3 Commenti

Rapina a Romanengo Catturati i banditi, uno ferito dal commesso

rapina-evi

AGGIORNAMENTO – Sono stati catturati due ore dopo la rapina i due banditi che nel pomeriggio di oggi hanno messo a segno un colpo a mano armata ai danni del supermercato Dipiù di via delle Industrie a Romanengo. Sono stati fermati dai carabinieri a Romano di Lombardia, in territorio bergamasco. Sono entrambi italiani, pregiudicati. Uno dei malviventi, un 44enne bergamasco, è stato ferito con un coltello da macellaio dal commesso del supermercato, fratello della dipendente minacciata, ed ora è ricoverato in gravi condizioni in ospedale di Romano di Lombardia. Anche il complice, 63 anni, monzese, è piantonato in ospedale.

Le fasi della rapina: un uomo armato di pistola con il volto coperto da una calzamaglia è entrato nel supermercato Dipiù e ha minacciato la cassiera, costringendola a farsi aprire la cassaforte. Improvvisamente, mentre il rapinatore esplodeva colpi in aria, è arrivato il commesso armato di coltello che è riuscito a ferire il rapinatore, facendolo cadere a terra e facendogli perdere la pistola. Nel frattempo il complice all’esterno, a bordo di una Fiat Panda rossa rubata in provincia di Bergamo, ha fatto retromarcia infrangendo la vetrina del supermercato. Il rapinatore all’interno è riuscito ad alzarsi e ha raggiunto il compagno balzando in auto, lasciando dietro di sé una lunga striscia di sangue nel parcheggio del supermercato. La loro fuga è durata poco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • nbc

    Complimenti al commesso per il coraggio, oggi merce rara e sperando che la “benevolenza” normativa usuale verso i delinquenti valga anche per gli onesti che reagiscono.

  • paolo

    non escludo una doppia imputazione: lesioni (al rapinatore) e porto abusivo d’arma…la giustizia e’ o non + raffigurata come “dea bendata”?

  • Elia Siacca

    purtroppo ho il presentimento che per l’accoltellatore nonostante la legittima difesa finirà male