7 Commenti

Lega: 'Questuanti sotto palazzo comunale, la Giunta dorme?'

lega

La Lega attacca la Giunta, tornando su uno dei suoi cavalli di battaglia: le persone che chiedono l’elemosina ai passanti, anche in centro città. “Questuanti indisturbati sotto le finestre di Palazzo Comunale – si legge in una nota della segreteria cittadina – gli Amministratori dormono? I tutori della legge dove sono? L’Assessore alla sicurezza Bordi, oltre ad inventare storie e complotti su progetti per nuovi inceneritori, dov’è? Tutti i giorni le stesse persone, ben note alle forze dell’ordine e alla polizia locale, agiscono indisturbate nel centro cittadino a chiedere elemosina ai passanti, “molestando” nella maggior parte dei casi donne e anziani, che per compassione o paura cedono alle richieste. A fine giornata, questi bravi lavoratori (per la maggior parte immigrati), guadagnano esentasse più di molti cremonesi che lavorano faticosamente e onestamente, e magari i ‘poveri immigrati’ ricevono anche la casa dell’Aler e aiuti economici dal Comune. Ovviamente per loro nessun controllo, meglio usare la polizia locale per dare le multe in tangenziale e per la sosta vietata, è molto più redditizio per le casse comunali e molto meno faticoso. Perché non vengono più applicati i provvedimenti che prevedono multe a chi chiede la questua? Perché la Polizia Municipale non contrasta più il fenomeno dell’accattonaggio? Chiediamo alle istituzioni di attivarsi affinché finiscano queste situazioni di illegalità e di molestia. Per la Lega Nord, Cremona deve diventare una città bella e pulita, un bel biglietto da visita per chi viene a visitarla e una città tranquilla per chi la vive quotidianamente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bubbe

    Beata ignoranza!

  • luca

    Mi piacerebbe avere risposte alle seguenti domande:
    i venditori abusivi in centro sono sempre gli stessi, come vivono? sono a carico del Comune perchè non vengono allontanati?
    e nello specifico parlo di quello sotto la galleria e dell’altro che staziona in via Solferino occupando lo spazio dove è presente l’antica strada romana.

  • giordano

    addirittura nei giorni di mercato qualcuono di questi delinquenti lorda con la propria presenza i gradini del Duomo! Perchè non vanno a casa loro a farlo nelle moschee?

    Peggio di loro ci sono solo quelli che li difendono….

  • alfeo

    non vengono allontanati solo perchè presto a vendere accendini vedremo anche la kyenge

  • CREMONESE DOC

    Non mi sembra che la Lega con Zagni abbia fatto qualcosa, anzi, tante parole e zero fatti, e’ ancora vivo il ricordo di venditori abusivi in piazza Duomo davanti ad esponenti della Lega quando comandava, eppure, sguardo basso facendo finta di niente nonostante con i miei amici facevamo notare a voce alta la cosa! Bastava chiamare i vigili!
    Poi concordo che anche Bordi non fa niente se non chiamare i giornalisti per fare le foto mentre fanno i controlli, se veramente volessero li fermerebbero tutti, ma forse non vogliono!
    Cos’è, aspettiamo le promesse dei futuri candidati sindaco o si agisce prima?

  • nbc

    Il problema è che l’accattonaggio non è più reato! ci sarebbe la sanzione amministrativa ma per farla occorre un’identificazione , questi personaggi girano apposta senza documenti sapendo che l’identificazione è spesso impraticabile. comunque la sanzione non la pagherebbero mai .
    Proposta provocatoria: sanzioniamo chi offre l’elemosina. In fondo per la prostituzione si usa lo stesso principio : il favoreggiamento.
    Vediamo se la politica ha il coraggio di farlo fregandosene del voto dei buonisti di turno.

  • nbc

    Inserire il divieto di elargire elemosina in determinati contesti potrebbe essere, questo sì, inserito nei regolamenti comunali, basta averne il coraggio.
    La gente deve capire che la questua è ormai gestita da organizzazioni vere e proprie , dare l’elemosina al mendicante di turno non fà altro che incentivare lo sfruttamento dello stesso e l’allargamento del fenomeno; sempre che i soliti noti non vogliano perdere l’occasione per redimersi con un misero obolo .