Commenta

Provincia, in tre anni previsti 71 milioni di opere pubbliche

opere-pubbliche

La Provincia, pur incerta sulle sue sorti future (commissariamento o nuove elezioni la prossima primavera) ha approvato a livello di giunta il programma triennale delle opere pubbliche 2014-2016, che dovrà essere adottato dal Consiglio insieme al Bilancio di previsione. L’ente di corso Vittorio Emanuele programma investimenti milionari soprattutto su scuole e strade, le due competenze principali e di cui il presidente Massimiliano Salini ha più volte sottolineato la priorità. Quattordici gli interventi previsti nel 2014, per 33 milioni 651mila euro; 9 quelli del 2015, per 7 milioni e 250mila euro; 2 per il 2016, per 30 milioni 350mila euro, per un totale complessivo che supera i 71 milioni. Tra le priorità, c’è la pista ciclabile tra Crema e Offanengo, 377mila euro, con inizio lavori nel primo trimestre 2014 e completamento entro l’anno; al complesso scolastico di via Palestro di cui fa parte il liceo scientifico Aselli, andranno 600mila euro per adeguamento alle norme di sicurezza, prevenzione incendi, eliminazione delle barriere architettoniche, con inizio anche in questo caso nei primi mesi del 2014.

Al capitolo manutenzioni stradali sono iscritti 3 milioni 657mila euro per asfaltature in vari punti della rete provinciale (avvio secondo trimestre 2014, conclusione entro il primo 2015); mentre 1 milione è destinato alla gronda nord – asolana di Casalmaggiore. In posizione avanzata rispetto alle previsioni precedenti ci sono poi interventi sulla ex statale 10 con manutenzione e ripristino del tratto piadenese, per 932mila euro. Erano previsti nel piano opere pubbliche 2013 e invece slittano al 2014 interventi milionari quali la nuova sede del polo Racchetti di Crema, per oltre 9 milioni; le opere al porto di Cremona, quasi 15 milioni di cui 10 devono essere sbloccati dallo Stato; altri lavori di conservazione al liceo scientifico Aselli per 250mila euro.

Non sono compresi nel piano triennale delle opere pubbliche gli interventi definiti come “cantierabili”, ossia i cui lavori stanno per iniziare, per un importo totale tra strade e scuole di oltre 6,5 milioni.  Si tratta del milione di euro per  il rifacimento dei tetti e delle officine dell’istituto Apc in via Gerolamo da Cremona; 650mila euro per l’Itis Galilei di Crema; e 500mila per l’itis Torriani di Cremona. Inoltre, tra gli altri, asfaltature per 3 milioni; interventi su viabilità e piste ciclabili a Bordolano (opere compensative per impianti di stoccaggio metano Stogit), per 1,4 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti