Commenta

Morto di Legionella nel 2010, inchiesta ancora senza risposte

tribunale-1

Sono passati tre anni dalla morte del 74enne Romano Boccali, di professione tassista, ucciso dalla Legionella contratta facendo la doccia nella sua casa di via Biazzi al quartiere Po. All’epoca il figlio Paolo, titolare del bar Mincio, aveva presentato denuncia in procura. Da allora più nessuna notizia. Paolo attende ancora di sapere se per la morte del padre ci possano essere responsabilità. Dopo la doccia, al pensionato era venuta la febbre. La diagnosi fatta nel reparto di Pneumologia parlava di “polmonite da Legionella”. Il 2 agosto Romano Boccali era stato intubato e portato in Terapia intensiva. Il 18 agosto del 2010 il decesso. Nella casa di via Biazzi un tecnico dell’Asl aveva effettuato dei prelievi dai rubinetti dell’acqua. Nell’impianto idrico dell’abitazione era risultata la presenza di Legionella Pneumophila. Dopo tre anni, il figlio Paolo attende ancora risposte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti