13 Commenti

In Giunta col tablet, comperati dodici supporti per sindaco e assessori

giunta-tablet

In Giunta con il tablet. E’ stata affidata alla ditta Softworld di Cremona la fornitura di dodici tablet Asus necessari per le sedute in formato digitale della squadra di Oreste Perri. “Nell’ambito del progetto di semplificazione e digitalizzazione dell’attività amministrativa – si spiega nella determina – è prevista la produzione di provvedimenti e documenti in formato esclusivamente elettronico, nonché l’apposizione di firma digitale su Deliberazioni, Determinazioni e altri provvedimenti amministrativi. Inoltre, così come specificato nella Comunicazione di Giunta discussa in data 19 settembre, il progetto prevede che le sedute di Giunta possano svolgersi con il supporto tecnologico eliminando ogni forma di documentazione cartacea. A tale scopo verrà messo a disposizione di ogni componente della Giunta comunale un tablet che consentirà di illustrare i vari argomenti trattati usufruendo della documentazione disponibile sul supporto informatico”. L’attività è compresa nel progetto ‘Attuazione del piano di digitalizzazione dell’azione amministrativa’ contenuto nella Relazione Previsionale Programmatica 2013-2015.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Camilla

    …li useranno per poco tempo….speriamo che chi verrà dopo non decida di cambiare ” marchio” cestinandoli. Non sarebbe una novità!

    • talos

      Piuttosto speriamo che a fine mandato venga restituito all’amministrazione comunale e non venga “dimenticato” a casa!!!!!!!

      • Una che legge

        si si… ne portano 2 a testa

  • GIGILOCATO

    Ottima idea cosi giocheranno a Angry Birds durante le giunte, e’ gia’ un migliormanto almeno non dormono

  • germana

    …è prevista la produzione di provvedimenti e documenti in formato esclusivamente elettronico, nonché l’apposizione di firma digitale…..
    con il tablet ? con android? o hanno già il nuovo sistema microsoft ? mah, sarà…. ma i documenti da che sistema sono prodotti ? da che software ? come li scambiano ? sarò informaticamente ignorante ma proprio non capisco perché non un portatile in wireless …. speriamo non sia solo per facebook e twitter, che comunque funzionano bene anche sui portatili …ma forse il sono prevenuta perché uso un “vecchio” Galaxy Note 10.1

  • ma sanno usarli???secondo me vedendo ed ascoltando qualcuno dei consiglieri,el la sà gnan pìsaa…

  • Erisso

    Buona idea. Anche perché – e parlo per esperienza diretta – capita che informazioni fornite alle pubbliche amministrazioni in formato cartaceo vadano inspiegabilmente perse. E poi saranno senz’altro tablet nella fascia bassa di prezzo, per non gravare sulle casse comunali che vengono sempre descritte come vuote (magari non proprio per tutti…).

    • germana

      nell’informatica è abbastanza normale che al basso prezzo corrispondano prestazioni limitate. E comunque continuo a non capire perché non un notebook… o meglio, se è per una questione di prezzo beh, le prestazioni sono molto diverse. Con il tablet navighi, scrivi qualcosa se sai destreggiarti fra i formati, sempre che non abbiano un Windows, cosa possibile, e devi saper usare il cloud …. lo spreco non si misura sul prezzo di mercato più o meno alto ma sul rapporto costo benefici, e se anche spendi poco ma il beneficio è irrisorio hai sempre sprecato

      • Erisso

        Temo che l’ironia fosse poco esplicita, e me ne scuso.

  • sandra

    A proposito , e le venti bici ducati x circa trentacinquemila euro , x risparmiare sulle emissioni di CO2 , che fine hanno fatto ?

    • Una che legge

      le bici o i 35.000 euro???
      e te lo domandi pure???

  • Dott Garda meglio

    Strade, marciapiedi, scuole, manutenzioni, taglio di acqua-luce-gas ai cittadini in difficoltà etc…ma non erano finiti i soldi?
    Senza vergogna.

  • Dott. Tan. Lory Maria Marchese Conte Cav. di Chiarafogna

    “A proposito , e le venti bici ducati x circa trentacinquemila euro , x risparmiare sulle emissioni di CO2 , che fine hanno fatto ?………………..
    – nei paradisi fiscali.