Commenta

Giochi popolari, esperti cremonesi protagonisti a Verona

toc

Sabato 21 settembre 2013, alle ore 11, presso la Sala Farinati della Biblioteca Civica di Verona, si terrà il convegno dal titolo: “Gioco – Scuola – Città”, avente per tema il gioco popolare, il quale, insieme alla scienza e alla tecnologia, vuole riprendere la sua anima, dando un contributo al potenziamento delle capacità di apprendimento e di qualificazione della convivenza urbana. Il convegno, inserito nel Tocatì-Festival internazionale dei giochi in strada, vedrà la presenza di esperti cremonesi.

La parte introduttiva verrà infatti svolta dal cremonese Amilcare Acerbi, direttore di Giona (Associazione Nazionale Città In Gioco) e vedrà gli interventi di Lina Stefanini, responsabile pedagogica del Comune di Cremona, Assessorato politiche educative, e di Agostino Melega, autore dei libri tascabili sui giochi cremonesi di una volta, editi da Cremonaoggi. Gli esperti cremonesi avranno modo di confrontarsi con Maria Carlo Rizzolo, direttrice del centro di cultura ludica del Comune di Torino e con Francesco Langella, responsabile della Città dei Bambini del Comune di San Giorgio a Cremano. Al convegno parteciperanno pure Franco Adamo, sindaco del Comune di Albano di Lucania, Mario Giuffrida, dell’Associazione ‘Le città invisibili’ di Catania, Raffaella Basana, assessore all’Istruzione del Comune di Udine. Presiedono: per il Comune di Verona, Antonia Pavesi, delegata alla Cultura e presidente della V Commissione dell’Unesco e Rita Trentini, assessore all’Istruzione e Cultura del Comune di Bergantino (RO), e vice presidente di Giona.

Nel pomeriggio di sabato e per tutta la domenica 22 settembre, presso la piazzetta Pescheria, Agostino Melega, con Walter Benzoni, Ornella Righelli e Rosella Matarozzi, coinvolgeranno i presenti con l’animazione di giochi cremonesi del tempo che fu, riproponibili ai bambini di oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti