8 Commenti

Consiglieri comunali, agli assidui delle commissioni 5mila euro in un anno

commissione

Può rendere anche 5mila euro l’anno fare il consigliere comunale a Cremona. Ecco quanto hanno percepito nel 2012 (ma l’andamento del 2013 è analogo) i consiglieri che hanno partecipato più assiduamente sia alle sedute di consiglio sia a quelle delle commissioni di cui fanno parte. E per i gruppi composti da un solo consigliere, necessariamente presenti in tutte le 9 commissioni (più quella dell’Ufficio di Presidenza), la cifra si raggiunge facilmente se si partecipa con costanza. Nel rendiconto 2012 delle spese sostenute dal Comune per “compensi di qualsiasi natura legati all’assunzione della carica”, tra i consiglieri più pagati figurano Santo Canale (5mila euro), capogruppo di “Cremona nel Cuore”, lista che aveva sostenuto Corada sindaco; Giancarlo Schifano (5.065 euro), unico eletto della Lista Italia del Valori; Giovanni Ferraroni, 4.582 euro, uno dei due consiglieri rimasti nel Gruppo Lega Nord (l’altro è Italico Maffini, che in compenso non è quasi mai presente in commissione e ha percepito gettoni per appena 723 euro). Meno presente di Maffini alle sedute è soltanto un altro consigliere del gruppo misto, Andrea Vacchelli, che ha intascato solo 663 dal suo incarico pubblico. Nella parte alta della lista dei compensi sta anche Ferdinando Quinzani, unico componente della lista “Cremona per la Libertà” con la quale si era candidato a sindaco, animatore di gran parte delle sedute di consiglio e delle commissioni, che ha avuto diritto a 4.643 euro. Consigliere più pagato in assoluto, avendo diritto all’indennità spettante quale presidente del Consiglio, è Alessio Zanardi, Lista Perri, con 17.110 euro. Per contro, non ha percepito alcun compenso Carlo Alberto Ghidotti, Pdl, essendo anche presidente del Consiglio Provinciale.

Includendo anche i compensi per sindaco e assessori (il solo sindaco ha ricevuto nel 2012 63.313 euro, inclusi 761 euro di spese di viaggio), gli amministratori cremonesi hanno percepito  514.696 euro, cifra che include 6.068 euro di spese di viaggio complessive. Gli assessori hanno avuto stipendi compresi  tra i 47mila dell’allora vicesindaco Carlo Malvezzi e i 38mila di Claudio Demicheli e Maria Vittoria Ceraso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ma manteniamo tutta sta gente????manco fossimo a roma!!!!
    andate a laurà!!!se ne siete capaci!

  • Mara Maionchi

    Ahahah….fantastico

    • ric

      ahaha Santo Canale, ma porca miseria…

  • talos

    Forse farebbero meglio a rinunciare, secondo coscienza, ad una parte dei compensi per destinarli ai cittadini bisognosi…
    M5S insegna!!!!

    • CREMONESE DOC

      M5S insegna? Certo, a mettere amici e parenti come portaborse o consulenti, ma fatemi il piacere, per i grillini all’inizio nobili
      Intenzioni, poi si comportano come tutti!
      Non scandalizza quello che prendono, e’ che alcuni di questi prendono soldi senza far niente, lavorassero almeno!
      17mila euro a Zanardi, mah e come lui altri che hanno pure un lavoro, speriamo almeno si siano messi part time nelle loro attività!

  • Aldo Portesani

    Ma stiamo a guardare le inutili marionette che sono ai confini dell’impero, cerchiamo di saperne di più di chi siede alla tavola del padrone.
    il Carissimo Senatore Pizzetti o la cara On. Fontana, cosa guadagnano.
    Non è che bisogna necessariamente essere anti-politici, sicuramente bisogna essere però darsi una bella regolata.
    Voi pubblicate i miseri stipendietti dei consiglieri comunali, che però gratuitamente fanno il lavoro di ricerca e di attività politica.
    Cosi non avviene per tutti, provate a rendere noto che stipendioni hanno alcuni dirigenti nel nostro Comune.
    Stipendi che sanno molto di romano.
    Ma Perri non doveva ridurre questi sprechi.
    Sprechi che sono stati introdotti dal centro-sinistra, e che lui in campagna elettorale aveva promesso di togliere. ma, si sente profumo di accordo inciucio, chiamatelo come volete. Albertoni, Paloschi, sono ancora li, non erano uomini della sinistra….
    Quindi riassumendo Senatore??? Onorevole??? Dirigenti, con bonus ecc???
    forse ai cremonesi interessano queste cose???
    Anche perchè vivere di politica e solo di quella nel 2013 è da ritenersi cosa indecorosa.
    Qual’è il suo mestiere: “fare politica, ma sa fino al’età della mia pensione esageratamente d’oro, poi basta”!.
    Tradotto fare soldi con la politica.
    Forse grillo vince proprio per questo, e le prossime elezioni, destro e sinistra lo vedranno sicuramente.
    Diminuzione stipendi dei parlamentari, legge elettorale, una sana patrimoniale… nulla, alla faccia del partito dei lavoratori…
    Aldo Portesani

  • Julia

    “Non ci si campa ma è una bella cifra con cui arrotondare”!! Arrotondare!?!? Non ci si campa!? Ma stiamo scherzando…

  • Vera

    ” Il bullo in discoteca con i soldi pubblici”……cioè? dubito fortemente che le entrate pubbliche vadano a confluire nelle casse della discoteca che peraltro non è proprietà di Santo Canale quindi non ne trarrebbe alcun guadagno. Semmai lì ci lavora…e viene normalmente retribuito. Ma perché perdere tempo a spiegare certe sottigliezze quando mi pare ovvio che ci sia un accanimento dettato da probabile invidia. O forse di Santo Canale ci lamentiamo tanto ma tutti lo conosciamo e tutti approfittiamo della sua notorietà…sto parlando delle scelte stilistiche dello stesso quotidiano online Cremona Oggi che pubblica tale articolo sottolineando in neretto il nome del Consigliere Canale come più pagato con un compenso di euro 5004 e mette solamente a seguito Giancarlo Schifano con euro 5065, valore seppur di poco maggiore….coincidenza, errore di battitura o semplice strumentalizzazione di un nome che si conosce più di altri?