3 Commenti

Preso rapinatore della farmacia Zamboni: è un 49enne di Cremona con precedenti

zamboni

foto Sessa

E’ un 49enne di Cremona il rapinatore della farmacia Zamboni (P.D. le iniziali fornite dalle forze dell’ordine). E’ stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Stato nelle prime ore di venerdì a Brescia, nelle vicinanze dell’albergo in cui alloggiava. Un fermo d’iniziativa della polizia giudiziaria determinato dalla pericolosità dell’individuo, dalla possibilità di fuga e dal pericolo di reiterazione del reato, visto che aveva ancora con sé le armi utilizzate a Cremona.  Ha dei precedenti ed è stato ritenuto soggetto altamente pericoloso. Al momento dell’arresto si era già disfatto del bottino (2mila 850 euro), ma è stato trovato in possesso di droga e delle armi, una scacciacani senza il tappo rosso e un coltello. Il 49enne è già noto alle forze dell’ordine per reati contro la persona e per spaccio.

Giovedì pomeriggio il 49enne era entrato nella farmacia Zamboni di via Oglio, trasversale di viale Po, con pistola e coltello. Minacciando commessi e clienti si era fatto consegnare il bottino e si era dato alla fuga in sella ad una bicicletta, veicolo preso ad un ragazzino di passaggio (al quale come ‘risarcimento’ l’uomo, prima di allontanarsi, ha lasciato 100 euro) – leggi l’articolo.
Secondo le ricostruzioni, il rapinatore ha poi preso un taxi. Si è spogliato degli abiti con cui aveva fatto la rapina, lasciando tutti gli indumenti (maglietta, pantaloni corti, cintura, marsupio) sul mezzo. Successivamente, ha raggiunto Brescia con un mezzo pubblico. Ad indicare la pista bresciana era stato lui stesso perchè durante la rapina aveva chiesto ai presenti un passaggio. E’ stato individuato grazie alle immagini delle telecamere attive alla farmacia Zamboni e rintracciato nei pressi dell’hotel di Brescia con la collaborazione degli agenti della Squadra Mobile del  vicino capoluogo di provincia. Quando è stato arrestato non aveva più il denaro rubato alla farmacia, ma cocaina e marijuana.

L’operazione di Polizia è stata illustrata nel pomeriggio di venerdì in questura dal vice Questore Belluso e dall’ispettore superiore Coppolino. “Eravamo sulle tracce dell’individuo già da subito dopo il fatto – hanno spiegato -. Le testimonianze delle persone presenti in farmacia e soprattutto le videocamere di sorveglianza hanno fornito elementi di identificazione molto chiari”. Tra l’altro, l’uomo aveva dei tatuaggi molto vistosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ENRICO

    ma se molti pluripregiudicati sono in libertà, e i fatti di cronaca lo evidenziano,in carcere chi c’è tutti innocenti o in attesa di giudizio ?
    voglio dire come sia possibile ritovarsi sempre con gli stessi individui in giro.ai voglia a fare controlli, e ronde varie siamo sempre li, se accusati e giudicati colpevoli vanno lasciati dentro, gia abbiamo a che fare con bande straniere che scorazzano impunemente nelle nostre città, poi ci aggiungiamo questi facciamo tombola! NB PICCOLA DIFESA DEL DELIINQUENTE.se scarcerate gli extracee ,dovete farlo anche con lui altrimenti ci sono delinquenti di seria A E B…………

    • Andy

      Ma come si fa a scrivere certe stupidaggini? Ma secondo te incarcerano e scarcerano a seconda della nazionalità? La risposta è NO, non può esistere in Italia nessuna legge che favorisca o penalizzi qualcuno in base alla propria nazionalità, sarebbe incostituzionale e pure illegale! Chi dice il contrario dice baggianate. Semmai esistono leggi che estendono alcuni DIRITTI a stranieri regolarmente presenti in Italia, ma questo è un altro discorso.

    • cremonese

      Ma non si lamentano tutti dei carceri sovrafollati??? Forse c’è da chiederci se non sarebbe meglio usare altri metodi di riabilitazione. Non penso che si favoriscano gli extracomunitari è che a certi dà fastidio vedere che questi piccoli reati vengono commessi da italiani e non dai “soliti” extraxcee.
      Siamo tutti uguali e il disperato o delinquente è sia italiano che straniero, non siamo certo un paese tollerante e nella piccola Cremona si nota sempre piu’ la diffidenza verso il “diverso”, non mi sembra ci sia molta integrazione ma piu’ una guerra tra “poveri”.
      Piccola nota: mi sembra che ultimamente a Cremona ci siano troppi episodi violenti, qualcuno dovrebbe riflettere…..