3 Commenti

Lgh cerca alleanze, Perri: 'Aperti tavoli ma no decisioni'

lgh

Discusso in consiglio comunale il tema riguardante Lgh e le aggregazioni con altre multiutility. A sollevare la questione, i consiglieri del Pd Maura Ruggeri e Roberto Poli che hanno interrogato il sindaco per conoscere “se corrispondano al vero le notizie riportate dalla stampa; quali indirizzi il Comune di Cremona abbia formulato attraverso AEM Cremona S.p.A circa i ventilati progetti di aggregazione; se non intenda rendere partecipe il Consiglio comunale di tali indirizzi, anche attraverso l’Ufficio di presidenza, che ha il compito di promuovere ed organizzare rapporti informativi periodici da sottoporre al Consiglio comunale sulla attività degli Enti e delle aziende partecipate dal Comune di Cremona”.
All’interrogazione ha risposto il sindaco Oreste Perri: “Vorrei ricordare – ha dichiarato il primo cittadino – che, in merito ad LGH, è stato approvato di recente il nuovo Piano Strategico di LGH che fissa per i prossimi tre anni le principali linee guida d’azione e di sviluppo della nostra multiutility. Relativamente alle indicazioni fornite ad AEM Cremona S.p.A. che detiene la partecipazione in LGH, per quanto riguarda le ipotesi di aggregazione sono quelle note e ben richiamate nel testo dell’interrogazione a firma dei consiglieri Ruggeri e Poli e peraltro periodicamente considerate nelle frequenti relazioni con i rappresentanti della società. In questi giorni LGH è evidentemente al centro dell’attenzione anche mediatica, nazionale e locale, nell’ambito del cosiddetto “risiko delle alleanze”, senza che peraltro vi siano fatti e situazioni concrete o in fase di immediata concretizzazione. Le attività in corso, intraprese dagli amministratori della società, sono coerenti con l’intento di ricercare per LGH possibili alleanze, senza però aver individuato ancora percorsi preferenziali. Sono attualmente aperti tavoli tecnici di valutazione con AGSM Verona, ACSM Como, AGAM Monza e Gelsia Seregno”. “Le intenzione – ha concluso Oreste Perri – sono quelle di favorire tutti gli approfondimenti necessari per individuare opzioni concrete sulla base delle quali poter procedere a valutazioni e determinazioni di merito. Il coinvolgimento dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale, richiesto nell’interrogazione, penso sia opportuno una volta acquisiti elementi sufficienti strutturati, per favorire un adeguato confronto”. La consigliera Maura Ruggeri, parzialmente soddisfatta della risposta ottenuta, ha chiesto maggiore trasparenza su questo argomento, nonché un confronto con l’opposizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • sandra

    A proposito : com’e ‘ finita la voragine di Blugas ? Abbiamo finito di pagare o anche per i prossimi dieci anni i bilanci saranno zavorrati da quel buco gigantesco ? Sarebbe interessante saperlo , perché quando si tratta di partnership o di incroci azionari i bilanci contano e parlano . E quando le trattative non vanno in porto o vanno per le lunghe c’ e’ sempre un motivo , che si chiama crediti inesigibili , contratti capestro , o semplici soppravalutazioni o sottovalutazioni delle poste di bilancio.
    Perché il diavolo non solo veste Prada , ma ama anche nascondersi trs le pieghe dei bilanci

    • Luigi Previti

      Basta chiederlo a chi è stato Presidente di LGH sino a marzo 2012 che… era anche Presidente di BLUGAS….

  • bungatore

    Ma in soldoni che cosa ci guadagna il comune… cioè noi….????

    forse le scatole cinesi prosperano ovunque…..???

    RSP