Un commento

Il Comune cerca privati per realizzare e gestire fotovoltaico al Cimitero e alla scuola Anna Frank

fotovolt

Fotovoltaico su edifici comunali. Pubblicato l’avviso per la manifestazione di interesse per la concessione delle coperture del Cimitero e della scuola Anna Frank al fine di realizzazione e gestire impianti fotovoltaici. Il privato si accolla le spese di costruzione e manutenzione dell’impianto, percependo in cambio i proventi energetici della struttura.

“Scopo del presente avviso – si legge nel documento – è esclusivamente quello di acquisire manifestazioni di interesse da parte di imprenditori singoli e/o associati, da invitare in una fase successiva a presentare un’offerta, al fine di individuare, tramite l’impiego del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, un soggetto interessato alla progettazione, realizzazione, manutenzione e gestione degli impianti fotovoltaici tramite affidamento in concessione del diritto d’uso delle coperture degli edifici su cui verranno istallati gli impianti”.

L’importo di massima stimato per la realizzazione degli impianti sugli edifici previsti è pari a 700mila euro per una potenza complessiva di circa 425 kW.

Gli impianti dovranno essere realizzati sulle coperture di tre edifici di proprietà del Comune: scuola secondaria di primo grado ‘Anna Frank’ di via Novati, Civico Cimitero (corpi A,B,C,D,E,F,G dei chiostri multipiano, Civico Cimitero (nuovo corpo H dei chiostri multipiano).

Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire entro le 12 dell’11 novembre 2013.

Per quanto riguarda gli edifici scolastici, altri due impianti fotovoltaici sono già presenti alle scuole S.Ambrogio – Don Primo Mazzolari. La struttura è affidata ad AEM. Il comune di Cremona ha stipulato una convenzione con la parte comodataria (AEM) che prevede la concessione in comodato, a titolo gratuito e con totale sgravio per la parte comodante (Comune di Cremona) dei consumi elettrici di entrambi le scuole; la convenzione con contratto di comodato d’uso è della durata di trent’anni. La stima del risparmio energetico, al netto delle spese amministrative è stimata intorno ai 82.000.Kwh (dati AEM) con risparmio economico valutato in euro 20mila euro annuali, per un ammontare complessivo di 600mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Dott. Tan. Lory Maria Marchese Conte Cav. di Chiarafogna

    strano, una buona idea, non è farina del comune di cremona, se non per l’idea di illuminare i defunti, la scuopla col fotovoltaio, soprattutto nella bella stagione produce energia elettrica.
    potrebbero metterli anche sui decrepiti tetti di proprietà del comune…almeno arresta l’acqua che entra dal tetto