

Foto di Francesco Sessa

Ha  salutato ufficialmente i “suoi” carabinieri, oggi in caserma, il comandante provinciale Michele Arcangelo Cozzolino, che, emozionato, ha parlato a braccio rivolgendosi agli uomini che per sei anni hanno lavorato con lui vigilando sulla sicurezza dei cittadini cremonesi. Il tenente colonnello Cozzolino andrà a Perugia, dove sarà a capo dell’ufficio logistico della legione. Il suo posto verrà preso nei prossimi giorni dal tenente colonnello Cesare Mario Lenti, in arrivo dal comando del reparto operativo del gruppo Aosta.

“E’ arrivata la fine di questa avventura”, ha detto Cozzolino ai suoi. “Questi sei anni sono volati. Quando si lascia è  sempre un momento di mestizia. Vado comunque in una bella città e questo mi conforta, anche se l’inizio è sempre duro ovunque si vada”. “Sono dispiaciuto di lasciare Cremona”, ha continuato. “Quello di comandante provinciale è il lavoro più bello, perché nel bene e nel male sei protagonista. Lascio un bel comando. Abbiamo lavorato bene e ottenuto tanti risultati riconosciuti. Abbiamo avuto grandi soddisfazioni”. Cozzolino, che con l’occasione ha ringraziato il sindaco, ha poi ricordato “la grande considerazione” avuta dall’amministrazione comunale e dalla gente comune. “I carabinieri sono un punto di riferimento, in ogni centro d’Italia siamo presenti”. “Quando si è saputo che andavo via”, ha ricordato, “sono stati tanti i cremonesi che mi hanno fermato per strada e che mi hanno espresso il loro appoggio e il loro ringraziamento per il lavoro svolto”. E poi, sempre rivolgendosi ai suoi uomini: “i carabinieri hanno fatto il loro dovere sempre e comunque, sopportando sacrifici e rinunce. Lascio una bella squadra”. E poi: “mi sento come Claudio Bisio nel film ‘Benvenuti al sud’, perché si piange due volte: quando si arriva e quando si parte. Vado via con tristezza perché lascio un bell’incarico”. Infine un augurio: “in bocca al lupo a voi e alle vostre famiglie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti